Maltagliati al pepe nero con crema di ricotta

Maltagliati al pepe nero con crema di ricotta
Oggi una ricetta semplicissima, per dare il benvenuto alla primavera! Finalmente sei arrivata e ci stai regalando giornate meravigliose...continua così, ti prego! 400 g di maltagliati al pepe nero 1 cucchiaio di grana grattugiato 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva 250 g di ricotta vaccina cremosa sale q.b. Mettente sul fuoco la pentola piena d’acqua per cuocere la pasta, salate l’acqua e attendente il bollore. Intanto iniziate la preparazione del condimento della pasta: mettete la ricotta fresca in una ciotola e schiacciatela con forchetta fino a ridurla ad una crema, aggiungete il sale, l’olio, il grana e continuate a mescolare per amalgamare gli ingredienti. Cuocete i maltagliati e poco prima del termine della cottura unite alla ricotta un mestolo di acqua di cottura per renderla più morbida. Scolate la pasta, avendo cura di tenere da parte l’acqua di cottura in caso la pasta risultasse un po’ asciutta, e unitela alla ricotta. Amalgamate bene e servite subito

Ciambellone soffice alla panna e fiori di sambuco

Ciambellone soffice alla panna e fiori di sambuco
Avevo preparato questo meraviglioso dolce pensando alla colazione. Avevo voglia di mangiare qualcosa di buono e genuino che non fossero i soliti biscotti o fette biscottate con la marmellata. Ne è uscito qualcosa di così goloso che quasi a colazione manco ci arrivava! Condivido con voi la ricetta e se la provate fatemi sapere! Piatto e tovaglietta Green Gate Ingredienti: 260 g di farina 00 1 bustina di lievito per dolci 200 g di zucchero semolato 2 cucchiai di Mielbio Rigoni di Asiago Miele di Fiori 200 ml di panna fresca 3 uova 1 cucchiaino di estratto di vaniglia home-made 1 cucchiaio di fiori di sambuco secchi Mettete tutti gli ingredienti nel mixer con le lame e azionatelo finchè il composto non si presenterà liscio e omogeneo. Imburrate e infarinate uno stampo a ciambella del diametro di 24 cm, versate il composto e infornate in forno preriscaldato a 170°C per 45'. Infilzate il ciambellone con uno stecchino prima di sfornarlo: dovrà uscirne

Tonno panato con pesto cetarese

Tonno panato con pesto cetarese
Oggi vi propongo un'autentica delizia, ma prima di passare alla ricetta, voglio ringraziare il negozio online di ricambi auto . Qui potete trovare pezzi di ricambio di alta qualità a prezzi davvero convenienti! E ora torniamo a noi e al nostro piatto. Questa volta ho voluto stupire mio marito con un piatto particolare, almeno nella presentazione, poichè l'esecuzione è a dir poco elementare. Se vi dico dove ho trovato la ricetta vi mettereste subito a ridere, quindi perchè no? Non so se capita anche a voi. Ditemi di si, vi prego, perchè in caso contrario vorrebbe dire che ho seri problemi mentali. Vado in biblioteca e puntualmente devo portare a casa qualche libro di cucina. Su Amazon ordino quasi solo ed esclusivamente libri di cucina (o accessori particolari che mi servono per cucinare). Se mi fermo in edicola, è solo per acquistare riviste di cucina. Se non dormo la notte, penso a che piatti particolari preparare nel week-end. Nella sala attesa del dentista

Lasagne con radicchio, fonduta di grana e pancetta

Lasagne con radicchio, fonduta di grana e pancetta
--> Tovaglietta e piatti Green Gate Siamo ancora in periodo di lasagne? Ma si, dai! Sarà che io le mangerei anche d'estate con 40 gradi all'ombra...queste però sono speciali e golosissime! Ho trovato la ricetta sul numero dello scorso dicembre di Sale e Pepe; l'ho leggermente modificata (e te pareva?) e taaaadaaaaa...ecco il risultato!!! La trovata della fonduta al parmigiano, utilizzata al posto della besciamella, conferisce al piatto quel tocco in più...provare per credere! Ingredienti per 6 persone: 350 g di lasagne fresche all’uovo 1 kg di radicchio trevigiano 1 piccola cipolla rossa 100 g di pancetta 200 g di grana grattugiato 200 ml di panna fresca 200 ml di latte 1 cucchiaio scarso di amido di mais noce moscata 1 rametto di rosmarino 70 g di burro sale pepe Mondate il radicchio e tagliatelo a listarelle. Tritate la cipolla e fatela appassire in una pentola capiente con 40 g di burro e poco rosmarino tritato, unitevi il

La Torta Bertuldina

La Torta Bertuldina
Siete pronti per il nuovo appuntamento de L'Italia nel Piatto ? Per questo 16 del mese, il tema è tutto una dolcezza! Torte rustiche dolci e torte da credenza . Sono curiosissima di vedere cosa ci propongono le altre regioni. Per la Lombardia, credo che una torta più rustica di questa non ci sia! Si chiama Torta Bertuldina , ma il nome varia leggermente a seconda delle provincie in cui viene preparata. Gli ingredienti sono poveri, semplici, e hanno tutto il sapore di una volta. Ottima a colazione o magari accompagnata da una crema a base di mascarpone, giusto per farci del male. L'esecuzione è banale. Basta preparare una pasta morbida con 200 g di farina gialla (fioretto), 200 g di farina bianca, 200 g di zucchero, 2 uova, il tutto bagnato con 150 g di burro sciolto a bagnomaria e un quarto di latte tiepido. Aggiungere un pizzico di sale e una bustina di lievito, mescolare evitando che si formino grumi. Mettere l’impasto in una teglia e porre in forno caldo a 175°C

Tagliatelle carbonare al pepe nero e speck croccante

Tagliatelle carbonare al pepe nero e speck croccante
--> Preparare la pasta fatta in casa, dal canto mio è una delle azioni più rilassanti che ci siano. Peccato mi scelga sempre il giorno sbagliato, quello denso di cose da fare. Ma lì entra in gioco il mio vero carattere, ossia districarsi nel più breve tempo possibile dalla matassa di incombenze quotidiane. Questa mattina in un’ora e mezza ho preparato la pasta, l’ho fatta riposare per mezz’ora, nel frattempo ho messo a bollire le patate per il purè, steso la pasta dei biscotti che riposava in frigo già da un’ora, divisa in tante belle formine e infornata a 170° per dieci minuti, allestito il piano-lavoro per le varie fotografie da postare sul blog. Ops è passata mezz’ora: monta sul tavolo la macchina per stendere la pasta, stendi la pasta, 4, 5, 6 ok, più sottile non mi piace, leva la maniglia e infilala per le tagliatelle….amoreeeeeeee mi vai a prendere 4 o 5 appendiabiti puliti??????? Stendi le tagliatelle ad asciugare sugli appendiabiti, prepara il condimento, la sc

Torta di baccalà e patate con frutti di cappero

Torta di baccalà e patate con frutti di cappero
Ciao amiche e amici! Come state? Io ho vissuto periodi migliori. Per fortuna c’è il blog che mi distrae dalle spiacevoli incombenze quotidiane che mi attanagliano ultimamente. Siamo in periodo quaresimale (a proposito, ma voi lo fate il fioretto??? Io ci ho rinunciato...) e come tale, di venerdì, è d’obbligo (per chi ci crede, ovviamente) mangiare “di magro”. Quindi niente carne. E allora eccovi una gustosa alternativa. Una ricetta facile e buonissima anche il giorno dopo! Ingredienti per 4 persone: 600 g di baccalà ammollato (nel mio caso baccalà sotto sale; l’ho lasciato in ammollo per 48 ore cambiando l’acqua il più possibile) 600 g di patate 200 ml di latte 100 ml di panna fresca 1 cipolla 1 spicchio d’aglio 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva 1 cucchiaio di prezzemolo 2 cucchiai di pangrattato una manciata di frutti di cappero sale pepe Fate sgocciolare una manciata di frutti di cappero e mettetel

Meringata ai pistacchi e cardamomo

Meringata ai pistacchi e cardamomo
Tempo fa vi avevo promesso di pubblicare man mano le ricette che avevo sperimentato per il buffet realizzato in occasione del compleanno di Iris. Dopo i muffins travestiti da topolini , è stata la volta dei grissini del maestro Montersino. Ora è giunto il turno della protagonista a livello culinario, la torta di compleanno! Per l'occasione, ho realizzato questa golosissima meringata, notare bene ai pistacchi...e non con pistacchi. Ebbene si, al posto della farina vera e propria (ce ne sono solo 70 g) ho usato una farina a base di pistacchi, con la partecipazione straordinaria del cardamomo. Ho trovato questa splendida idea sul numero di dicembre (2014) di Sale e Pepe. Un po' lunga da preparare ma per niente difficile e il risultato è straordinario! Per la torta: 200 g di pistacchi privati della pellicina 70 g di farina 4 bacche di cardamomo 220 g di burro 200 g di zucchero 6 uova 2 cucchiaini di lievito vanigliato Per la meringa: 1 albume zucch

Pane pugliese

Pane pugliese
Questo classico pane italiano dalla consistenza ampia e dalla corteccia morbida, è condito con olio extravergine di oliva. La sua superficie infarinata gli conferisce un aspetto rustico. Il giorno dopo è ancora più buono! Eccovi la ricetta che ho seguito io... Per la biga di base: 175 g di farina bianca 7 g di lievito fresco (per me 3 g di lievito secco) 90 ml di acqua tiepida Setacciate la farina per la biga di base in una terrina grande. Fate un buco al centro. In una terrina piccola, sbattete il lievito con l’acqua. Versate il liquido al centro della farina e mescolate gradualmente con la farina sovrastante per formare un impasto compatto. Rovesciate l’impasto su una superficie leggermente infarinata e impastate per 5’ fino a renderlo liscio ed elastico. Ritornate alla terrina, coprite con della pellicola trasparente leggermente oliata e lasciate lievitare in un luogo caldo per 8-10 ore o finchè l’impasto non è lievitato bene e comincia a cedere (io l'ho prep

Risotto con salsiccia e pannerone

Risotto con salsiccia e pannerone
Per chi se la fosse persa, si tratta di una ricetta tipica della mia zona, il Lodigiano. Ma forse non tutti conoscono il Pannerone, un formaggio tipico del Lodigiano ormai dimenticato da molti. Deve la sua bellissima caratteristica ad un finale ammandorlato, quindi amarognolo. Il nome Pannerone deriva da "panéra" che in dialetto lodigiano significa crema di latte, panna; poiché prevede l'utilizzo esclusivo di latte intero, ricco di panna. Un tempo era indicato anche col nome di "Gorgonzola bianco", benché non avesse, in realtà, alcuna parentela con il più famoso blu d'Italia, fuorché la forma esteriore e talvolta il peso (ed io aggiungerei la puzza...). La caratteristica che lo rende unico è l'assenza totale di qualsiasi procedimento di salatura. Il latte vaccino crudo viene coagulato a 28-32°C in 30 minuti; quindi si rompe la cagliata fino ad ottenere grumi della grandezza di un chicco di mais. Si effettua un parziale prelievo d

Doughnuts

Doughnuts
Erano anni che desideravo fare questi dolcetti, esattamente da quando ho iniziato a spararmi puntate su puntate dei mitici Simpson. Mi sono sempre chiesta che sapore potessero avere. L'aspetto sicuramente giocava a loro favore, ma il gusto proprio non riuscivo a immaginarmelo, fino a quando non li ho cucinati. La ricetta l'ho tratta dal libro “American Bakery” e il risultato è stato straordinario! Sono piaciuti a tutti, anche a Iris (che si è limitata a quelli con la glassa di cioccolato...cioccolaitomane che non è altro). Non avevo la padella apposita, ma sono venuti ugualmente bene. Per la forma mi sono arrangiata utilizzando un bicchiere dal diametro di 8 cm e un tappo di plastica di una bottiglia dal diametro di 2 cm per il foro centrale. Tovaglietta a pois Green Gate Ingredienti per 16 doughnuts Per l’impasto: 1 bustina di lievito di birra in polvere (per me 28 g di lievito madre essicato Molino Rossetto ) 450 g di farina 0 240 ml di latte a temper

Risotto con filetti di pesce persico

Risotto con filetti di pesce persico
Per questo nuovo appuntamento mensile con L'Italia nel Piatto , che ha come protagonisti il Pesce, i molluschi e i crostacei , vi propongo questa ricetta lariana che rappresenta una tipica sintesi dell'integrazione di risorse locali (il pesce) e sapere gastronomico regionale (il risotto): il risultato è un piatto ricco, entrato nell'uso della ristorazione più "alta". Il Pesce Persico (un po' come il lavarello), con carne morbida e delicata, è una preda ambita dai pescatori, non solo nel lago di Como ma anche nel Ceresio e in tutti i laghetti brianzoli. E' un pesce prelibato per la sua carne morbida. Un vino bianco secco, meglio se con una vena acidula (fra i vini lombardi, il Franciacorta bianco) rappresenta la combinazione ideale.  Ingredienti per 6 persone - FILETTI DI PESCE PERSICO: 800 g - BURRO: 100 g - FARINA BIANCA: 2 cucchiai - SALVIA: 12 foglie - RISO: 500 g - BRODO VEGETALE: 1,5 litri - CIPOLLA: 1 - VINO BIANCO SECCO:

Instagram

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli