lunedì 22 ottobre 2012

NUSÄT


…o tortino di zucca che in questo periodo dell’anno calza a pennello. Il nusät è un piatto tipico dell’Oltrepò Pavese le cui origini risalgono addirittura al Medioevo; il quel periodo era servito durante la sera delle Sette Cene (cena di magro, ma con ben sette portate, tra le quali, appunto, il nusät), che s’imbandiva l’antivigilia di Natale, per poter affrontare al meglio il digiuno eucaristico. Il nome deriva da un termine dialettale che sembrerebbe alludere alla noce moscata. Con il tempo si cominciò ad impreziosire il tortino con gherigli di noce e poi, via via, con molti altri ingredienti, anche dolci, che a mano a mano hanno trasformato la ricetta originale in molteplici versioni. Io ho aggiunto i semi di zucca tostati.

La ricetta è stata tratta dal numero di ottobre 2012 de La Cucina Italiana.

Ingredienti per 8 persone:

800 g circa di polpa di zucca

60 g di grana grattugiato

60 g di pangrattato (più un po’ per lo stampo o gli stampini)

1 uovo

1 cipolla

noce moscata Ariosto

2 noci di burro più un po’ per imburrare lo stampo o gli stampini (io ho usato un solo quadratino di burro di cacao Venchi)

olio extra vergine di oliva

sale

pepe nero Ariosto

semi di zucca Melandri Gaudenzio


Lessate la polpa della zucca in acqua per circa 15, oppure cuocetela in forno a 180°C per circa 40’ o al vapore per 20'. Sbucciate intanto la cipolla e affettatela. Sciogliete in una padella 2 noci di burro (io ho usato un quadratino di burro di cacao Venchi) con 40 g di olio extra vergine di oliva e rosolatevi lentamente la cipolla, per circa 8’. Spegnete, levate la cipolla e tenete da parte il condimento. Schiacciate la zucca con uno schiacciapatate e raccogliete la polpa in una ciotola. Unitevi l’uovo, il grana, il pangrattato e la noce moscata. Aggiustate di sale e pepe e amalgamate bene il tutto. Aggiungete poi il condimento e mescolate bene. Imburrate uno stampo tondo con bordi alti (io ho usato 6 ramequin) e spolverizzate con il pangrattato; versatevi il composto e decorate con i rebbi di una forchetta. Infornate a 150°C per circa 35’. Servite decorando con gherigli di noce o, come nel mio caso, da semi di zucca o con ciò che vi suggerisce la fantasia… 


 Con questa ricetta partecipo al contest di Ely - Nella cucina di Ely:


e al contest di Staffetta in cucina:



45 commenti:

  1. questo lo salvo! da rifare! bacio bella

    RispondiElimina
  2. Kiara ciaoooo! Che buono quindi è un preparato salato, dal nome chissà perchè ho immaginato un dolce! Davvero buono e mi piace che sia di origine antica! Nel w.e. aggiorno! Baci

    RispondiElimina
  3. che buono....mai provato, mi attira parecchio!

    RispondiElimina
  4. ma è salato! ha un aspetto troppo invitante!

    RispondiElimina
  5. mi piace questo tortino, mi piace proprio!!
    baci

    RispondiElimina
  6. Ciao KIARA che fantastico lo voglio provare ,bello il tuo blog mi sono unita hai tuoi lettori fissi passa ha trovarmi se ti va io sono ISABELLA ti aspetto smack

    RispondiElimina
  7. dai non lo conoscevo!!! mi piace!!!

    RispondiElimina
  8. Che bella questa ricetta.. Mi piace anche conosxerne le origini.. Grazie per averla condivisa con noi.. :)

    RispondiElimina
  9. Kiaretta, adoro queste bellissime ricette! Sanno di tradizione, di passato, di storia.. che meraviglia. Complimenti!
    p.s. Tesoro, non mi dimentico mai di te: 'vanno un po' meglio' le cose? Un bacione grande grande.

    RispondiElimina
  10. Ma che bella questa ricetta!!! Ciao! Come sta la piccolina?

    RispondiElimina
  11. il nome mi incuriosisce parecchio...davvero interessante...
    come state tu e la piccolina..
    un abbraccio da lia

    RispondiElimina
  12. mi piace molto!
    Originale!
    Brava Chiara!

    RispondiElimina
  13. buonissimo kiara e poi io adoro la zucca ^.^ un bacione

    RispondiElimina
  14. Una delicia está de lujo,abrazos y abrazos.

    RispondiElimina
  15. mmmmmhhhhh sembra un piatto davvero confortevole!

    RispondiElimina
  16. ciao Kiara
    questa mi piace e la provo!!
    baci e buona domenica

    RispondiElimina
  17. sembra proprio buono ! grazie per la ricetta;-)

    RispondiElimina
  18. non lo conoscevo mica! buono buono

    RispondiElimina
  19. Ciao Kiara! ...e pensare che, pur abitando vicinissima all'Oltrepo non conoscevo proprio questa delizia!! è un'ottimo modo per consumare la preziosissima zucca di stagione!!

    RispondiElimina
  20. Ciao Kiara, che buono che buono, che buono!!!
    Lo provo.
    Buon w.e. Roberta

    RispondiElimina
  21. Ma che bella ricetta tradizionale!
    Sembra buonissima!

    RispondiElimina
  22. non lo conoscevo,ma devo dire che mi attira,sembra proprio buono!sarà che,qualsiasi cosa abbia la zucca penso la mangerei,a parte casi proprio eccezionali!me lo segno subito. un abbraccio,buon finesettimana!

    RispondiElimina
  23. il tuo sapere m'intimorisce :) io nemmeno l'ho mai sentita nominare...sono proprio ignorantona!!!
    baci bellezza lodigiana :)

    RispondiElimina
  24. Se passi da me c'è un pensierino...Ciao!

    RispondiElimina
  25. Wow, sembra davvero buono! Lo provo stasera!

    RispondiElimina
  26. adoro la zucca e mi sa proprio che ti rubo la ricetta. baci e buona domenica
    bacino anche a Iris

    RispondiElimina
  27. che meraviglia,anxh'io adoro la zucca,da provare!!!

    RispondiElimina
  28. Ciao Kiara!
    Grazie mille per aver partecipato al nostro contest. Speriamo di rivederti presto! Un abbraccio
    Alessia & Tiziana

    RispondiElimina
  29. interessante e invitante il tuo Nusat, anzi, del Oltrepò Pavese ;) molto artistico con quei semi di zucca che fa contrasto tra arancione e verde pistacchio... Ottima ricetta!

    RispondiElimina
  30. Ma dove vivo che non lo conoscevo??? Chissà che squisito che è! E poi mi devi dire come hai fatto a fare i due puntini sulla A... non sai quante volte mi sarebbe servito eheheheh Bacioni cara e buona serata

    RispondiElimina
  31. Bravissima!! Un aspetto semplice per un sapore diretto e riconoscibile al primo morso.....e pure al primo sguardo!
    Per me nessuna difficoltà a reperire le zucche....ne ho il giardino pieno!!
    Bacissimi:)

    RispondiElimina
  32. ciao Kiara,
    mi incuriosisce questo tortino invernale!!
    buon inizio di settimana
    Anna

    RispondiElimina
  33. Ricetta molto interessante e curiosa!
    Grazie di avermela fatta conoscere.
    Buona settimana!

    RispondiElimina
  34. Uhhh, ma che bella ricetta, non conoscevo assolutamente questo piatto, ma io che amo tantissimo la zucca lo devo assolutamente provare :-)

    RispondiElimina
  35. è uscito fuori il nordico che è in te in questa ricetta!! :P brava CHiarettaaa!!! smakkk

    RispondiElimina
  36. Questa ricetta mi era sfuggita! E siccome adoro la zucca ti ringrazio per averla postata! Complimenti Kiara!
    simo

    RispondiElimina
  37. che bel tortino e che bel colore! Arricchirlo con i semini è stato il tocco finale che ci voleva...
    Auguri per il contest e un abbraccio

    RispondiElimina
  38. Ciao Chiara! Che vergogna! Sono in ritardissimo ..abbi pazienza, è un periodo presissimo e non trovo davvero molto tempo da dedicare al mio e ai blog amici..ti ringrazio perchè sei carinissima e non manchi mai di passare a trovarmi..! Ho letto dell'incontro che stai organizzando..partecipo volentierissimo, mi farebbe davvero tantissimo piacere conoscerti e conoscerti altre ragazza che condividono la nostra passione! Tienimi aggiornata!
    Ps bella davvero questa ricetta, non la conoscevo e me a segno subito!

    RispondiElimina
  39. è così bello che vedendolo pensavo fosse un dolce!

    RispondiElimina
  40. Great idea, looks wonderful! Thanks for this : )

    RispondiElimina
  41. Hey there! Do you know if they make any plugins to help with Search Engine Optimization?

    I'm trying to get my blog to rank for some targeted keywords but I'm not
    seeing very good success. If you know of any please share.
    Thank you!

    Check out my web blog :: cash advancer

    RispondiElimina

Stampa e PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...