mercoledì 25 gennaio 2012

TORTA GENOVESE CON PANNA, MANDORLE E AMARENE


Giusto per non farci mancar niente (vuoi mettere: la nebbia, l'umidità, le zanzare...), anche noi lodigiani questa mattina ci siamo svegliati (almeno io) a ritmo di terremoto. Il tragico (che per fortuna non c'è stato) si unisce al comico. Erano passate da poco le nove quando vengo svegliata da una forte scossa. Sento il letto traballare. No, non sto sognando, sono sveglia. Saranno i muratori qui accanto col martello pneumatico - ma di rumori non se ne sentono - Sarà la caldaia che sta per scoppiare - No, impossibile - Sarà mica il terremoto???? Oddio, che faccio? Iris, devo pensare a Iris! Sotto il letto impossibile proteggersi - non ci passo manco a calci con la pancia che ho - Idea, capovolgo il lettino già montato della piccola e mi riparo lì sotto - ma và, è così leggero che un calcinaccio lo distruggerebbe in un secondo - e mentre penso a tutto questo il sisma cessa...saranno passati una manciata di secondi, ma per me è stato un lasso di tempo interminabile. Era la prima volta che passavo un'esperienza del genere e, ripeto, non c'è stato assolutamente nulla di grave...per fortuna. Ma il mio pensiero è andato a tutte quelle persone che, vittima di terremoti, hanno perso la vita, persone care, la casa, tutto ciò che possedevano. Sono tragedie contro cui non si può combattere. Bisogna solo avere fortuna. E noi, oggi, l'abbiamo avuta.


Per riprenderci da quest'esperienza che non so nemmeno io come definire, vi propongo questo dolce straricco di calorie, ma anche di bontà. La ricetta l'ho trovata su di un vecchio numero de La Cucina Italiana, cambiandola un po'. Premetto subito una cosa: io ho raddoppiato tutte le dosi. Lo stampo che ho usato è uno stampo in silicone Silikomart dal diametro di 20 cm, lo Springlife; le dosi indicate nella ricetta non mi sarebbero bastate a riempirlo.

Ingredienti:
panna montata g 400 (per me 200 g)
zucchero semolato g 80 (per me 160 g)
farina g 80 (per me 160 gr di farina 00 Dolci e Sfoglie Molino Rosignoli)
mandorle macinate finissime g 30 (per me 60 g di farina di mandorle Di Sano)
burro g 30 (per me 60 g)
2 uova e 3 tuorli (per me 4 uova e 6 tuorli)
miele
cannella in polvere (per me Tec-Al)
zucchero a velo (per me San Martino)
amarene sciroppate (per me Amarene Fabbri)
sale

Preparazione:
Montate a spuma le uova e i tuorli con mezzo cucchiaio di miele, lo zucchero semolato e un pizzichino di sale; non appena il composto "scrive", incorporatevi, con movimenti dal basso verso l'alto e viceversa, la farina, le mandorle macinate e il burro fuso e freddo. Versate l'impasto in uno stampo in silicone (per me Springlife di Silikomart) e infornatelo a 180° per 50' circa. Appena il dolce sarà cotto, sformatelo su una gratella e lasciatelo raffreddare: si può fare anche il giorno prima. Per servirlo, tagliatelo orizzontalmente in 2 dischi e distribuitevi la panna montata, abbondante cannella in polvere e qualche amarena Fabbri, quindi sovrapponeteli ricomponendo il dolce. Spolverizzate la torta di zucchero a velo, guarnitela con le amarene e, a piacere, anche con un poco del loro sciroppo, facendolo colare a filo.



59 commenti:

  1. Si anche io continuo a pensare a che non è stato così fortunato e a cosa deve aver passato. Comunque un bello spavento ce lo siamo preso. Servirebe proprio una fetta di quella stupenda torta. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. segnata!! ha un aspetto golosissimo!! tu cosi a questa piccolina la vizzi! (non a me.. a Iris scema.. ahahaah) che goduriosa si si! la fo la fo!! ^_^

    io oggi non l'ho sentita ma ieri sera avevo sentito delle lievi scosse.. ma mi hanno presa per i fondelli tutti!! =_='

    RispondiElimina
  3. si è sentito anche a Piacenza, ma io ero in giro in macchina e non me ne sono accorta.... hai ragione, abbiamo avuto fortuna......
    silvia - pc-silvia@hotmail.it

    RispondiElimina
  4. waooooooooooooooo, bella e non solo!!!!! Che chiccheria.....baciuzzi.

    RispondiElimina
  5. ... per la torta non ho parole, la mangerei tutta io, golosastra che non sono altro......

    sempre silvia pc-...ecc..ecc

    RispondiElimina
  6. Un grande spavento!! Immagino...qui stavolta non si è sentito...
    Questo dolce è davvero golosissimo!!
    Manca davvero poco ormai eh...Iris sta per arrivare!!

    RispondiElimina
  7. Gnam gnam che buona questo dolce!

    RispondiElimina
  8. mamma mia, stupenda...eccezionale.... da provareeeeeeeeee!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. p.s. anche qui a Pavia si è sentito...vedevo degli oggetti tremare... ma poi è tutto passato...per fortuna!

      Elimina
  9. Che meraviglia questo dolce!!! Complimenti davvero!

    RispondiElimina
  10. Davvero quello che ci vuole per riprendersi da un mini-shock tragicomico ^-^
    Una leccornia. Sarei curiosa di sapere come mai si chiama torta genovese [da buona genovese ^-^] ciao!

    RispondiElimina
  11. Direi che questa torta è quanto c'è di meglio per riprendersi!! Ma scherzi a parte, mi immagino lo spavento, ho avvertito solo una volta nella vita il terremoto e molto meno forte di quello di oggi, è spaventoso, perchè non si può prevedere, la durata, l'intensità.... terribile!!
    Franci

    RispondiElimina
  12. immagino la paura, immagino anche la bontà di questa torta.
    baci

    RispondiElimina
  13. anch'io oggi ho sperimentato il terremoto! eravamo in ufficio, io non mi sono spaventata molto ma cqm è una sensazione stranissima. godurioso il tuo dolce!

    RispondiElimina
  14. Che favola Kiara, ma che cos'e' questo trionfo di panna ed amarene? Sembra un sogno fatto torta :) bravissima!
    p.s. io niente terremoto ovviamente, ma capisco tutta quella paura :(

    RispondiElimina
  15. Capisco il terrore che può provocare un simile evento, per fortuna, come dici tu, è andata bene! :-)
    Stupenda e troppo golosa la torta! :-)
    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  16. Oh mamma che buona e che bellissime foto complimenti per tutto e grazie per il commento

    RispondiElimina
  17. Immagino la paura :-(
    In genere consigliano di mettersi vicino i muri maestri o sotto gli stipiti delle porte...
    Di terremoti ne ho sentiti tanti, più o meno forti (Roma è zona sismica) ma ogni volta è una scarica di adrenalina e non si sa mai cosa fare...
    Comunque secondo me il terremoto lo sta facendo Iris per uscire da quella panzona, viste le delizie che prepara la sua mamma :-D
    Ciaooo

    RispondiElimina
  18. Qui in Trentino (i soliti fortunelli!!)ne abbiamo avute ben due: Una ieri notte all'1 e l'altra questa mattina alle 9.6 Io sono sveglia da ormai molte ore!!!!la paura è stata molta. Torniamo alle cose belle:la tua torta!!è una assoluta meraviglia!!!!io mi sono innamorata persa al primo sguardo. complimenti e mangiamocene una bella fettona alla faccia delle paure!!!:-)Un bacio

    RispondiElimina
  19. Direi che con questo dolce ti sei calmata eccome^_^ Ho sentito anch'io che ci sono state delle scosse al nord, ma io personalmente non ho sentito nulla ( per fortuna...paurosa come sono!!! ) Speriamo non ce ne siano delle altre :-( Un abbraccio tesorina...

    RispondiElimina
  20. avendo vissuto il terremoto dell'80 ti capisco ahimé!
    la torta assolutamente divina! ottima consolazione :)

    RispondiElimina
  21. Io ero in macchina e non mi sono accorta di niente, ma ho provato la sensazione alcuni anni fa e non è affatto piacevole! Questa torta comunque farebbe "calmare" qualsiasi persona. Buona serata Sonia

    RispondiElimina
  22. L'esperienza del terremoto l'ho provata tante volte quando abitavo in Abruzzo e anche durante l'università a Urbino, non mi ci sono mai abituata e ogni volta la paura si rinnovava moltiplicata, terribile. Mi dispiace tu l'abbia dovuta passare con il pancione.
    Ma veniamo a questo dolce da sballo: appunto, è da sballo! Concreto per la pasta margherita, delicato per la panna, deciso per le amarene. Mi piace!
    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  23. Come l'hai raccontato,hai ragione tu, è comico. Ma comunque durante la lettura ho pensato al tuo spavento e a quello della piccola....per fortuna che è finita bene.

    RispondiElimina
  24. E' bellissima,e sicuramente deliziosa! Mi piace molto come torta,perchè ci sono le amarene e le mandorle!!!!!MMmm chissà che buona!!!

    RispondiElimina
  25. Una delizia......ottima un bacio....

    RispondiElimina
  26. Che meraviglia!!! (qui per fortuna niente terremoto!)

    RispondiElimina
  27. Che buona, ci volevano davvero delle dolci coccole dopo lo spavento di stamattina!! Da noi c'è pure stata ma di intensità minore, che molti neppure l'hanno sentita..

    RispondiElimina
  28. Io fortunatamente non ho sentito niente perchè accompagnavo i bimbi a scuola..panico scampato!cmq prima di andare a nanna una fettina di dolce iper-..me la farei.besos

    RispondiElimina
  29. Noi in Calabria abbiamo imparato a conviverci...ma il terrore è sempre presente e ti capisco...è poco il tempo ma sembra lunghissimo...Certo però che con questa meravigliosa creazione l'animo si ristora eccome!!!!!
    Ti abbraccio Kiara...

    RispondiElimina
  30. mamma mia, anche io mi sono spaventata da matti.
    Che dolce capolavoro, complimenti!

    RispondiElimina
  31. smche io ho sentito il terremoto ieri e mi sono spaventata non poco! per fortuna che non è stato niente di serio :)

    che bella questa torta! non c'è niente di meglio che un dolce da mille calorie per riprendersi dai traumi :D

    RispondiElimina
  32. Mamma mia Kiara, un vero attentato questo dolce, è strepitoso!

    RispondiElimina
  33. E chi più ne ha più ne metta!!! ma è strepitosa.. ha un aspetto bellissimo.. mette voglia.. ma siii alla faccia della dieta!!!! baci .-)

    RispondiElimina
  34. Mamma mai che buonaa.. e mi è venuta una vogliaaaaa

    RispondiElimina
  35. Non farmi pensare al terremoto che mi viene l'ansia!!
    Guardando però la tua torta.. mi passa subito!!!:)

    RispondiElimina
  36. Anche qui ieri la terra ha tremato parecchio e ci siamo davvero spaventati...
    Mi ci vorrebbe una fetta della tua torta!!!
    baci

    RispondiElimina
  37. Davvero bella e morbidissima, si vede si vede!

    RispondiElimina
  38. anch'io ho avuto paura del terremoto...certo che con un dolce così mi riprenderei subito!! bravissima, come al solito!!

    RispondiElimina
  39. sono momenti brutti ti capisco! riconsoliamoci con questa torta che trasuda bontà!
    ciao ;)
    Valeria

    RispondiElimina
  40. Mamma mia Kiara, posso averne una bella fettona?

    p.s. bruttissima esperienza :( per fortuna non è accaduto nulla di grave,
    Tiziana

    RispondiElimina
  41. che goduria questa torta, tira veramente su già a guardarla.
    Ciao

    RispondiElimina
  42. Kiara mi dispiace tanto per lo spavento. E'vero quello che dici. Sono siciliana e condivido quanto dici perchè ne ho sentite davvero tante di storie da parenti e conoscenti. Un bacio e speriamo sia finita qui. La tua torta è uno spettacolo!

    RispondiElimina
  43. Ieri mattina mio figlio mi chiama da Milano e fa: mamma di sicuro c'è qualcuno nell'armadio che sbatte forte!!! Ed io che l'ho preso in giro...poi mio marito accende la tv e sente che davano la notizia delle scosse di terremoto!!!Oh mamma mia...che agitazione, ma per fortuna tutto a posto!
    Quindi immagino il tuo spavento!!!
    Questa torta è di una goduria indescrivibile!
    Ti aspetto da me, ho un piccolo regalino per te!
    Abbracci!

    RispondiElimina
  44. che torta meravigliosa e golosa

    RispondiElimina
  45. mamma mia che meraviglia!!! non è che te avanza una fetta?? :-D

    RispondiElimina
  46. una fetta,please? mamm,a che bontà!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  47. Mamma mia tesoro, immagino che spavento! Per fortuna non ci sono stati danni però condivido quanto dici ed è in queste circostanze che si manifesta tutta l'impotenza e piccolezza dell'uomo davanti alla forza della natura.
    E il tuo spirito di mamma è già venuto fuori tutto ieri mattina.
    La torta è goduriosa, dopo uno spavento del genere di sicuro riporta la pace dei sensi. Un bacione

    RispondiElimina
  48. Ciaoooooooooooooo ti ho scelto per questo premio....
    http://cucinaefimo77.blogspot.com/2012/01/un-regalo-prezioso.html

    RispondiElimina
  49. grave erroreeeee! solo oggi ho scoperto di non seguirti! ho rimediato subito all'errore..ci si becca su fb...e mi prendo un pezzo di questa deliziosa torta!!!

    RispondiElimina
  50. Noi in Veneto abbiamo sentito anche le due scosse della notte con epicentro nel veronese...Questa torta è meravigliosa!!!!!!!!!!Buona serata!!!!!!

    RispondiElimina
  51. sono contenta che stai bene,il terremoto spaventa sempre....

    RispondiElimina
  52. Come si dice:anche l'occhio vuole la sua parte!Beh solo a vedere questo dolce mi viene voglia di assaggiarlo!Molto bello e delizioso!Complimenti!Ciao

    RispondiElimina
  53. che bellissima ricetta! Certo che con questa ti sei consolata davvero bene dallo spavento. Immagino quel che hai provato; da piccola anch'io avevo passato la stessa cosa (per fortuna senza danni). In più tu hai con te Iris, un esserino che ha bisogno di protezione e quei secondi sembrano eterni...
    Un bacio e a presto

    RispondiElimina
  54. oh mamma mia...qui c'è da svenire!!!!
    Oltre che essere bella come presenza sarà davvero buona :P

    RispondiElimina

Stampa e PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...