lunedì 28 settembre 2015

Paccheri allo zafferano con ragù di gallinella e melanzana corallina


Lo sapevate che la melanzana ha origini indiane? Io personalmente no. Venne poi introdotta dagli Arabi all'inizio del IV secolo. In Italia venne inizialmente chiamata petonciana o petonciano o anche petronciano. Per evitare fraintendimenti sulle sue proprietà, la prima parte del nome venne opportunamente mutata in mela (ovvero frutto per antonomasia) dando così origine al termine melangiana e poi melanzana. Il nome melanzana, in particolare, veniva popolarmente interpretato anche come mela non sana, proprio perché non è commestibile da cruda.
La melanzana ha la proprietà di assorbire molto bene i grassi alimentari, tra cui l'olio, consentendo la preparazione di piatti molto ricchi e saporiti come questo che vi propongo oggi.

Ingredienti per 4 persone: 
 
360 g di paccheri Grano Armando
300 g di gallinella
8 pomodori secchi Citres
mezzo bicchiere di vino bianco secco
uno spicchio d’aglio
olio extravergine di oliva
sale qb
pepe qb
Per la frittura delle melanzane:
3 melanzane coralline (quelle lunghe e sottili per intenderci)
farina di semola qb
olio di semi di arachide qb

una bustina di zafferano per l'acqua di cottura della pasta

erba cipollina e fiori eduli per decorare
Procedimento:
 
Per prima cosa affettate le melanzane, salarle, passarle nella semola e friggerle in abbondante olio di arachidi. Mettere da parte su un foglio di carta assorbente. Mettere in una padella l’olio e lo spicchio d’aglio, farlo soffriggere e, quando sarà dorato,toglierlo. Unire i pomodori secchi tagliati a pezzetti e la polpa di gallinella tagliata a dadini. Fare rosolare per un minuto e sfumare con il vino. Cuocere per cinque minuti al massimo e spegnere. Aggiungere le melanzane.
Lessare i paccheri in abbondante acqua salata e sciogliervi dentro la bustina di zafferano. Scolare la pasta al dente avendo cura di tenere da parte un po' di acqua di cottura. Mantecare i paccheri con il sugo di gallinella a fuoco alto, unendo se necessario poca acqua di cottura.
Impiattare i paccheri usando l'erba cipollina, guarnendoli con il sugo preparato e petali di fiori eduli.


13 commenti:

  1. Questo piatto è un vero capolavoro! Bellissimo e scenografico ma anche delizioso nell'abbinamento dei sapori..i miei complimenti!

    RispondiElimina
  2. Che piatto meraviglioso! Complimenti!

    RispondiElimina
  3. Un piatto super elegante, complimenti!

    RispondiElimina
  4. Complimenti per la bella presentazione ma anche sicuramente il buon gusto !

    RispondiElimina
  5. Bellissima presentazione!
    Alla prossima

    RispondiElimina
  6. che incanto di piatto, si gusta prima con gli occhi!
    Un abbraccio e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  7. Che bel piatto un opera d'arte !
    Amo le melanzane , questa qualità non la conoscevo.

    RispondiElimina
  8. Sono senza parole, un piatto favoloso da guardare e assolutamente delizioso . Complimenti davvero !!!!

    RispondiElimina
  9. Che splendido piatto: abbinamenti che mi ispirano troppo, sicuramente buonissimo:)) complimenti inoltre per la meravigliosa presentazione, bravissima come sempre:))
    Un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  10. Bellissimi questi paccheri e anche le foto!

    RispondiElimina
  11. Un piatto di alta cucina con un ingrediente "povero" come la melanzana! Belle anche le curiosità su nome :-)

    Fabio

    RispondiElimina
  12. che meraviglia kiarina mia!! posso prenotarli per quando ci incontreremo a pranzo? :D
    ps: tra l'altro dobbiamo organizzarci per davvero!!!
    e stai facendo delle foto sempre più luminose e spettacolari!!!

    RispondiElimina

Stampa e PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...