venerdì 21 agosto 2015

Insalata di pennette al pesto trapanese



La pasta con il pesto alla trapanese (pasta cull'agghia, in siciliano) è un piatto tipico della cucina di Trapani. Dovete sapere che questo piatto è inserito tra i Prodotti agroalimentari tradizionali siciliani riconosciuti dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, su proposta della Regione Siciliana. È un piatto molto antico: nel porto di Trapani si fermavano le navi genovesi provenienti dall'Oriente, che portarono la tradizione dell'agliata ligure, a base d'aglio e noci, che fu dai marinai trapanesi elaborato con i prodotti della loro terra,  ovvero il pomodoro e le mandorle. Si tratta di una salsa cruda a base di basilico, pomodoro e mandorle. Si pesta nel mortaio l'aglio insieme al sale e al basilico, si fa ruotare il pestello, schiacciando e non martellando gli ingredienti lungo le pareti. Unire man mano dell'olio finché la salsa diventerà cremosa. Pestate a parte le mandorle spellate e crude, fino a farne diventare poltiglia, e quindi amalgamatele al pesto. Il tutto, infine, va mescolato alla polpa pestata nel mortaio (o tritata fine) dei pomodori (senza buccia), unendo altri due/tre cucchiai d'olio. Si dovrebbe evitare di frullare il tutto, ma noi wonder girl sempre alle prese con mille cose da fare, ce lo concediamo, vero?


Ecco la mia versione:
 
Ingredienti per 4 persone:
350 g di pennette Grano Armando
250 g di pomodorini ciliegia (direttamente dall'orto del mio papino)
50 g di mandorle spellate
1 spicchio d'aglio
basilico fresco
olio extra vergine di oliva
sale e pepe


Lavate i pomodorini e sfogliate il basilico; metteteli in un mixer con le mandorle, l'aglio, abbondante olio, sale e pepe. Frullate fino ad ottenere una crema densa.
Cuocete le pennette in acqua bollente salata, scolatele al dente e conditele con il pesto preparato. Completate, a piacere, con qualche fogliolina di basilico.

Io ne ho preparati diversi vasetti e riposti nel congelatore per l'inverno.




6 commenti:

  1. buonissimo il pesto trapanese, è da un pò che non lo preparo, mi hai fatto venire una voglia incredibile di realizzarlo di nuovo magari provando anche la tua ricetta che mi ispira tantissimo;)
    un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  2. ah.. io lo adoro! La storia l'hai raccontata benissimo, è proprio come l'hanno raccontata a me; mi sembra che mia cugina (proprio della prov di TP - io sono in parte sicula) metta anche ricotta e mi sembra di ricordare qualche pomodoro secco. non so se sia aggiunta sua personale o se ci siano (come sempre) più versioni, sia come vuole io mi papperei il tuo piatto di pasta! (farei anche il bis)

    RispondiElimina
  3. che buono! adesso poi con i pomodori al massimo della maturazione ... complimenti!

    RispondiElimina
  4. Mmm io amo il pesto trapanese! Le tue pennette hanno un bellissimo aspetto, ed è stato interessante leggere la storia della ricetta... non la conoscevo :)

    RispondiElimina
  5. Che bontà, tutte le ricette siciliane sono nel mio cuore ;)
    Bravissima Kiara!

    RispondiElimina
  6. buone queste pennette, non ne conoscevo la storia :)

    RispondiElimina

Stampa e PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...