lunedì 7 novembre 2016

Risotto ai mandarini Satsuma e mazzancolle


Il risotto ai mandarini Satsuma nella sua semplicità mi ha conquistato. Per chi non lo conoscesse (me compresa fino a qualche giorno fa) questo tipo di mandarino è originario del Giappone. La buccia è sottile e facile da togliere; la polpa è succosa e priva di semi.
Ho realizzato questo primo piatto dal particolare profumo agrumato e dal gusto delicato, facilissimo da preparare. L'unica accortezza che dovete avere per la preparazione del piatto è la scelta dei mandarini, che non devono essere trattati, per questo mi sono affidata a Bioexpress.


Ingredienti per 4 persone:
240 g di riso Carnaroli
2 mandarini Satsuma Bioexpress
8 mazzancolle (ma se avete dei gamberi è anche meglio)
1 scalogno
600 g di brodo vegetale
20 g di burro
olio extra vergine di oliva
sale
 
Tritate lo scalogno e fatelo appassire in una casseruola con un filo d'olio e il burro.
Nel frattempo, lavate i mandarini e grattugiatene la buccia, quindi spremetene il succo.
Una volta appassito lo scalogno, aggiungete il riso e fatelo tostare nella casseruola per qualche minuto.
Quando il riso inizierà a diventare trasparente, aggiungete il brodo bollente, un mestolo per volta.
A metà cottura, aggiungete il succo dei mandarini. Quindi, man mano che il brodo viene assorbito, aggiungetene altro. Continuate così fino a portare il riso a cottura.
Pulite le mazzancolle avendo cura di togliere il filetto nero al loro interno, quindi rosolatele brevemente in due cucchiai d'olio evo.
Spegnete la fiamma del risotto e aggiungete la buccia dei mandarini grattugiata. Mantecate con qualche fiocco di burro e servitelo dopo un paio di minuti accompagnato alle mazzancolle.

4 commenti:

  1. Mamma mia, di quanti tipi di risotto devo vedere, il fatto è che mi piacciono tutti!!!
    i risotti anno tutto ciò che ha me piace.
    Ciao e buona giornata con un abbraccio e un sorriso:) cara Kiara.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Un bellissimo primo piatto! Immagino il profumo per casa!!!

    RispondiElimina
  3. Quando iniziai a farmi la farina di mandarino, con le bucce, iniziai a capire quanto avrebbero potuto regalare, con la loro dolcezza e delicatezza. Credo semplicemente che tu abbia trovato un incontro di sapori perfetto. Questo risotto mi piace molto ^_^

    RispondiElimina
  4. Che risotto originale e invitantissimo,bravissima Kiara:)).
    La presenza di questo particolare mandarino lo rende profumatissimo e conferisce un aroma speciale;).
    Grazie mille per la condivisione:))
    Un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina

Stampa e PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...