giovedì 25 settembre 2014

Pancarré Tang Zhong

-->
Tovaglietta Green Gate
Ho scoperto questa ricetta nel lontano 2012, un mese dopo la nascita di Iris. Inutile dirvi che fu amore a prima vista. Non so se capita anche a voi, ma io quando leggo un nome o un ingrediente "strano", vengo attratta come una calamita. Mi chiedevo che o chi cavolo fosse questo benedetto Tang Zhong. Una cosa però mi era certa: dallo Zio Piero niente bufale, solo ricette serie e garantite. E così è stato! Vi rimando al Suo blog per poter risalire alle fonti, io qui cito solo Lui e lo ringrazio pubblicamente per avermi fatto conoscere questo famoso metodo Tang Zhong, molto utilizzato dagli orientali e da oggi anche a casa mia! Il pane rimane davvero morbido per diversi giorni - a patto di coprirlo con un panno, sia chiaro - ed il sapore è buonissimo. Volete provarlo?
Vi riporto la ricetta pari pari:
Tang Zhong:
125 g. di acqua
25 g. di farina

Impasto:
240 gr di farina manitoba
240 gr farina 00 o anche 0
120 ml. di latte
130 ml. di acqua
40 ml. di olio
20 gr. di zucchero
6 gr, di lievito di birra fresco
8 gr. di sale
Il Tang Zhong


Mettete i 25 gr di farina in un pentolino ed aggiungere un pò per volta l'acqua mescolando bene. Mettete sul fuoco e continuate a girare per circa due minuti e mezzo, cioè fino a quando l'impasto avrà raggiunto i 65°. Si capisce facilmente perchè il composto diventa gelatinoso. Spegnere, mettere in una ciotolina e coprire con la pellicola per alimenti punzecchiandola con uno stecchino. Lasciar raffreddare. Si può conservare per tre giorni in frigo, non oltre.
Sciogliere il lievito nell'acqua, aggiungere il latte e tutti gli altri ingredienti tranne l'olio e il Tang Zhong.
Impastate per bene e poi aggiungete il Tang Zhong, continuando ad impastare fino ad ottenere un prodotto liscio ed elastico.
Aggiungete ora l'olio a filo, continuando sempre ad impastare fino ad incordatura.

Fate lievitare fino al raddoppio e poi formate come il pancarré, mettendo poi l'impasto in uno stampo da plumecake.

Nella seconda lievitazione deve circa triplicare, e poi forno a 220 gradi per 10 minuti, quindi portate la temperatura a 180 e lasciate fino a doratura.
Tovaglietta Green Gate

4 commenti:

  1. Ricetta interessante specie in previsione di cene in cui difficilmente si ha il tempo di preparare il pane e si ricorre a quello compero...annoto tutto!
    buona serata

    RispondiElimina
  2. Prima o poi dovrò farlo anch'io, ne sento parlare da troppo tempo, bravissima!!!

    RispondiElimina
  3. Sembra molto interessante, direi che dovrò provare!!! Tenterò di rifarlo in versione macchina del pane, perchè ormai di quell'attrezzino mi ci sono innamorata, e chissà che venga bene come il tuo!!!

    L'angolo della Casalinga, ricette veloci e facili

    RispondiElimina

Stampa e PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...