Pane veloce americano

Pane veloce americano
  Da una ricetta trovata sul libro di Anna Moroni, eccovi il pane veloce americano. Un pane buonissimo, profumato e dal sapore bello intenso. Il procedimento è particolare, infatti la lievitazione avviene inizialmente a forno spento, per poi proseguire ancora un po' mentre il forno inizia a scaldarsi, fino a che non avrà raggiunto la temperatura di cottura. Ingredienti per una pagnotta grande o due filoncini: un panetto di lievito di birra fresco (25 g) 220 ml di acqua 2 cucchiai di zucchero 200 ml di latte 25 g di burro 800 g di farina Manitoba 3 cucchiaini di sale Sbriciolare il lievito in una tazza, unire 3 cucchiai di acqua presi dal totale e lo zucchero. Mescolare bene e nel frattempo in un pentolino scaldare leggermente il latte con il burro a pezzetti. Quando il burro sarà sciolto, versare il contenuto in una grande ciotola, unire l'acqua rimanente, metà della farina, il lievito sciolto con acqua e zucchero e iniziare a impastare. Potete mettere anche tutto nella planeta

Focaccine morbide ripiene di Nocciolata, cotte in padella

Focaccine morbide ripiene di Nocciolata, cotte in padella
  Direttamente dal libro di Al.ta Cucina , che appena è uscito sono corsa a comprare, eccovi questa golosissima ricetta. Si prepara in un attimo e fa felici grandi e piccini. Sono le Focaccine morbide ripiene di taaaaanta Nocciolata, ma cotte in padella! Ovviamente sono da consumarsi subito. Il giorno dopo diventano dure, quindi non esagerate con le dosi (tanto, se vi torna la voglia, le rifarete in un baleno!). Ingredienti per 6 focaccine dal diametro di 6 cm: 200 g di farina 00 + altra per spolverizzare il piano da lavoro 60 g di zucchero 1 cucchiaino di lievito per dolci 60 g di latte 1 uovo piccolo Nocciolata Rigoni di Asiago qb un cucchiaino di olio di semi  zucchero a velo qb Unire in una scodella la farina, lo zucchero e il lievito per dolci e mescolare con una forchetta. Unire in una scodellina a parte il latte e l'uovo e sbattere. Unirli nella scodella delle polveri e iniziare a mescolare il tutto con l’aiuto di una forchetta. Continuare a impastare poi con le mani fino

Triangolini di pasta fillo ripieni

Triangolini di pasta fillo ripieni
Per la realizzazione dei Triangolini di pasta fillo ripieni, ho preso ispirazione dal bellissimo blog di Marianna, Ricette dal mondo . Ho sostituito il ripieno con le deliziose creme di Citres ! Una ricetta davvero facile, veloce, sfiziosa e d'effetto!  La Bomba Calabrese e la Crema di Radicchio le trovate anche all'interno della Bakery Box , insieme ad altri prodotti buonissimi firmati Citres. Questa ricetta si trova nel ricettario contenuto all'interno della box. Ingredienti per 18 triangolini: 12 fogli di pasta fillo 100 ml di olio extra vergine di oliva 50 ml di acqua Per il ripieno: Bomba calabrese qb Crema di radicchio qb feta qb Latte per spennellare Per prima cosa miscelate l'olio e l'acqua aiutandovi con una forchetta. Stendete un foglio di pasta fillo e spennellatelo con il la miscela di olio e acqua, poi ricoprite con un altro foglio di pasta fillo. Ritagliate dalla coppia di fogli tre rettangoli lunghi. Mettete un cucchiaio abbondante di bomba calabrese

Biscuit Muffins

Biscuit Muffins
Questa ricetta serve a confondervi le idee su scones, muffins, biscotti, cupcakes ecc... proprio così, avete capito bene! L'ho trovata sul libro "Torte d'America" e subito provata! Una vera delizia caratterizzata da una copertura esterna croccante e un interno morbido e denso (io l'ho ingolosito aggiungendo la Crema di Nocciole Oro Sciara - La Terra del Pistacchio ). Ingredienti per circa 12 muffin grandi: 250 g di farina 00 3 cucchiai di zucchero 1 cucchiaino di lievito in polvere 1/2 cucchiaino di sale una punta di bicarbonato 120 g di burro freddo a cubetti 150 g di latticello (potete prepararlo in casa semplicemente mescolando pari peso di yogurt e latte con un poco di succo di limone filtrato e lasciar riposare la preparazione per una decina di minuti prima di utilizzarla) Scaldare il forno a 180° e mettere in uno stampo da muffins gli appositi pirottini in carta. Nel robot da cucina, mescolate gli ingredienti secchi a bassa velocità finchè sono ben distrib

Spaghetti al cavolo viola con acciughe

Spaghetti al cavolo viola con acciughe
  Adoro il colore meraviglioso che solo il cavolo viola (o rosso) riesce a donare ai piatti che si preparano. Quella che vi propongo oggi, è una pasta semplice ma di gran gusto che vi conquisterà. Gli Spaghetti al cavolo viola con acciughe rappresentano un primo piatto saporito e veloce da preparare. Ingredienti per 4 persone: 360 g spaghetti 
Pasta Armando 200 g foglie di cavolo viola 
Bioexpress 50 g di pinoli
 2 cucchiai succo di limone 
Bioexpress 6 filetti acciuga sotto’olio 
 3 fette pancarrè o pane raffermo 
1 rametto rosmarino Peperoncino in polvere q.b. 
Olio extra vergine di oliva Sale e pepe 
q.b. Tagliare a pezzetti il cavolo rosso e frullarlo a crudo con circa 60 ml di olio evo, il succo di limone, un poco d'acqua se occorre averlo più fluido, i pinoli, un pizzico di sale e pepe. Ridurlo ad una salsa liscia e omogenea.




 In un mixer, tritate il pane insieme al rosmarino e a una spolverata di peperoncino, poi tostate le briciole ottenute in un pentolino con dell'

Bundt Cake Kaori

Bundt Cake Kaori
Ve la ricordate Kaori? Quella che mangiava poco poco? Ahahahah, ovviamente potete rammentare solo se avete vissuto i mitici anni '90. All'epoca rappresentò un tormentone quella pubblicità, tant'è che ne portiamo ancora gli strascichi. Ho dedicato questa Bundt Cake a lei, proprio perchè realizzata con il famoso formaggio cremoso. Una vera delizia! Ingredienti per uno stampo da Bundt Cake: 220 g di Farina 00 50 g di fecola di patate 200 g di zucchero 1 bustina di lievito vanigliato 180 g di burro a temperatura ambiente oppure 140 g di olio di semi 4 uova medie a temperatura ambiente 250 g di formaggio fresco spalmabile la scorza grattugiata di 1 limone non trattato 1 pizzico di sale Per guarnire: Lamponi q.b. zucchero a velo q.b. Cioccolato fuso Per realizzare la Bundt Cake Kaori, in una ciotola sbatti il burro a temperatura ambiente con lo zucchero per almeno 10 minuti fino ad ottenere un composto cremoso e soffice (aiutati con uno sbattitore elettrico). Unisci le uova a

Tartine di segale con salmone e mousse di avocado

Tartine di segale con salmone e mousse di avocado
  Dai che il mood natalizio è quasi finito oramai! Scherzi a parte, oggi vi propongo un antipasto leggero ma gustoso! Le Tartine di segale con salmone e mousse di avocado. Vediamo insieme come prepararle: Ingredienti per 8 persone: 6 Fette pane di segale 300 g di salmone affumicato 1 Avocado maturo Bioexpress 2 Cipollotti Bioexpress 1 Limone Bioexpress 1 Melograno Bioexpress 80 g di yogurt naturale 2 cucchiai olio extravergine d’oliva Sale Pepe Condite il carpaccio di salmone con un poco di succo di un limone, l’olio, un pizzico di sale, i cipollotti affettati sottilmente. Coprite e tenete in frigorifero per 30 minuti. Frullate l’avocado sbucciato e tagliato a pezzi con il succo del limone rimasto, lo yogurt, sale e pepe. Versate la mousse in una ciotola, coprite e tenete in frigo a rassodare. Tostate leggermente il pane e ritagliatelo in rettangoli o quadrati, come preferite. Con un sac à poche montato con la bocchetta a stella distribuite la mousse di avocado sulle tartine, adagiatev

Polenta Taragna

Polenta Taragna
    Eccoci ritrovati al nuovo appuntamento mensile con i piatti tipici della tradizione italiana, a cura de L'Italia Nel Piatto . Il tema di questo gennaio è: Polenta e farina di mais nella cucina tradizionale . Per la Lombardia, avevo l'imbarazzo della scelta. Tra i tanti piatti, ho scelto di proporvi la Polenta Taragna. Questa gustosa polenta, è un ricetta nata dalla cucina contadina lombarda, in particolare della Valtellina, dove già dal 1500 era diffusa la coltura del grano saraceno, vero protagonista di questa ricetta e di altri tipici piatti valtellinesi come i pizzoccheri di Teglio. Oltre che in Valtellina, questa specialità è tipica della zona camuna e delle valli bresciane e bergamasche.  Si può usare il Branzi o altri formaggi come il Casera, Bitto, Scimudin o simili. La polenta taragna deve questo suo nome dal tarai (“tarel” in bergamasco), un lungo bastone usato per mescolarla all’interno del paiolo di rame in cui veniva preparata. Come altre polente della mon

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli