lunedì 7 ottobre 2013

TIELLA, bandiera di Bari


Teglia a pois Green Gate
La tiella come la paella, due piatti tipici delle rispettive zone di appartenenza, legati tra loro non soltanto dall’assonanza del nome che, tra le altre cose, deriva per entrambe dal recipiente utilizzato per cucinarle, ma anche per il loro contenuto, fatto di riso prima di tutto, pomodori e molluschi. Inoltre li accomuna anche la storia che hanno alle spalle: due preparazioni povere, che si dovevano cucinare con i pochi ingredienti che ognuno aveva a disposizione. Come la paella è regina incontrastata nelle cucine valenciane, la tiella regna sovrana in quelle di Bari. La versione che vi propongo io l’ho trovata su un vecchio numero de la Cucina Italiana. Si accettano critiche, trucchi e segreti da chi del posto, per migliorare una ricetta dal gusto unico e particolare.
Teglia a pois Green Gate
Ingredienti per 6 persone:
500 g di cozze (per me 1 kg, di cui 500 g sgusciate e 500 g con la valva)
500 g di patate
300 g di riso
300 g di pomodorini pugliesi (per me ciliegino)
2 cipolle
pecorino grattugiato
aglio
prezzemolo
olio extra vergine di oliva
sale
pepe
Raschiate e lavate le cozze, poi fatele aprire in una casseruola; eliminate la valva vuota, tenendo quella con il mollusco.
Pelate patate e cipolle e tagliatele a fette sottili.
Tritate finemente un bel cuiffo di prezzemolo insieme a uno spicchio d’aglio a tagliate grossolanamente i pomodori mondati.
Disponete in una pirofila uno strato di cipolle, cospargete con il prezzemolo, irrorate con 2 cucchiai d’olio, poi fate uno strato con le patate. Adagiate le cozze e i pomodori sopra le patate e condite con il pecorino, sale, pepe, 4 cucchiai d’olio. Sopra tutto spargete il riso crudo, in maniera uniforme.
Coprite parzialmente con qualche fettina di patata, mettete ancora un filo d’olio e un po’ di prezzemolo tritato, poi aggiungete tanta acqua quanta ne occorre per coprire gli ingredienti. Infornate a 180°C per circa 30’, controllando al termine che il riso sia cotto.

Teglia a pois Green Gate

13 commenti:

  1. Ecco, questa tiella è nella mia to-do list da secoli, e ancora non l'ho provata.. dovrò rimediare, assolutamente!!
    Buona settimana

    RispondiElimina
  2. ma quanto mi piace!!! mi arriva il profumino!

    RispondiElimina
  3. Mmmh a quest'ora questo piatto è quello che ci vorrebbe!! :)
    Bellissimo e buonissimo, complimenti Chiara!!
    Un abbraccio e buona settimana! :**

    RispondiElimina
  4. Questo piatto è davvero sacro per noi, brava!

    RispondiElimina
  5. Molto lontano come piatto dalle mie tradizioni venete... bisognerà provare a farlo! :P

    RispondiElimina
  6. una mia ex collega di origini pugliesi mi ha fatto una testa tanta con questa ricetta.... è ricca di sapori e di tradizioni, devo provarla assolutamente! :) ciao Chiaretta

    RispondiElimina
  7. La adoro!!! Spesso i miei genitori (pugliesi) la preparano...ottima e ideale come piatto unico!
    Simo

    RispondiElimina
  8. Un piatto non semplice, brava...io la adoro!!!!

    RispondiElimina
  9. Non conoscevo la tiella...assolutamente da provare!!!!! :))) brava!!!!

    RispondiElimina
  10. Mi sono reso conto che ne esistono infinite varianti a seconda della zona e della famiglia, un po' come per tutte le ricette tradizionali. L'ho scoperta da poco ma mi piace molto.

    Fabio

    RispondiElimina
  11. L'abbiamo provata anche noi alcuni mesi fa ed è veramente un piatto ricco di gusto e completo!

    RispondiElimina

Stampa e PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...