sabato 14 marzo 2015

Tagliatelle carbonare al pepe nero e speck croccante

-->
Preparare la pasta fatta in casa, dal canto mio è una delle azioni più rilassanti che ci siano. Peccato mi scelga sempre il giorno sbagliato, quello denso di cose da fare. Ma lì entra in gioco il mio vero carattere, ossia districarsi nel più breve tempo possibile dalla matassa di incombenze quotidiane. Questa mattina in un’ora e mezza ho preparato la pasta, l’ho fatta riposare per mezz’ora, nel frattempo ho messo a bollire le patate per il purè, steso la pasta dei biscotti che riposava in frigo già da un’ora, divisa in tante belle formine e infornata a 170° per dieci minuti, allestito il piano-lavoro per le varie fotografie da postare sul blog. Ops è passata mezz’ora: monta sul tavolo la macchina per stendere la pasta, stendi la pasta, 4, 5, 6 ok, più sottile non mi piace, leva la maniglia e infilala per le tagliatelle….amoreeeeeeee mi vai a prendere 4 o 5 appendiabiti puliti??????? Stendi le tagliatelle ad asciugare sugli appendiabiti, prepara il condimento, la scaloppina al vino bianco per Iris e la pasta in bianco per mio marito che ha mal di stomaco. Ok, tagliatelle fatte, il resto della pasta va in maltagliati visto che ho esaurito gli appendiabiti liberi. Tempo impiegato: un’ora e mezza. Visto quante cose si riescono a fare? :-)

Per le tagliatelle al pepe nero (ingredienti per 4 persone):
400 g di farina Uniqua Verde
4 uova
1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva
2 cucchiai di pepe nero macinato
Preparate 4 o 5 appendiabiti, lavati e asciugati e agganciateli alle maniglie degli stipetti, pronti per appendere la pasta.
Mettete tutti gli ingredienti in una ciotola, lavorate prima con una forchetta poi con le mani. Rovesciate l’impasto su un piano da lavoro e impastatelo per qualche minuto fino a formare un composto di pasta piuttosto duro e liscio. Avvolgete la palla ottenuta nella pellicola e lasciatela riposare per 30’.
Attrezzatevi con una macchina per tirare la pasta. Prendete circa un quarto del composto messo a riposare, appiattitelo più che potete con le mani, quindi passatelo nei rulli distanziati al massimo (1). Piegate la pasta a forma di rettangolo e rimettetela dentro. Diminuite progressivamente la distanza dei rulli rimettendo dentro ogni volta la pasta (io in genere arrivo al massimo 6…non mi piace troppo sottile). Sganciate la manopola e infilatela nel vano per le tagliatelle. Stendetela poco per volta sugli appendiabiti.
Una volta fatta la pasta, portate a ebollizione l’acqua salata in una pentola capiente.
Intanto sbattete 4 uova (calcolate un uovo a persona) con un cucchiaio abbondante di parmigiano grattugiato e un goccio di latte.
In una pentola antiaderente fate rosolare 4 fette di speck tagliato a listarelle, senza grassi aggiunti, fino ad ottenere un risultato croccante.
Quando l’acqua bolle buttate la pasta in una o due riprese, secondo la grandezza della pentola, e cuocete per circa 5 minuti. Scolate e rimettete sul fuoco aggiungendo il composto di uova. Mescolate velocemente, in modo che si amalgami bene il tutto e facendo attenzione a non cuocere troppo le uova (rischierete di ritrovarvi una frittata!). Servite le tagliatelle accompagnate da listarelle di speck croccante e, a piacere, una spolverata di parmigiano.



Con questa ricetta partecipo al contest indetto da Cucina Semplicemente in collaborazione con Farina UNIQUA Verde:

14 commenti:

  1. TI CAPISCO, IO SONO BRAVISSIMA A FARE 100 COSE CONTEMPORANEAMENTE, NON SI PUO' MAI STARE TRANQUILLE!!!!COMUNQUE SONO SPLENDIDE, QUESTO PIATTO E' DELIZIOSO, BRAVISSIMA!!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo sia nel DNA della donna fare mille cose insieme, non credi Sabry? Un bacione tesoro e buona domenica!

      Elimina
  2. Un piatto semplice e tanto gustoso, soprattutto sapendo che la pasta è fatta in casa con tanto amore !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto Andrea! A volte basta davvero poco... :-) Un bacione!

      Elimina
  3. credo faccia parte di ogni donna districarsi tra millemila cose, ma tu Chiaretta sei una WonderWoman, lasciatelo dire :D comunque, mi hai conquistata, non oso immaginare il gusto di questo piatto, anche se, SO BENISSIMO DI SBAGLIARE, ma io la carbonara la faccio asciugare, altrimenti proprio non mi piace!!!! E' più forte di me, liquide e a cremina le uova proprio non riesco neanche ad assaggiarle!!!!
    Complimentoni per tutto..
    Baci, a presto... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao F.ederica! Beh, ognuno ha i suoi gusti quindi perchè sbagliare??? Io, ad esempio, nel pesto non sopporto l'aglio e non ce lo metto...so di essere eretica ma chissenefrega! :-) E sai quante altre cose ometto o faccio "sbagliate"...??? L'importante è che siano appetitose e piacciano! Anche questa mia ricetta non rispecchia la carbonara vera e propria...è semplicemente una mia reinterpretazione... quindi ora non aspetto che provare la tua carbonara asciutta! Sono sicura che mi piacerebbe! :-) Un abbraccio!

      Elimina
  4. Complimenti x questa perfetta organizzazione...devi darmi qualche lezione perchè io sono un vero disastro in queste cose..
    Complimenti x la pasta ed il condimento..mi è tornata fame :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando vuoi Consuelo!!!! Ahahahah! Sono cresciuta in una casa con tre, dico TRE, uomini...io e mia madre se non ci organizzavamo per il meglio era un disastro! Ora mi rendo conto di quanto mi sia servita la lezione... Grazie per i complimenti!

      Elimina
  5. meravigliosa la tua pasta...vorrei avere un pizzico della tua organizzazione nel mio mondo pasticcione ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche il mio mondo è pasticcione, credimi! Cerco di organizzare e riorganizzare ma ogni volta mi ritrovo punto e a capo...penso sia la vita....ehehehehe! Grazie anche a te x i complimenti! Fanno tanto piacere!!!! Un bacione!

      Elimina
  6. Kiaretta ahaha! Ma sei unica.. mitica davvero! Gli appendiabiti sono stati geniali.. questo è un piatto davvero squisito.. non solo per l'anima ma anche per gli occhi. Quanta raffinatezza stella!! <3 <3 Complimentiiii! <3

    RispondiElimina
  7. Kiara, ho sempre visto fare la sfoglia a casa mia e ti dirò che spesso mi cimento. Ci vuole tempo, quello è vero, però vuoi mettere la soddisfazione di quella pasta fatta in casa e del profumo mentre si tira la sfoglia? Impagabile...
    V.

    RispondiElimina
  8. Ciao, arrivo da te grazie al contest di Cucina Semplicemente. Complimenti per il tuo blog. Mi sono unita ai tuoi lettori e mi piacerebbe tanto che tu facessi altrettanto...grazie! Buon serata! Claudia
    http://lacucinadistagione.blogspot.it/

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Stampa e PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...