lunedì 16 febbraio 2015

La Büseca (Trippa)


Prima o poi ogni lodigiano mangia, ha mangiato o mangerà la trippa di San Bassiano. Non è il mio caso, tant'è vero che questo piatto della tradizione lombarda è stato cucinato niente di meno che da mia madre. Questo appuntamento di metà mese dell'Italia nel Piatto, vede come protagonisti piatti a base di verdure o zuppe.
La Büseca è una zuppa a base di trippa e verdure, ma può rappresentare benissimo anche un secondo piatto, vista la presenza incombente delle interiora del vitello.La Festa di San Bassiano, santo patrono della città di Lodi, ricorre il 19 gennaio. Piazza Vittoria in quest'occasione è gremita di bancarelle e tutti potranno acquistare i tradizionali filson, le collane di castagne stufate, dal gustoso sapore contadino e gustare un piatto della rinomata Büseca de San Bassan, che la Pro Loco Lodi tradizionalmente distribuisce sotto i portici di piazza Broletto dopo il solenne pontificale in cattedrale: circa quindici quintali di fumante trippa cucinata nelle cucine dell’ospedale maggiore di Lodi dai cuochi dell’ospedale. La trippa a Lodi non è solo cibo, non è solo una ricetta con verdure e spezie; a Lodi la trippa è una tradizione, anzi, forse è "La Tradizione" per eccellenza. La trippa è un piatto che sembra all'apparenza povero, preparato a partire dalle interiora dell'animale, ma che si arricchisce di verdure cucinate a lungo con sapiente cura e con il gusto antico per le cose lente e ripetitive. Quando nei tempi della grande palude lodigiana, i poveri perdevano ogni speranza di magiare carne nobile, non rimaneva che cibarsi dei resti e degli scarti del bestiame che non veniva utilizzato dagli allevatori. La fame ingegnò la popolazione che imparò presto a rendere commestibile le trippe, gli intestini e le budella gettati via come rifiuto. Come sapienti riciclatori, aggiunsero poi quegli ingredienti che ancora ora ne caratterizzano la tipicità. Si raccontava, poi, tra le nebbie domenicali adagiate sulle rive umide delle rogge, nei cammini mattutini per la cacciagione di fiume, che la peste, già implacabile sterminatrice a Milano, non fosse così crudele con Lodi, i cui abitanti apparivano in qualche modo maggiormente resistenti al morbo o addirittura miracolosamente immuni. Ciò forse era dovuto a quell'abitudine non proprio aristocratica di nutrirsi di abbondanti piatti di trippa? La trippa previene la malattia, pensavano i lodigiani antichi. La tradizione arriva così fino ai giorni nostri. Ancora oggi si dice che "Mangià la büseca de San Bassan vör di sta ben tüt l'an"

Si tagliano a pezzetti 2 etti di carote, una patata, un gambo di sedano, mezza cipolla e si mettono a soffriggere con 30 g di burro e ½ bicchiere di olio di oliva. Il tutto in una pentola con bordi alti.
Non appena la cipolla incomincerà a colorirsi, aggiungere 1 kg di trippa tagliata sottile e un etto di fagioli borlotti (lasciati in ammollo per tutta la notte).
Lasciar cuocere per un quarto d’ora e quindi irrorare con una tazza di brodo di carne nella quale sarà stato diluito un cucchiaio da tavola di conserva di pomodoro.
Lasciar bollire a fuoco sostenuto aggiungendo, per evitare che si asciughi, altro brodo di carne tenuto sempre caldo. La trippa va fatta bollire per circa 4 ore. Si consiglia di usare brodo di sola carne senza l’aggiunta di verdure; se si desidera un gusto piuttosto deciso basta aggiungere un cucchiaio di estratto di carne per 3 litri di brodo.



E ora un salto nelle altre regioni d'Italia:

Valle d'Aosta:  Minestra di riso con porri e patate 
http://atuttopepe.blogspot.com/2015/02/minestra-di-riso-con-porri-e-patatela.html

Trentino-Alto Adige: La mosa e la trisa
http://www.afiammadolce.it/2015/02/la-mosa-e-la-trisa.html
  
Friuli-Venezia Giulia: Jota alla triestina 
http://ilpiccoloartusi.blogspot.com/2015/02/jota-alla-triestina-per-litalia-nel.html 

Veneto: La panada
http://ely-tenerezze.blogspot.com/2015/02/la-panada.html

Liguria:  carciofi con piselli (articiocche con puisci)     http://arbanelladibasilico.blogspot.com/2015/02/litalia-nel-piatto-zuppe-e-verdure.html
   
Emilia Romagna: Zuppa di patate DOP di Bologna e polenta con gorgonzola
http://zibaldoneculinario.blogspot.com/2015/02/zuppa-di-patate-dop-di-bologna-e.html

Toscana: Porrata bianca, ricetta fiorentina del '300
http://acquacottaf.blogspot.com/2015/02/porrata-bianca-ricetta-fiorentina-del.html

Marche: Zuppa di cicerchia: ricetta tipica delle Marche
http://lacreativitaeisuoicolori.blogspot.com/2015/02/zuppa-di-cicerchia-ricetta-tipica-delle.html

Umbria: Smulicata
http://www.dueamicheincucina.ifood.it/2015/02/smulicata-per-litalia-nel-piatto

Abruzzo: Zucchine e Patate (Chicocce e patane)
 http://ilmondodibetty.it/zucchine-e-patate-chicocce-e-patane/

Molise: Farinata de Sante Paule http://lacucinadimamma-loredana.blogspot.com/2015/02/farinata-de-sante-paule-di-campobasso.html

Lazio: Minestra di broccolo alla romana 
http://beufalamode.blogspot.com/2015/02/minestra-di-broccolo-alla-romana-per.html

Campania: 'Mbastuocchio vruoccl e rape e fasul
http://www.isaporidelmediterraneo.it/2015/02/mbastuocchio-vruoccl-e-rape-e-fasul.html

Basilicata: Pasta e patate con peperoni cruschi e ricotta salata
http://blog.alice.tv/profumodicannella/2015/02/15/pasta-e-patate-la-mia-versione-con-peperoni-cruschi-e-ricotta-salata/

Puglia: Le cecuère salvàgge cu bbrote
http://breakfastdadonaflor.blogspot.com/2015/02/cucina-pugliese-le-cecuere-salvagge-cu.html

Calabria: Zuppa di fagioli, zucca gialla, funghi e borragine  http://ilmondodirina.blogspot.com/2015/02/zuppa-di-fagioli-zucca-gialla-funghi-e.html

Sicilia: Macco di fave e finocchietto selvatico
http://burro-e-vaniglia.blogspot.com/2015/02/macco-di-fave-e-finocchietto.html

 
Venite a visitare il nostro blog:

26 commenti:

  1. Posso mandarti a cena il mio fidanzato??? Lui la adora ma io non riesco ne a mangiarla ne a cucinarla.... la tua ha un aspetto delizioso e invitante anche per me... A presto LA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha! Facciamo che lo mandiamo a cena da mia mamma visto che l'ha preparata lei??? Io non voglio nemmeno toccarla la trippa....mi fa senso...però non posso dire che non mi piaccia dal momento in cui non l'ho mai nemmeno assaggiata...eheheheeh

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  2. La trippa.... quanto la adoro... mi piace tantissimo e la tua versione è una favola.. non vedo l'ora di provarla!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  3. Anche a me la trippa piace moltissimo, ti copio subito questa fantastica minestra! Bacione

    RispondiElimina
  4. Ah beh...andiamo sul pesante qui, eh???? WOW!!!! Piatto ribusto della tradizione!! Bravissimaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!! <3

    RispondiElimina
  5. Questo è uno di quei piatti che non devono assolutamente scomparire dalla nostra tradizione :D Buonissima.

    RispondiElimina
  6. Una ricetta di quelle da segnare subito, grazie!!!

    RispondiElimina
  7. Io ne mangerei molto volentieri un piatto così e proprio venerdì volevo prendere la trippa, premettendo che non l'ho mai cucinata, ma non mi impaurisce. A mio marito piace tantissimo invece i miei figli non ne vogliono sapere. Mi sa che prima o poi la devo preparare anche io, ispira molto !

    RispondiElimina
  8. Mamma mia che buona, mia nonna la preparava proprio così (poche carote e più patate), in quel brodetto poi ci inzuppavo il pane...questa ricetta me la segno! Grazie! Complimenti!

    RispondiElimina
  9. Grazie, grazie a tutte/i...riporterò i vostri complimenti all'autrice del piatto!!! ne sarà felicissima!!!!!!

    RispondiElimina
  10. PS - però la scarpetta nel piatto la faccio pure io! La trippa mi fa senso ma il brodetto no...è FA-VO-LO-SO!!!!!!! :-)

    RispondiElimina
  11. LA ADORO, PIU' O MENO LA PREPARO COSI' ANCH'IO!!!BRAVA!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  12. Amo davvero la trippa, da me non si fa in questo modo ma vorrei davvero provarla :D

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
  13. Che Buona la trippa!! Una ricetta meravigliosa.

    RispondiElimina
  14. l' ho mangiata, ma mai fatta.Seguirò la tua ricetta.Grazie!

    RispondiElimina
  15. mio padre adora questo piatto, e poi ti è venuto benissimo, complimenti

    RispondiElimina
  16. fai i complimenti alla tua mamma, davvero un piatto strepitoso! a me piace tanto e cerco di cucinarla 1 volta all'anno! Salutami Iris, ho appena letto che è malata...vedrai che nel giro di qualche giorno tutto passa!!! un bacione!

    RispondiElimina
  17. adoro la trippa, ma così mai fatta, sembra molto gustosa, un bacio

    RispondiElimina
  18. Anche io adoro la trippa anche se in piccole dosi. Poca ma buona!!! Un abbraccio e complimenti per scelta della ricetta

    RispondiElimina
  19. Una signora trippa e, visto che tu non la mangi, mandane un pò qui da me che saprei apprezzarla benissimo.
    Onore alla tua mamma e alla buseca de San Bassan ;)

    RispondiElimina
  20. Io adoro la trippa che cucino spesso anche in estate .La trippa calabrese, meglio "u morzeddu catanzarisi " è fatto solo di interiora e frattaglie di vitello e si mangia nella pitta. Io alcune volte ci aggiungo i fagioli borlotti. La tua versione comunque è da provare, poi ti farò sapere.

    RispondiElimina
  21. Anche io adoro la trippa, piatto preparato e presentato divinamente.
    A presto

    RispondiElimina
  22. Già dall'aspetto questo piatto racconta una storia. Personalmente quando si parla di quinto quarto non riesco ad "assaggiare". Ma il colore della zuppa, il fondo così denso e saporito mi invogliano a distanza nonostante il contenuto. Ti abbraccio Chiara!

    RispondiElimina
  23. beh...devi riferire a tua madre : "Aggiungi un posto a tavola che la trippa la voglio anch'ioooooo!!!" bravissima la mamma! Hai presentato un piatto che adoro tanto! bravissima anche tu per l'interessante post!
    un bacione

    RispondiElimina
  24. The best basketball players in the world are flocking to Toronto this upcoming weekend to showcase their skills in the upcoming 2016 NBA All-Star Game. This always affords jordans shoes big brands the opportunity to dress their signature stars in eye-catching colorways vibrant enough to light up your television screen, and while the likes of LeBron, Kobe, KD, jordans 2016 and Paul George will start for Nike Basketball, there’s plenty of other brands getting in on the action off of the hardwood. From adidas blessing us with new Tubular models, to the introduction of the Air Jordan 30 and re-introduction of the classic Air Jordan 4 “White/Cement” complete with Nike Air branding, this will be one Air Jordan 11 Retro 72 10 of the biggest release weekends of 2016 yet. So which pair or pairs are you thinking of picking up during the All-Star Weekend festivities? Be sure to check cheap jordans for sale out our comprehensive list of all of the special edition releases for the NBA’s biggest and brightest stage below and stick with us here on Sneaker News for cheap jordans all of your release date needs.
    At last, it appears that at least one of the “Metallic” colorways of the Air Jordan 1 High will be returning in jordan 11 legend blue OG form. A few of the original “metallic” Air Jordan 1’s returned in jordans for sale 2009, but this pair we get a preview of today with navy accents marks the first time the motif will appear on the silhouette’s “OG” remastered construction. Air Jordan 1 fans, it’s time to get excited, because rumor has it the white/navy “Metallic” Air Jordan 1 will be dropping sometime cheap jordan shoes in 2016. Enjoy a quick preview of the shoe here, and stay tuned to Sneaker News for all further details. Also don’t forget that the same OG colorway jordan 13 for the Air Jordan 1 Low will be hitting retail this year, as well.

    RispondiElimina

Stampa e PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...