mercoledì 17 febbraio 2016

Verzini alla milanese

Tovaglietta e piatti Green Gate

I polpett di verz, italianizzate in verzini, consistono in un impasto di carne fasciato in foglie di verza; in lingua italiana si chiamerebbero involtini o polpettine nel cavolo, ma nella tradizione milanese il termine polpetta indica spesso una fettina di fesa farcita con un ripieno, ripiegata o arrotolata, di cui la foglia di verza è un surrogato economico.

Il tema del mese proposto da L'Italia nel Piatto, riguarda le Verdure invernali. La verza è presente sul mercato tutto l’anno, ma da noi si è sempre solo usata durante i mesi freddi. Scarto minimo, prezzo basso, la verza è una verdura popolare che però è bene saper scegliere e cucinare. Al momento dell’acquisto deve avere le foglie esterne color verde scuro, prive di macchie giallastre. Le foglie non devono essere troppo grosse, perché risulterebbero dure e indigeste. Prima della cottura, è necessario
privarle delle foglie esterne, troppo dure; le altre foglie, staccate una ad una, vanno lavate accuratamente sotto l’acqua corrente.

Nella gastronomia lombarda la verza ha occupato ed occupa un posto di grande rilievo, sia come contorno sia come ingrediente comprimario in minestre, piatti unici e secondi piatti molto diffusi nella regione. Il riso con le verze, le verze con le castagne e i pizzoccheri della Valtellina, la polenta con le verdure del Varesotto, il ripieno della gallina lessa. Ma il meglio di sé la verza lo dimostra nell’unione con la carne di maiale: la cassoeula, la verzada con i salamini (che nel Mantovano
prende il nome di verze imbracate) o quella con le costine e i funghi chiodini del Cremonese, dove si
prepara anche un ragù di verza (la poòla) da usare con il cotechino (un sugo simile, a Sondrio, comprende anche le patate). Nel Bergamasco si segnala la verza con la pancetta (verzi farsiti) e nel
Varesotto quella con la mortadella di fegato (pulpeti da verzi).

Fonte: Nuovo Codice della Cucina Lombarda


Preparazione per 6 porzioni

Ingredienti: 
un cavolo verza
300 g di carne di manzo o maiale già cotta
50 g di salsiccia
30 g di Grana Padano Dop grattugiato
60 g di pane raffermo
200 g di latte intero
1 uovo
prezzemolo tritato qb
30 g di cipolla
30 g di burro
40 cl di vino bianco secco
30 g di pancetta
1 cucchiaio di farina 00
1 mestolo di brodo di carne
sale qb
pepe qb

Preparazione 
Sfogliare la verza e scartare le foglie esterne.
Lavare bene le foglie rimaste e batterne il costone.
Scottare le foglie in acqua bollente e stenderle sul tavolo di cucina.
Ammollare il pane nel latte per almeno mezz’ora, poi strizzarlo.
Tritare la carne, aggiungere salsiccia, Grana, pane ammollato, uovo e prezzemolo.
Regolare di sale e pepe e amalgamare bene.
Mettere su ogni foglia di verza una noce del ripieno e avvolgere fermando con uno stecchino.
In un tegame fare imbiondire la cipolla tritata con burro e pancetta tagliata a dadini.
Infarinare gli involtini, metterli nel tegame e farli rosolare a fuoco vivace.
Bagnare con il vino bianco e il brodo.
Fare cuocere su fuoco moderato per 15-20 minuti circa girando gli involtini.
Servire con contorno di riso cotto al vapore.


Questa ricetta partecipa come ricetta della Lombardia all'evento #verdureinvernali, organizzato dal gruppo de L'Italia nel Piatto.
Partecipate anche voi. Avete tempo fino al 26 di febbraio per cucinare e postare una ricetta regionale che presenta come ingrediente principale una verdura del periodo invernale, vieni a leggere il regolamento!


3 commenti:

  1. Che ricchi e che buoni che devono essere..un piatto così ti rimette al mondo :-P
    Bravissima Kiara e felice pomeriggio <3

    RispondiElimina
  2. Che buoni, hanno un bel aspetto invitante, tutti da assaporare !

    RispondiElimina
  3. Che piatto meraviglioso,di una bontà e di una goduria unica,bravissima come sempre Kiara!Mi hai fatto venire un'acquolina incredibile:)).
    Un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina

Stampa e PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...