lunedì 2 febbraio 2015

Chiacchiere milanesi per L'Italia nel Piatto


Ben ritrovati al consueto appuntamento bimestrale de L'Italia nel Piatto. Tema di questo inconsueto (meteorologicamente parlando) 2 febbraio non poteva che essere il "Carnevale", il cui nome deriva da “carnem levare”, togliere la carne, preannuncio dei successivi 40 giorni di Quaresima in cui un tempo il digiuno e il mangiar esclusivamente di magro era regola ferrea e rispettata (a casa nostra ancora oggi, escludendo il digiuno). Per questo motivo in tutta Italia il popolo faceva, a mo’ di cammello con l’acqua, il pieno di proteine, calorie e grassi contenuti in quelli che sono i cibi tipici e rituali di questo periodo, molti ormai quasi dimenticati.In Lombardia le famose chiacchiere (che a casa mia vengono chiamate volgarmente chiacchere, senza la i), sono il dolce di Carnevale più popolare. Oramai le si prepara in tutta la penisola, da Lampedusa alle Alpi. Anche se la ricetta è semplicissima, praticamente uguale per tutti, prendono nomi diversi da regione a regione. Il nome originale, "chiacchiere", è lombardo ed è quindi il dolce di carnevale più diffuso in tutta la mia regione. Oltre al nome, le chiacchiere si differenziano anche nel tipo di vino usato nell'impasto, che è fatto semplicemente di farina, zucchero, uova e burro e che viene cotto a forma di strisce croccanti, cosparse poi di zucchero a velo.
La peculiarità delle chiacchiere milanesi è che vengono cotte al forno (e sono quindi molto più leggere), anziché fritte come si faceva generalmente.


Ingredienti per 1 vassoio di chiacchiere cotte in forno:

300 gr di farina 00
2 uova
60 gr di burro
60 gr di zucchero
buccia di limone
3 cucchiai di vino bianco secco
1 cucchiaio di estratto di vaniglia home-made
latte
zucchero a velo

Procedimento:
Versare la farina in una ciotola, fare un buco al centro e aggiungere la scorza grattugiata di limone, le uova, il burro tagliato a tocchetti e lo zucchero.
Cominciare a impastare facendo assorbire man mano la farina e aggiungendo il vino e l’essenza di vaniglia.

Lavorare fino ad ottenere un composto morbido e lavorabile.

Dividere l’impasto in 4 panetti più piccoli e con la macchina per stendere la pasta, passare l’impasto più volte, ripiegando la pasta ogni volta e spianate fino a passare la pasta impostando il rullo al livello 4.

Adagiate man mano le sfoglie su una spianatoia infarinata. Con una rotellina dentata ritagliare tante striscioline.

Adagiate le chiacchiere su una teglia rivestita di carta forno, spennellate con del latte ed infornate in forno già caldo a 180°C.

Cuocere le chiacchiere in forno per una decina di minuti o fino a che non risulteranno dorate.

Spolverizzare le chiacchiere al forno con lo zucchero a velo e servite.


E ora un salto nelle altre regioni d'Italia:

Trentino-Alto Adige:  Frittelle di mele trentine
http://www.afiammadolce.it/2015/02/frittelle-di-mele-trentine.html
  
Friuli-Venezia Giulia: Rafioi o ravioli di Carnevale
http://ilpiccoloartusi.blogspot.com/2015/02/rafioi-o-ravioli-di-carnevale-per.html 

Veneto: Lattughe e frigole de carneval 
http://ely-tenerezze.blogspot.com/2015/02/lattughe-e-fritole-de-carneval.html

Lombardia: Chiacchiere milanesi
http://kucinadikiara.blogspot.com/2015/02/chiacchiere-milanesi-per-litalia-nel.html

Liguria: Bugie  http://arbanelladibasilico.blogspot.com/2015/02/litalia-nel-piatto-ricette-di-carnevale.html
  
Emilia Romagna:Tagliatelle dolci fritte http://zibaldoneculinario.blogspot.com/2015/02/tagliatelle-dolci-fritte-per-litalia.html 

Toscana: Berlingozzi (detti anche zuccherini)
http://acquacottaf.blogspot.com/2015/02/berlingozzi-detti-anche-zuccherini.html

Umbria: Strufoli http://www.dueamicheincucina.ifood.it/2015/02/strufoli-per-l…lia-nel-piatto.html

Abruzzo: Cestini di Cicerchiata http://ilmondodibetty.it/cestini-di-cicerchiata/

Molise: Migliaccio molisano http://lacucinadimamma-loredana.blogspot.com/2015/02/migliaccio-molisano-per-un-carnevale.html

Lazio: Fregnacce http://beufalamode.blogspot.com/2015/02/fregnacce-di-acquapendente-per-litalia.html

Campania: Sanguinaccio con il sangue di maiale
http://www.isaporidelmediterraneo.it/2015/02/il-sanguinaccio-con-il-sangue-di-maiale_1.html

Basilicata: Polpette di pane e patate
http://blog.alice.tv/profumodicannella/2015/01/31/polpette-di-pane-e-patate-cocuelle-di-carnevale/

Puglia: A Farnedd http://breakfastdadonaflor.blogspot.com/2015/02/cucina-pugliese-farnedd.html 

Calabria:  Pruppetti cu u sucu http://ilmondodirina.blogspot.com/2015/02/pruppetti-cu-u-sucu.html

Sicilia: Il cannolo http://burro-e-vaniglia.blogspot.com/2015/02/il-cannolo.html
 
Venite a visitare il nostro blog:

20 commenti:

  1. Vado matto per le chiacchiere! Quest'anno le ho già preparate 3 volte! :D

    RispondiElimina
  2. Sembrano davvero deliziose!
    Io non le ho mai preparate ma quest'anno sarà la mia prima volta :)
    Ti stringo forte, bravissima!!

    RispondiElimina
  3. Ciao Chiara, anche tu le chiacchiere! Le mie sono fritte però, bacioni a presto

    RispondiElimina
  4. Ora si che si può ragionare, cotte al forno si possono mangiare un pò oltre i limiti ! Buone, buone !

    RispondiElimina
  5. Ma che scoperta!!! Le chiacchiere al forno mi mancavano, anche dalle mie parti si usano rigorosamente fritte e senza burro, ma le tue hanno un aspetto molto invitante!

    Buon carnevale!!

    RispondiElimina
  6. QUESTE SONO LE CHIACCHIERE ADATTE A ME CHE NON POSSO MANGIARE FRITTI!!!BELLISSIME E GOLOSISSIME!!!!COLGO L'OCCASIONE PER INVITARTI AL MIO 2° CONTEST "REGALAMI UN RISOTTO", TI ASPETTO!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  7. allora cara Kiara di queste "chiacchere" ne posso mangiare a volontà, visto che sono al forno, adoro i fritti, ma da un po' cerco di evitarli!
    un bacione

    RispondiElimina
  8. interessante l'idea del forno, diciamo che diventano pure salutari...grazie della ricetta!

    RispondiElimina
  9. Anche se per alcune cose devo farlo, in genere non amo friggere. Un buon motivo per provare la tua versione di chiacchiere. Brava Chiara!

    RispondiElimina
  10. Bellissimo vedere come le stesse cose hanno nomi completamente diversi.. buonissima anche la tua versione

    RispondiElimina
  11. Bellissimo vedere come le stesse cose hanno nomi completamente diversi.. buonissima anche la tua versione

    RispondiElimina
  12. Essendo di Viareggio sento molto il Carnevale e questo dolcetto sfizioso è immancabile..anch'io le faccio sempre al forno e sono immancabili in questo periodo :-) Molto invitanti le tue, complimenti cara e felice settimana <3

    RispondiElimina
  13. mai fatte così in forno, ma ne parlavo proprio ieri con mia madre, trovata la ricetta da fare, un bacio
    Miria

    RispondiElimina
  14. Non ho mai realizzato le chiacchiere al forno ma sempre fritte..le tue hanno un aspetto bellissimo , troppo invitante e sono di sicuro buonissime, le devo provare in quanto più sane ma ugualmente gustose, bravissima:))
    un bacione e buona settimana:))
    Rosy

    RispondiElimina
  15. Ah beh...ma allora mi piacciono ancor di piu!!!! Non sapevo che le milanesi non fossero fritte (ehmm, le chiacchiere non le donne:DDD), seguirò la tua ricetta per gustarmele allora..senza sensi di colpa e ...senza friggere (cosa che detesto:D). BRAVISSIMAAAAAAAAAAAAAA!! Un bacione

    RispondiElimina
  16. Una vera bontà, poi al forno saranno una delizia!
    Baci!!

    RispondiElimina
  17. A forno non le ho mai preparate! Quest'anno le provo e senza alcun senso di colpa! Brava!

    RispondiElimina
  18. Buonissime, mai provate al forno, regione che vai nome che trovi.Un dolce questo radicato bene in tutta la penisola.A presto

    RispondiElimina
  19. A vederle, Chiara, mi viene una gran voglia di chiacchierare! Sono davvero irresistibili!

    RispondiElimina
  20. Si, in effetti si differenziano dalle nostre frappe: ad esempio non metto il burro e al posto del vino bianco il Marsala....e ovviamente fritte!

    RispondiElimina

Stampa e PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...