Gingerbread, ovvero i biscotti di pan di zenzero

Gingerbread, ovvero i biscotti di pan di zenzero
  E con questi simpaticissimi biscotti, auguro a tutti di passare delle feste all'insegna della serenità! La ricetta l' ho trovata sullo splendido blog di Giuliana, la Cuoca Imperfetta ! Ingredienti per 30-40 biscotti 300 gr. di farina 00115 gr. di burro 80 gr. di zucchero di canna 120 gr. di miele del bosco 100% biologico Rigoni di Asiago 2 cucchiaini di zenzero 1 cucchiaino di cannella 1/2 cucchiaino di noce moscata   5 grani di chiodi di garofano 1/2 cucchiaino di bicarbonato 1 uovo 100 gr. di zucchero a velo 2 cucchiai di acqua q.b. di coloranti alimentari q.b. di confettini colorati Procedimento: Mettete nel mixer, o su una spianatoia, la farina, lo zucchero di canna, il bicarbonato e le spezie. I chiodi di garofano vanno prima triturati nel mortaio. Aggiungete il burro a pezzetti (freddo) e il miele e azionate il mixer a bassa velocità oppure lavorate velocemente con le mani. Unite l'uovo e azionate nuovamente il mixer (sempre a bassa velocità) o lavorate

TORTA “DANUBIO” con crema al profumo di vaniglia e biscotti

TORTA “DANUBIO” con crema al profumo di vaniglia e biscotti
--> Tortiera in ceramica a pois Green Gate Vi lascio questa torta realizzata per il mio compleanno, che in realtà è domani, ma ho dovuto prepararla per il pranzo di ieri per poter festeggiare con i miei fratelli (che se no, fino a Natale, non vedo). Quest’anno siamo a quota 36…se penso che quando avevo vent’anni, guardavo gli over 30 come se fossero dei vecchioni…beh, lasciamo perdere, non addentriamoci nei meandri del tempo che vola via e bla bla bla, se no mi prende lo sconforto! Quindi: tanti auguri a me e chi si è visto si è visto! Ehehehehe!!!! Un abbraccio a tutti voi e vi ringrazio in anticipo per gli auguri!!!!!!!! Kisssssssssss Ingredienti per 6 persone: 350 g di latte più un po’ 265 g di farina 00 più un po’ 80 g di zucchero semolato 70 g di biscotti Ciokolotti Witor’s + altri 2 50 g di burro 7 g di lievito di birra fresco 3 tuorli 1 uovo intero 2 baccelli di vaniglia cannella sal

Biscottini di Natale

Biscottini di Natale
--> Piatto e tovaglietta Green Gate Adoro fare biscotti e dolci al forno; da sempre sono i miei piatti preferiti, sia da mangiare che da cucinare. In parte perché credo che biscotti, torte e roba simile siano ottimi generi di conforto. Se pesi ogni ingrediente con precisione, se monti le uova e lo zucchero fino a raggiungere la giusta consistenza spumosa, se cuoci per il tempo giusto, puoi creare qualcosa di veramente delizioso e dispensare il frutto dei tuoi sforzi alle persone che ti stanno vicine, come scusa silenziosa per il fatto di andartene in giro costantemente vicina alle lacrime e con la faccia come un sedere sculacciato. La ricetta della frolla, quella a mio avviso, perfetta, la trovate qui ma ve la riporto di seguito:    500 g di farina 00 300 g di burro 200 g di zucchero 4 tuorli d’uovo un pizzico di sale bacca di vaniglia/scorza di limone/scorza di arancia (io bacca di vaniglia) Preparate la pasta frolla in anticipo (anche il giorno prima): me

Le sarmale, ovvero i ricchi involtini dell’est europeo

Le sarmale, ovvero i ricchi involtini dell’est europeo
--> La cucina romena è caratterizzata dal legame ai prodotti agricoli che il suo territorio produce. I sapori sono decisi e spaziano dalle pietanze agrodolci degli antipasti e delle minestre, al gusto più forte e speziato della selvaggina. La carne ha un ruolo primario sulle tavole romene: le sarmale sono uno dei piatti più tipici e si preparano con la verza oppure con la foglia di vite. Questa preparazione, tipica anche dei Balcani, a sud della Romania, ricorda le sarma turche: involtini di foglie di vite o di cavolo ripieni di riso. Solitamente questo piatto caratteristico è solito essere accompagnato con della polenta. Ingredienti per 6 persone: 700 g di carne macinata mista 600 g di verza 180 g di cipolla 150 g di brodo di carne 80 g di riso Originario 50 g di pancetta a dadini paprica (per me dolce) aneto (per me prezzemolo) concentrato di pomodoro aceto olio extra vergine di oliva sale pepe ner

SBRICIOLATA di CREMA e AMARENE

SBRICIOLATA di CREMA e AMARENE
--> Questa è una ricetta della bravissima Lydia Capasso, autrice del blog Tzatziki a colazione . L’ho trovata sul numero di settembre - se non erro - de La Cucina Italiana e non ho saputo trattenermi dal copiarla! Ho cambiato qualcosina, naturalmente… Questa sbriciolata è una rivisitazione della tradizionale “pizza di crema e amarene” , tipica di Napoli. La pizza, in napoletano, è qualunque tipo di preparazione, dolce o salata che sia, che prevede della pasta sotto e del ripieno sopra. Proprio come ha fatto lei, l’ho presentata anch’io in tortine monodose, molto carine alla vista e senza dubbio, golosissime al palato! Per la crema pasticcera io ho usato questa ricetta: 4 tuorli 100 g di zucchero semolato 30 g di farina 500 ml di latte un baccello di vaniglia In una casseruola lavorate i tuorli con lo zucchero, usando il cucchiaio di legno. Aggiungete a poco a poco la farina, senza smettere di mescolare fino a che il composto

FOCACCIA BARESE

FOCACCIA BARESE
--> Sul numero di settembre de La Cucina Italiana , ho trovato questa splendida ricetta. Non che prima non la conoscessi, ma la ricetta originale di questa focaccia ditemi voi dove trovarla, perché io proprio non lo so. Ho provato a rifarla, primo perché mi fido delle ricette di questa splendida rivista (mio parere personale e disinteressato), secondo perché nel trafiletto a lato c’è un articoletto di una delle mie "idole" in cucina: OrnellaMirelli , blogger di Ammodomio . Il risultato??? Perché non ci provate anche voi! Sapore unico e indescrivibile! Consistenza soffice e leggera! Perfino la Gianna (la mia mamma) è rimasta incantata e ha voluto subito la ricetta! Intanto ve la riporto... Ingredienti per 6-8 persone: 250 g di farina 00 250 g di semola rimacinata di grano duro 250 g   di pomodori ciliegia 1 patata media (ca. 80 g) 12,5 g di lievito di birra zucchero origano olive verdi con il nocciolo olio

LASAGNE con RADICCHIO e TALEGGIO

LASAGNE con RADICCHIO e TALEGGIO
--> Oggi una ricetta veloce veloce ma tanto buona da leccarsi i baffi (per chi li ha…). Vi lascio il procedimento, senza darvi pesi perché si sa, le lasagne non sono mai abbastanza, quindi abbondate pure (con quello che avanza potete sempre preparare una porzione piccola, da mettere in freezer). Allora, se non avete voglia e tempo di farvi la pasta incasa (nel caso trovate il procedimento qui ), procuratevi una confezione di pasta per lasagne. Intanto mondate, lavate e tagliate a striscioline un bel cespo di radicchio rosso tondo. In una padella antiaderente fate rosolare 2-3 cucchiai d’olio extra vergine di oliva e tuffatevi il radicchio. Cuocete per circa 15’. Preparate la besciamella . Il procedimento lo trovate qui . Una volta pronta, unitela al radicchio e mescolate. Ora, ungete con 2-3 cucchiai d’olio evo, una bella teglia. Adagiate il primo strato di pasta. Ricopritene la superficie con la besciamella mischiata al radicchio. Aggiungete qualche dadino di

CROSTATA PERE e CIOCCOLATO a modo mio

CROSTATA PERE e CIOCCOLATO a modo mio
Sto attraversando una brutta fase. Iris sta attraversando una brutta fase. Di conseguenza la sua cara mamma rischia il ricovero in neuro. A dir la verità sono indecisa tra tre opzioni:    a)      Fare le valigie e sparire - per sempre - b)     Farmi ricoverare in ospedale, reparto lunga degenza - per sempre - c)      Chiamare un esorcista Scherzi a parte, il piccolo demonio ha deciso di non voler mangiare più. Niente più pasta e pastina, niente più carne, niente più pesce, niente più risottini…credetemi, ho provato a cucinarle DI TUTTO, ma si riduce a mangiare latte, yogurt e frutta. Ormai è da una settimana abbondante che va avanti così ed io sono MOLTO prossima ad una crisi di nervi. Vi è mai capitato niente di simile coi vostri bimbi? Il pediatra mi rassicura dicendo che non muore di fame, che prima o poi riprenderà a mangiare. Ciliegina sulla torta, ha iniziato a propinarmi capricci su capricci che al confronto, Mario Merola, è una schiappa. Della serie che

SPEZZATINO alla BIRRA

SPEZZATINO alla BIRRA
Tovaglietta e ciotolina a pois Green Gate Ho il vizio di pensare troppo. Ce l’ho sempre avuto, fin da piccola. Ero una cara bambina, ma bastava che mi dicessero una cosa, una qualsiasi cosa, perché la mia testa cominciasse a lavorarci su, rielaborandola e trasformandola completamente. Purtroppo i miei voli pindarici non si sono ridimensionati col tempo. Anzi, sono decisamente peggiorati. Adesso, quando penso ad una cosa, non mi accontento semplicemente di pensare. La sviscero proprio, sotto ogni punto di vista, e, perché ciò sia possibile, la lascio frullare nella mia testa fino a che non mi si fonde il cervello, colandomi sulle orecchie….ditemi che succede così anche a voi, vi prego. Io non arrivo ai quarant’anni, lo so… se vado avanti così non ci arrivo proprio… (ne ho 35 è….). Ingredienti: 800 g di muscolo di manzo, a bocconcini 400 g di carote 120 g di cipolla un cucchiaino di concentrato di pomodoro 66 cl di birra scura olio extra vergine d'oliva sale pepe nero in grani

La TORTA MAGICA...

La TORTA MAGICA...
  Conoscere una persona “by heart”, in inglese: studiare a memoria si dice by heart (col cuore). Come quando ripeti una poesia, prendere anche un po’ di quel ritmo che le appartiene. Una poesia, come una persona, ha dei tempi suoi. Per cui, conoscere una persona a memoria, significa sincronizzare i battiti del proprio cuore con i suoi, farsi penetrare dal suo ritmo. Mi piace stare con una persona intimamente perché vuol dire correre il rischio di diventare leggermente diversi da sé stessi. Alterarsi un po’. Perché non è essere sé stessi che mi affascina in un rapporto a due, ma avere il coraggio di essere anche altro da sé. Mi piace amare una persona e conoscerla a memoria come una poesia, perché come una poesia non la si può comprendere mai fino in fondo. Tratto da "Il giorno in più di Fabio Volo"   Ingredienti: 4 tuorli a temperatura ambiente 4 albumi a temperatura ambiente 150 gr di zucchero semolato 1 cucchiaio d'acqua 125 gr di burro 120 gr di farina 0

PANE SCURO di SEGALE con SEMI di LINO

PANE SCURO di SEGALE con SEMI di LINO
-->   E’ sempre la solita storia per cui la realtà non è mai quella che si vede, ma chissà quale altra. Sono stufa di questa faccenda, a me piacerebbe che la realtà fosse esattamente quella che si vede e niente più. Che il suo lato nascosto, rimanesse nascosto: una montagna sommersa e noi quassù piccoli e senza strumenti ottici, né maschera, né sub, né cannocchiale. Niente. Impossibile vedere. Una sorta di invisibilità del mondo, ecco. Mica per niente Omero era cieco: lo sapeva, lui, che è meglio non vedere, che solo così il mondo si allarga a dismisura e diventa veramente grande. Degno di viverci, insomma.   PANE SCURO di SEGALE con SEMI di LINO Ingredienti: 1000 g di miscela per Pane di Segale 1 bustina di lievito di birra secco 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva 20 g di sale 10 g di zucchero 600 g ca. di acqua calda una manciata di semi di lino Melandri Gaudenzio Versare la miscela nella planetaria e fare un buco nel qua

BISCOTTINI al CAFFE’ SOLUBILE

BISCOTTINI al CAFFE’ SOLUBILE
Tovaglietta da colazione Green Gate Tutti abbiamo dei giorni no...no? Come abbiamo i giorni si...si? Quelli in cui ti svegli, ti prepari il caffè e nel versarlo non lo rovesci sulla tovaglietta pulita, in cui metti lo zucchero e nel berlo ti rendi conto di averlo zuccherato in modo perfetto, al microgranulo. I capelli ti stanno da Dio al punto da farti quasi sembrare più bella e in macchina becchi una sfilza di semafori che al tuo solo passaggio diventano verdi. Quei giorni in cui trovi subito parcheggio, fai una battuta e tutti ridono, ne fai un'altra e c'è già chi raccoglie firme per eleggerti Presidente del mondo, azzardi la terza e cominciano ad arrivare numeri di telefono di uomini pronti a tutto. Se devo essere sincera, nella vita di giorni così, ne ho visti un bel po', il problema è che non ero mai io la protagonista...però ho sentito battute bellissime e ho riso molto. Ingredienti per circa 25 biscotti: 150 g di burro 150 g di zucchero (per me 100

TORTA LANGAROLA

TORTA LANGAROLA
Che il blog di Julia fosse meraviglioso, lo sapevo. Che postasse ricette golose e invitanti, pure. Ma da quando ho rifatto la Sua Torta Langarola ed in particolare, da quando ho provato la frolla con cui è stata realizzata…beh, io credo di aver trovato finalmente la frolla perfetta! Ogni volta che faccio una crostata, è mia abitudine variare – anche di poco – gli ingredienti, per cercare di trovare quella che, a mio avviso, è la frolla perfetta. Bene, nella ricetta di Julia finalmente ho trovato ciò che soddisfa tutte le mie esigenze in fatto di frolla. In base al risultato che voglio ottenere, vario solamente il numero dei tuorli, magari sostituendo ai 4, un tuorlo e due uova intere. Questo comunque lo sperimenterete da voi. Io, la mia perfezione, in questo ambito l’ho raggiunta grazie a lei …. Eccovi la Sua ricetta, ve la riporto pari pari; la ritrovate anche sul suo sito: Alterkitchen : Ingredienti per la PASTA FROLLA : 500 g di farina 00 (per me farina 00

Instagram

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli