Torta Amalfitana di Ricotta e Pere

Torta Amalfitana di Ricotta e Pere
Ho scoperto questa ricetta su uno dei libri della Parodi e devo dire che, indipendentemente dalle stagioni e dall'evento per cui la si prepara, questo dolce riscuote sempre un enorme successo. Non è difficile da realizzare e si può utilizzare sia uno stampo da plumcake (come ho fatto io) che uno classico rotondo. Sal De Riso ne prepara una da urlo, molto simile a questa. Ma passiamo subito alla golosa ricetta... Ingredienti per il Pan di Spagna: 110 g di nocciole tostate 65 g di zucchero bianco semolato 50 g di burro 30 g di farina 00 3 uova Ingredienti per la farcia: 400 g di ricotta 150 g di zucchero bianco semolato 1 cucchiaino di estratto di vaniglia 150 ml di panna fresca 175 g di pere biologiche BioExpress 50 g di zucchero bianco semolato (vi servirà per cuocere le pere) 1/2 bicchiere di liquore (usate quello che avete in casa, io ho usato il rhum) 1 cucchiaino di amido di mais succo alla pera Tritare le nocciole, poi montare bene le uova con lo zuc

Torta di Melanzane della Madonna

Torta di Melanzane della Madonna
No, non è eccesso di zelo il mio. Questa torta si chiama proprio così. Poi, per dirla tutta, è talmente buona che si può anche pensare che sia a tutti gli effetti una Torta di Melanzane della Madonna. Ma il nome deriva dalla ricetta tipica catanzarese, preparata in occasione della festa della Madonna Addolorata (15 settembre). Si tratterebbe di melanzane ripiene fritte. Io ho usato il ripieno per una torta salata. Bontà! Ingredienti   per la pasta brisée alla curcuma: 300 g di farina 00 150 g burro freddo a dadini 75 g acqua fredda sale  1 cucchiaino di curcuma   per il ripieno: 4 melanzane bio BioExpress 400 g di polpa di pomodoro (per me con pomodori freschi ramati BioExpress) 170 g di pecorino stagionato 150 g di pane raffermo 4 uova 1 spicchio d’aglio 1 mazzetto di prezzemolo BioExpress 1 mazzetto di basilico 4 cucchiai di pangrattato olio extra vergine di oliva sale pepe   Preparare prima la pasta briseé: intridere la farina e la curcuma con il burro fre

Trofie alla Ligure

Trofie alla Ligure
Quando ho ricevuto a casa il pacco di Aldi , sono rimasta estasiata dalla quantità di prodotti tipici regionali italiani contenuti all'interno. E tutti provenienti da fornitori italiani (ho letto etichetta per etichetta, provenienza per provenienza). E' con estremo piacere quindi che partecipo all'iniziativa RegioAldi! Ho pensato di proporvi un piatto tipico della cucina ligure, ovvero le intramontabili Trofie alla ligure, un classico dei classici che non stanca mai. Ovviamente, con un titolo così, non aspettatevi un piatto a base di pesto. Si tratta invece di trofie condite con un sugo di pomodoro insaporito con olive, cipolla, e l'insostituibile basilco. 500 g di Trofie una manciata di olive taggiasche della linea "Regione che Vai" Aldi 400 g di Pomodori pelati della linea "Regione che Vai" Aldi 1 bicchiere di vino bianco 1 cipolla 4 cucchiai di olio extravergine d'oliva della linea "Regione che Vai" Aldi Basilico q.b.

Filetto in salsa al pepe rosa

Filetto in salsa al pepe rosa
I meravigliosi anni 80. Per chi, come me, ha avuto la fortuna di averli vissuti, se li porterà nel cuore per sempre. Io ero solo una bimbetta sfigata, troppo magra, con occhiali troppo grandi e troppo spessi per il mio visino (purtroppo le foto dell’epoca lo dimostrano). Erano gli anni del muro di Berlino, dell’esplosione di Chernobyl. Erano gli anni della mitica Madonna (ricordo ancora il suo concerto visto in tv accanto a mio fratello maggiore - molto maggiore - dove lei urlava “siete pronti? Siete caldi?), regina indiscussa della musica pop, gli anni del Drive in di Ezio Greggio, dei quiz di Mike Bongiorno. Gli anni della brillantina messa a chili su pettinature improbabili, gli anni dei paninari, gli anni in cui noi ragazze indossavamo capi che ci infagottavano in un modo tutt’altro che affascinante. Solo in quel decennio si poteva infatti avvistare per strada una creatura taglia S che vestiva un XL. Io c’ero! Anche in cucina, gli anni ’80 hanno segnato la storia. Basti pensa

Zucchine tonde ripiene di cous cous alla curcuma, cotoletta e verdure

Zucchine tonde ripiene di cous cous alla curcuma, cotoletta e verdure
So che state leggendo la ricetta per via della cotoletta. Lo so. Ebbene si, ho avuto l'illuminazione solo grazie a Iris, cultrice del pollo e delle cotolette. Stavo pensando a come farcire queste deliziose zucchine tonde. Va da sè l'uso del cuscus (avevo poco tempo a disposizione), aromatizzato però alla curcuma. Mettiamo qualche pomodorino freschissimo tagliato a pezzetti, qualche pomodorino secco e una manciata di olive nere per dare una nota decisa al sapore, formaggio a pasta dura a tocchetti (che non guasta mai) ma poi ero indecisa se aggiungere del tonno o del pollo. Stavo giusto preparando delle cotolette di pollo, cotte al forno, per Iris quando mia figlia viene lì e mi dice: "Mamma, perchè non metti un po' delle mie cotolettine dentro?"...perchè no, ho pensato! Brava il mio amore! Da provare, sono squisite!!!!! Queste zucchine potete proporle come antipasto, dandone una a commensale, oppure come primo piatto aumentando le dosi. Ingredienti per 4 per

Instagram

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli