BISCOTTI AL PISTACCHIO E CIOCCOLATO BIANCO

BISCOTTI AL PISTACCHIO E CIOCCOLATO BIANCO
E dopo il risotto con i pistacchi, è la volta di qualcosa di dolce… dei biscottini! Beh, vista la stazza, il temine corretto sarebbe biscottoni… la ricetta l’ho trovata sul sito www.pistacchiobronte.it. Premetto che, i pistacchi che ho utilizzato io, non sono di Bronte (purtroppo); nel mio supermercato di fiducia non se ne trovano; ho dovuto accontentarmi di “semplici pistacchi semplici”. Spero di non aver compromesso il risultato: da come li mangia Ale direi di no! ;-D Ecco la ricetta: 1 uovo 100 gr di olio di semi (la prossima volta ne metterò meno perchè, secondo me, sono eccessivi 100 gr) 100 gr di zucchero semolato 50 gr di zucchero di canna (io non l'ho messo... non l'avevo uffiiiiiiiii) 1 cucchiaio di estratto di vaniglia (io mezza fiala) 100 gr di pistacchi tritati 180 gr di farina 100 gr di cioccolato bianco a pezzetti Procedimento: riscaldate il forno a 160°. Lessate per uno o due minuti i pistacchi in acqua bollente, per poterli spellare con più facilità (od

RISOTTO CON PISTACCHI E PANCETTA

RISOTTO CON PISTACCHI E PANCETTA
Pistacchi, pistacchi, pistacchi… è la prima volta che mi presto a cucinare qualcosa con questo ingrediente; non so da cosa è nata l’idea… devo aver visto qualche particolare ricettina sul blog di qualcuno, che mi ha incuriosito; sta di fatto che stasera avevo voglia di sperimentare questo sfizioso risottino trovato in un pieghevole contenuto nel “Cucchiaio d’Argento”; devo dire che, contrariamente alle aspettative, il primo piatto ha appagato abbondantemente le aspettative del palato. Provatelo, ne vale la pena! Ingredienti per 4 persone: 300 gr di riso Carnaroli 80 gr di pistacchi 100 gr di pancetta affumicata 1 bicchiere di vino bianco secco brodo vegetale 1 scalogno olio evo sale pepe Mettete a bagno i pistacchi nell’acqua tiepida e poi togliete la pellicina che li avvolge (ed ho scoperto che è un lavoraccio: è ufficiale, odio togliere la pellicina ai pistacchi! Non mi passava più!). in una casseruola scaldate due cucchiai d’olio, fatevi sfinire lo scalogno tritato finemente e qu

FRITTATA DI RADICCHIO TREVIGIANO

FRITTATA DI RADICCHIO TREVIGIANO
L’altra sera ho preparato questa deliziosa frittatina, dal momento in cui avevo un cespetto di radicchio che dal frigo mi faceva l’occhiolino; la ricetta prevedeva il doppio della quantità di radicchio… io, purtroppo, ho dovuto accontentarmi di quello che avevo. Niente di che, una frittata normale, però sono stata contenta di cucinarla. Quando l’ho detto a Giannina, mi ha guardato con un fare incerto da sotto gli occhiali; mi ha detto “Ma cosa fai, una frittata col radicchio? Mai sentita! Prendi gli spinaci, li ho freschi nel frigo, sicuramente viene più buona”… invece mammina mia, stavolta ti devo smentire: il nostro buon radicchio ha fatto la sua sporca figura! Ingredienti per 3 persone: 3 uova 2 cespi di radicchio trevigiano 250 ml di panna fresca (è la prima volta che uso la panna nella frittata… so che tante storceranno il naso, però è venuta molto buona e delicata) 150 gr di parmigiano ½ cipolla 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva una noce di burro sale pepe lavate il radi

CRESPELLE CON ASPARAGI SELVATICI

CRESPELLE CON ASPARAGI SELVATICI
Ecco che oggi vi presento un’altra variante delle crespelle , questa volta arrotolate su se stesse e tagliate in quattro parti. Per il procedimento su come realizzare la pastella, vi rimando alla precedente ricetta, postata poco tempo fa; anche il ripieno è simile solo che, al posto degli spinaci, ho usato gli asparagi selvatici, che Mario e Giannina raccoglievano quest’estate, durante le loro passeggiate mattutine, lungo le rive dei campi. Era l’ultimo sacchetto che avevo nel congelatore e, dovendo scegliere se fare una frittata o una teglia di crespelle, ho preferito quest’ultime. Le ho condite poi con una semplice besciamella, anche se Giannina avrebbe preferito il sugo di pomodoro...

RISOTTO CON SPECK, RADICCHIO E TALEGGIO

RISOTTO CON SPECK, RADICCHIO E TALEGGIO
L’orto di Mario ha smesso ormai da un po’ di dare alla luce le sue splendide zucchine; non si sapeva più in che salsa cucinarli sti’ benedetti ortaggi… bene, adesso si è messo a produrre radicchio, sempre in quantità industriali; fortunatamente il radicchio, come la zucchina, sono verdure che non riesco a odiare, anche dopo averne mangiate a dismisura… buon per lui e per me! La prima ricetta che inaugura la stagione “radicchiosa” è questo squisitissimo risotto! Dai sapori nettamente decisi (vedi speck e taleggio) in perfetta sintonia tra loro. Ingredienti per 2 persone (le mie dosi sono sempre abbondanti…): 150 gr di riso Carnaroli 7/8 foglie di radicchio rosso 80 gr di speck 100 gr di taleggio DOP (scarsi, perché buona parte è finita nel pancino di Ale prima di riuscire a metterlo in pentola) 400 ml di brodo vegetale ½ cipolla 2 cucchiai di parmigiano 15 gr di burro 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva Procedimento: Tritate la cipolla e soffriggetela in una casseruola con l’olio

SFOGLIA SALATA CON MELANZANE

SFOGLIA SALATA CON MELANZANE
E’ uscita ancora la Parodi che c’è in me ragazze… oramai la rubrica di “Cotto e Mangiato” è diventata come una soap opera; tutti i giorni, alle 13, zitti tutti, papà tu vai in soggiorno a guardarti la tv che io e Giannina dobbiamo sentire cosa cucina di buono Benedetta; la ricetta che riporto di seguito è una sfoglia farcita con melanzane grigliate, pomodori e mozzarella (che non trovo sul sito della Parodi... uffi); un buon piatto unico senza pretese, qualcosa di alternativo alla pizza. L’unica cosa da non fare è mettere dentro la farcitura la mozzarella; sapevo che “faceva acqua” ma l’ho messa ugualmente; il risultato non è stato compromesso, ho usato dell’ottima mozzarella di bufala, molto saporita, ma ho dovuto aspettare che la torta intiepidisse prima di tagliarla; la prossima volta, sicuramente, userò un formaggio tipo taleggio o scamorza. Ingredienti: 2 rotoli di pasta sfoglia 2 melanzane tagliate a fette sottili, grigliate 2 pomodori 1 mozzarella di bufala (preferite scamorza o

CROSTATA CON MARMELLATA DI PESCHE

CROSTATA CON MARMELLATA DI PESCHE
Questo post che state per leggere è uno dei tanti, stile “gnocchi di patate”, ossia, se adorate le ricette superipercomplicate, quella che state per leggere non fa per voi! ;-) Se invece andate matti per le cose semplici, buone, che sanno di casa, che vi ricordano la vostra infanzia, quando guardavate la mamma o la nonna mentre impastava… ecco, questa crostata fa per voi. E’ una banalissima crostata di pasta frolla con la marmellata di pesche che ho in dispensa, postata qualche tempo fa. P.S. – Ziopiero , se avessi pubblicato il tuo video qualche giorno prima, la mia bocca avrebbe risparmiato un bel po’ di parolacce mentre stendevo la mia frolla…. Ahahahahaha. Ingredienti: 300 gr di farina 150 gr di burro 150 gr di zucchero 3 tuorli la scorza grattugiata di un limone ½ bustina di lievito per dolci un pizzico di sale marmellata di pesche Procedimento: Intridere la farina con il burro fatto a tocchetti, aggiungere lo zucchero, il pizzico di sale, il lievito, i tuorli e la scorza del lim

GLI GNOCCHI DI PATATE

GLI GNOCCHI DI PATATE
Se vi aspettate di leggere una ricetta di gnocchi realizzati con qualche particolare connubio di farine, fermatevi qui e cambiate blog. La ricetta che propongo è la più classica delle classiche per la preparazione degli gnocchi di patate, tratta dalla pagina 117 de “La Cucina Italiana” di ottobre 2010, su consiglio dello chef Walter Pedrazzi. Riporto di seguito quanto scritto sulla rivista: Le patate devono essere di pasta compatta e farinosa e non novelle (io ho usato delle patate di montagna che porta a casa mio fratello quando va in vacanza sul Monte Asiago): per 6 porzioni ne servono kg 1. Lessarle per circa 40’ (se di grandezza media) e pelarle quando sono ancora calde. Passare le patate allo schiacciapatate, unire gr 250 di farina, sale e, volendo, poca noce moscata. Lavorare rapidamente farina e patate sino ad ottenere un impasto omogeneo, ma senza esagerare perché gli gnocchi potrebbero diventare gommosi. Tenendo sempre ben infarinato il piano di lavoro, dividere l’impasto in

TORTA DI FROLLA E BISCOTTO AL CIOCCOLATO E PERE

TORTA DI FROLLA E BISCOTTO AL CIOCCOLATO E PERE
Oggi è un giorno speciale per il mio dolce amore… compie gli anni: 30 anni! Data fatidica… si dice che dopo i trent’anni uno mette la testa a posto… fortunatamente non è il caso di Ale, lui la testa ce l’ha già sulle spalle! E mercoledì, 13 ottobre, è la volta del mio babbo, che di anni ne compie ben 76… auguri Mario!!! Per un occasione così speciale dovevo pensare ad una torta speciale! Purtroppo non sono ancora in grado di preparare quelle splendide torte zuccherose, col marzapane, che vedo nei vari foodblog e allora l’idea è venuta sfogliando l’ultimo numero di ottobre de “La Cucina Italiana”: Torta di frolla e biscotto al cioccolato e pere; sotto al titolo la scritta: per esperti (???)… aiuto… la leggo, la rileggo, la straleggo, la imparo quasi a memoria quasi fosse una poesia di Leopardi e alla fine mi decido: ce la posso fare! E diciamo che si, ce l’ho fatta! Non sarà bella come quella della rivista ma buona si! Erano tutti contenti! L’unica mia variante è stata omettere il Calva

TORTA SALATA CON SPECK E ZUCCHINE

TORTA SALATA CON SPECK E ZUCCHINE
Il freddo sta arrivando, uffi, uffi, uffi! Non mi piace l’autunno e nemmeno l’inverno! Ma purtroppo è una ruota che gira, ogni anno, a sancire il tempo che passa, gli anni che se ne vanno… nonostante il clima, l’orto di papà Mario continua a dare i suoi frutti; anche se in quantità minore, le zucchine ci sono ancora! E allora perché non utilizzarle, questa volta, per una bella torta salata? Generalmente, accompagnate dallo speck, le utilizzo come condimento di una pasta fredda estiva; ma come accennato pocanzi, le temperature stanno scendendo, quindi meglio qualcosa di caldo o tiepido per i nostri pancini…. Ingredienti "a occhio": 1 rotolo di pasta sfoglia surgelata (io rotonda) 2 grosse zucchine (io trombetta) 1 fetta spessa di speck tagliata a listarelle 1 scalogno grana grattugiato 3 uova 2,5 dl di panna qualche sottiletta sale pepe olio extra vergine di oliva Stendete la pasta a disco e adagiatela in una tortiera, precedentemente coperta da carta forno. Bucherellare il f

RAVIOLI CON RADICCHIO, SPECK E RICOTTA

RAVIOLI CON RADICCHIO, SPECK E RICOTTA
La Gianna ha colpito ancora… ha fatto nuovamente i ravioli! Evviva! E tutti noi, pronti lì a preparare il pancino come si deve… certe prelibatezze vanno accolte come si deve! Questa volta, il ripieno, ha lasciato spazio al radicchio che si è incontrato con lo speck e la ricotta. Non vi dico che bontà… no, non ve lo dico, dovete assolutissimamente provare a farli… io ho la fortuna di avere Giannina che li fa al posto mio! Secondo me si è presa bene anche lei con questa storia del blog! Non è MAI successo che facesse due tipi diversi di ravioli nel giro di una decina di giorni! Lei non me lo dice, ma è lusingata all’idea che io metta le sue ricette su internet; poi lei è una che quando si mette a far ravioli, ne “sforna” circa 300 per volta! Per questo dico che è strano… e a noi figli tocca l’arduo compito di mangiarli…. Ahahahahahaha! Per questo ripieno, in una pentola con un trito di cipolla e un cucchiaio d’olio, ha fatto saltare il radicchio tagliato grossolanamente (non chiedetemi “

BIGNE'

BIGNE'
Ho fatto i bignè… non ci credevo nemmeno io, ma alla fine li ho fatti! Come successo per le merighe, avevo qualche perplessità nella preparazione di questi dolci, le mie solite “seghe mentali”… ce la farò? Non sono troppo difficili per me? Ecc… ecc… invece devo incidermi nella mente a caratteri cubitali che niente è impossibile, basta volerlo! Certo, essendo i primi che faccio, sono un po’ bruttini a vedersi, ma il sapore, quello si…è uguale ai bignè che compri in pasticceria! Quindi una bella soddisfazione… Ingredienti (per circa 40 bignè): 4 uova 100 gr di burro 150 gr di farina 10 gr di zucchero sale Portate a bollore, in un tegame, 2,5 dl di acqua con il burro tagliato a pezzetti, lo zucchero e un pizzico di sale. Levate dal fuoco, unite la farina setacciata e rimettete a cuocere, mescolando, fino a quando il composto tende a staccarsi dalle pareti. Lasciate intiepidire e incorporate le uova, uno alla volta, solo dopo che il precedente è stato assorbito. Inserite l’impasto in una t

TORTA SALATA AL ROSMARINO

TORTA SALATA AL ROSMARINO
Come ho scritto anche sulla mia pagina di Facebook: “Avere a cena le tue più care amiche… non ha prezzo!” Si, ogni tanto ci vuole una bella chiaccherata come si deve tra donne, senza l’ombra di uomo che s’intrometta! Approfittando del fatto che Ale era fuori casa per una partita di calcio, ho invitato Paola e Sonia a cena… quando c’è sintonia, il tempo vola; ti accorgi che fai tardi solo quando rientra lui! ;-D ... E allora tutte a nanna, ognuna a casa sua, con la promessa di rivedersi al più presto (vero Sonia?). Per l’occasione, ho estratto dal freezer la mia bella pirofila di crespelle ricotta e spinaci , accompagnata da una torta salata, la cui ricetta mi è stata passata dalla mia cognatina Elisa che, in fatto di cucina, la sa lunga. PS - Ah, dimenticavo, scusate, ma questa volta le foto non sono una bellezza... ero di fretta, arrivavano le mie amiche! ;-) Ingredienti per la pasta briseè al rosmarino: 300 gr di farina 150 gr di burro rosmarino tritato sale 75 gr di acqua Ingredien

Instagram

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli