Sushi 2.0

Sushi 2.0
Mi è sempre piaciuta la dicitura "2.0", solo che non sono mai riuscita ad applicarla a nessun piatto. Fino ad oggi. Si perchè questa espressione, come ben sapete, significa nella sua più recente e aggiornata versione. Realizzare un sushi con riso colorato (in maniera naturale), con ingredienti insoliti per questo genere di preparazione e con l'aggiunta delle modernissime sfere, mi ha permesso di aggiungere finalmente 2.0 dopo la parola Sushi.  Premetto che si tratta di un piatto di semplice esecuzione, ma con tante lavorazioni. Mi ci è voluta una mattina intera per realizzarlo. Ma devo dire di essermi notevolmente divertita. Se doveste decidere di replicarlo, spero succeda anche a voi.   Ingredienti per 3-4 persone: 250 g di riso per sushi una manciata di fiori di pisello farfalla 2 zucchine biologiche Bioexpress Pesto di Pistacchio e Tartufo Sciara - La Terra del Pistacchio 1 avocado maturo Bioexpress 150 g di Salsa di soia 2 g di Agar Agar qualche pistillo di zafferano

Polpette di scarola e frutta secca

 Polpette di scarola e frutta secca
Le polpette di scarola sono un secondo piatto vegetariano perfetto anche come sfizioso antipasto. La ricetta delle Polpette di scarola e frutta secca è molto semplice e non richiede particolari abilità. Ricordatevi solo di scegliere prodotti di qualità.  Per ottenere una versione ancora più light, potete cuocere le polpette in forno a 180°C per circa 15 minuti. Servite tiepide o fredde a seconda dei gusti.  Ingredienti per 4 persone: 500 g di Scarola Bioexpress 
 1 peperoncino 1 spicchio d'aglio
 Bioexpress 20 g di uva sultanina  10 g
 pinoli tritati grossolanamente 10 g di noci sgusciate e tritate grossolanamente 20 ml di olio extravergine di oliva  50 g di Grana Padano grattugiato 70 g di 
mollica di pane 1 uovo intero 100 g di pangrattato per la panatura 40 g di mandorle a lamelle tostate e tritate grossolanamente per la panatura 
Olio di semi arachide per friggere 
Sale Pepe
 Togliete la radice della scarola con un coltello e lavatela e asciugatela. Tagliatela a listarelle e me

Jam Drop Cookies

Jam Drop Cookies
Jam Drop Cookies, ovvero golosi biscotti con una "goccia" di marmellata! Si tratta di dolcetti davvero irresistibili! Dalle dosi ne usciranno tre infornate, ma credetemi, spariranno in un attimo! Per la versione classica di questa ricetta, si prevede l'uso della marmellata di lamponi, ma io ho preferito un tocco agrumato, utilizzando Fiordifrutta ai Limoni e alle Arance Amare. Una delizia! Nulla vi vieta di utilizzare il gusto che preferite, anche la Nocciolata! Ingredienti per circa 40 biscotti Per la pasta frolla: 500 g di farina 00 1 cucchiaio di lievito per dolci 220 g di zucchero 300 g di burro a temperatura ambiente 2 uova intere ½ cucchiaino di estratto di vaniglia Fiordifrutta ai Limoni qb Fiordifrutta alle Arance amare qb zucchero a velo (se piace) Mescolate in una ciotola il burro e lo zucchero e amalgamarli fino ad ottenere un composto cremoso. Aggiungete le uova, continuando a mescolare, e quindi la farina, un po’ alla volta. Infine aggiungete il lievito e l’

Cestini primaverili

Cestini primaverili
Quale modo migliore per dare il benvenuto alla primavera, se non con una bella ricetta? Lo so, sono un po' in ritardo con i tempi, ma come si dice, meglio tardi che mai! Ecco a voi la ricetta per realizzare gustosi Cestini primaverili! Ingredienti per 2 cestini: 1 rotolo di pasta sfoglia 200 g di cime di cavolo romanesco Bioexpress 50 g di guanciale tagliato a fettine 200 g di robiola 2 o 3 cucchiai di Pesto di Pistacchio e Tartufo Sciara - La Terra del Pistacchio Germogli di crescione qb  Bioexpress Sale qb Pepe nero qb Olio extra vergine di oliva qb 1 tuorlo sbattuto con un pochino di latte per spennellare Preparate le tartellette di pasta sfoglia, ricavando due dischi da circa 12-13 cm. Rivestite, con la loro carta da forno, due stampini da tartellette da 10 cm e togliete la sfoglia in eccesso con l’aiuto di un coltello. Spennellate i bordi con il composto di tuorlo e latte. Cuocete in bianco (con i legumi o gli appositi pesetti) per circa 25 minuti o comunque fino a che non ini

Minestra mariconda

Minestra mariconda
La Minestra mariconda (o di mariconde) è un piatto di cui i Bresciani si contendono la paternità con i Mantovani, ma una cosa è certa: appartiene alla tradizione culinaria contadina settentrionale. La mariconda ricorda gli knödel (o canederli) della cucina trentina e altoatesina, nella loro preparazione di base. In alcune ricette recenti si aggiunge poca farina bianca e un goccio di latte per legare. Tra le spezie ricorre la noce moscata.  Le Meliconde sarebbero le palline gialle di cui è composta la minestra, che ricordano le cariossidi del granturco (analogamente alla meridionale cicerchiata = piatto di ceci, composto di palline di pasta fritte). Questa è la ricetta che ho deciso di presentare per l'uscita di aprile de L'Italia Nel Piatto . Il tema? Un piatto del passato / la cucina povera del passato. Ma scopriamo insieme come realizzare la ricetta. Io ho scelto di proporvi questa versione (ovviamente ce ne sono a centinaia) estrapolata da "Nuovo codice della cucina lom

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli