venerdì 21 luglio 2017

Le Camille, proprio come quelle del Mulino Bianco


Già, avete letto bene, le Camille, proprio come quelle del Mulino Bianco. Per me che sono cresciuta negli anni '80, le merendine del Mulino Bianco sono un must. All'epoca non c'era internet e le madri che, come la mia, lavoravano, non avevano tempo di preparare la merenda a noi bambini. Quindi siamo cresciuti tutti un po' anche grazie al celeberrimo Mulino.
Oggi all'asilo di mia figlia, su ordinanza della Regione Lombardia, noi madri siamo COSTRETTE a dare loro merende confezionate. E qui si aprirebbe un dibattito senza fine che al momento eviterei.
Diciamo che almeno a casa, grazie a Santo Internet, possiamo cucinare per i nostri bambini, merende sane e nutrienti, senza additivi e conservanti, come queste meravigliose Camille. La ricetta l'ho scovata da Simona Mirto, nel suo blog di ricette di assoluta fiducia: Tavolartegusto. Mi era capitato di provare a fare queste merendine negli anni scorsi, ma con risultati deludenti. Oggi ho voluto riprovarci, seguendo la ricetta dettagliata e scrupolosa di Simona. Devo ammettere che non è stato facile seguirla al grammo, ma ragazzi, il sapore e la consistenza ottenuti non hanno eguali! Quindi un'ovazione alla Mirto! Queste Camille sono uguali a quelle comprate! Anzi, più buone perchè genuine e fatte in casa.


Vi riporto di seguito la ricetta che trovate anche sul sito di Simona. Non ho cambiato una virgole perchè sono perfette così.

Premetto solo che se, come me, non avete lo stampo a semisfera e usate il classico pirottino da muffin, anzichè 12 pezzi ve ne usciranno 10.

167 g di carote freschissime
133 g di farina 00
133 g di zucchero a velo non vanigliato
67 g di mandorle pelate da ridurre in polvere o farina di mandorle
67 g di succo d'arancia (ho fatto carte false con il mio fruttivendolo per farmi dare un paio di arance non trattate a luglio...e che arance ragazzi!)
38 g di olio (io ho usato quello di oliva)
15 g di burro (facoltativo, potete sostituirlo con pari quantità di olio)
2 uova medie
la buccia grattugiata di 1 arancia non trattata
1 pizzico di sale
12 g di lievito in polvere per dolci

Pelate le carote e grattugiatele finemente con la grattugia fine per gli agrumi. Come specifica Simona, questo passaggio è fondamentale per la buona riuscita del dolce. Impiegherete 10 minuti abbondanti e noiosi, ma fidatevi, verrete ricompensati.
Inserite le carote nel mixer con il burro fuso, l'olio e il succo di arancia.
Avviate il robot a velocità molto alta e fate fare tanti giri, interrompendo e girando di tanto in tanto, fino a quando non otterrete una purea di carote fine e omogenea.
Montate le uova con lo zucchero e la buccia d'arancia, aiutandovi con una frusta elettrica, fino ad ottenere un composto spumoso e chiaro. Aggiungete la farina di mandorle.
Montate ancora per amalgamare.
Aggiungete la purea di carote.
Montate ancora a velocità media.
Aggiungete quindi la farina setacciata con il lievito e il pizzico di sale.
Montate a velocità medio bassa, per mescolare bene il tutto.
Versate il composto negli appositi pirottini, in una teglia da muffin, lasciando qualche millimetro dal bordo.
Cuocete le Camille in forno statico ben caldo a 180°C per 16-18 minuti max 20 minuti! Dipende dal forno, ma attenzione! Se dopo 16  minuti, sono ben gonfie, fate la prova stecchino. Se esce umido allora lasciate ancora qualche minuto.
Lo stecchino deve uscire asciutto ma la consistenza non dev'essere secca, se no compromettete il risultato!
Sfornate e sformate su una gratella per dolci.
Lasciate raffreddare e gustatele dopo un'ora e mezza circa.


Note:
Si conservano morbide per qualche giorno in buste di plastica per alimenti ben sigillate o sotto una campana di vetro.
Se invece desiderate realizzare una TORTA UNICA potete seguire la ricetta che trovate nell'articolo torta camilla di carote.

5 commenti:

  1. A dire la verità io le mangiavo allora e ancora adesso ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io pure ma da quando ho scoperto queste...provale Francesca, poi mi dirai! :-)

      Elimina
  2. Risposte
    1. Buongustaio il marito...allora sarà felice di gustare questa versione, ancora più buona dell'originale!

      Elimina
  3. Hanno un aspetto davvero molto invitante, bravissime tutte due !

    RispondiElimina

Stampa e PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...