Linzer Torte, ricetta originale

Linzer Torte, ricetta originale
Tovaglietta e tazza rosa Green Gate La Linzer Torte è considerata la torta più antica del mondo, essendo nominata per la prima volta nel lontano 1653. La prima ricetta si trova sul libro di cucina dal nome inpronunciabile: Buech von allerley Eingemachten Sachen, also Zuggerwerckh, Gewürtz, Khütten und sonsten allerhandt Obst wie auch andere guett und nützlich Ding etc. risalendo a 350 anni fa. Già in questo periodo, il libro contiene ben quattro ricette diverse per la torta di Linz, a prova della grande popolarità e divulgazione di questo dolce nel periodo del barocco. Io mi sono affidata alla ricetta originale trovata sul blo ChiaraPassion . Un successone! Ingredienti per una tortiera da 24 cm (io ne ho usata una da crostata con base removibile): 100 g nocciole 100 g mandorle 100 g farina 00 100 g farina grano saraceno o farina 00 200 g di burro a temperatura ambiente 130 g di zucchero (io ho usato bianco e integrale) 1/2 bustina di lievito per dolci (8 g) 1 cuc

La colomba in volo delle Simili

La colomba in volo delle Simili
Si avvicina la Pasqua e questa volta voglio proporvi una ricetta insolita ma talmente golosa che non saprete più farne a meno! Si tratta di una curiosa colomba, opera delle mitiche sorelle Simili, ideale sia nel pranzo di Pasqua, come antipasto che per la scampagnata di Pasquetta. Eccovi la ricetta. 500 g di farina 00 150 g di patate lessate (per me sempre BioExpress ) 100 g di olio (non è specificato quale, io ho usato quello di oliva) 80 g di latte 80 g di acqua 35 g di lievito di birra (io ne ho messi 20 g, allungando leggermente i tempi di lievitazione) 100 g di provola affumicata a dadini 100 g di prosciutto (non è specificato quale, io ho usato quello cotto a dadini) 1 cucchiaio raso di sale 1 uovo 2 o 3 mini peperoncini gialli e rossi Citres 5 o 6 pomodorini secchi a filetti Citres una manciata di olive verdi denocciolate Citres una manciata di fior di cappero Citres In un'ampia ciotola (o nella boule della planetaria) sciogliete il lievito con il la

Pan d'arancio di Letizia Bruno

Pan d'arancio di Letizia Bruno
Tovaglietta e Tazze Green Gate   Ecco un'altra ricetta stupenda presa in prestito dal fantastico gruppo di facebook di Paoletta e Adriano. Questa volta l'autrice è Letizia Bruno, che ringrazio di cuore! Era la prima volta che mi cimentavo nella realizzazione di un dolce come il Pan d'Arancio. In rete si trovano infinite ricette in merito. Io avevo bisogno di una ricetta veloce e di un risultato garantito. Risultato più che soddisfacente direi. Profumo inebriante e consistenza soffice e "panosa", come dice giustamente Letizia. Ve la lascio! Ingredienti: 1 arancia intera non trattata, per me biologica BioExpress 300 g di farina 00 3 uova intere 250 g di zucchero (io ne ho messo meno, circa 200 g) 100 g di latte (io ho usato del latte intero) 100 g di olio di semi Vaniglia (io ho usato un cucchiaino di estratto di vaniglia ) Una bustina di lievito per dolci Tagliare a tocchetti l'arancia e ridurla in purea con l'aiuto di un mixer. Aggiunger

La maionese senza uova di Marco Bianchi

La maionese senza uova di Marco Bianchi
Cari amici oggi devo confessarvi una cosa. Sono una foodblogger, è vero, ma come tale non mi posso nemmeno lontanamente associare a un cuoco o a uno chef. Adoro cucinare, macino libri su libri, sto incollata ad internet ore e ore alla ricerca di nozioni sul cibo. Cucino anche bene, a detta degli altri. Però ci sono cose che non mi vengono proprio. Vi porto un esempio banale. L'arrosto come quello che fa mia madre non mi è mai venuto. Mai, mai, mai. Altro esempio? La maionese. Credo di averci provato solo un paio di volte, non molte, ma lo scoraggiamento è stato troppo enorme. La prima volta ho provato a farla a mano. Disastro. La seconda volta ho provato a realizzarla con un frullatore a immersione. Secondo disastro. Qualche giorno fa ho avuto il mio riscatto. manco avessi vinto la maratona di New York! Esaltazione più totale! Mi sono lanciata sulla ricetta senza uova dello chef scienziato Marco Bianchi ed ho utilizzato il nuovissimo frullatore ad immersione EasyPrep 3 in 1 di

Polpettone con bietole e ricotta

Polpettone con bietole e ricotta
Buongiorno cari amici! Oggi, nella Kucina di Kiara, si prepara il Polpettone! Vi ho già proposto, in passato, ricette di questa pietanza e ne potete trovare anche sul web tantissime versioni del polpettone , ma oggi voglio darvene una con ripieno di bietole e ricotta, davvero deliziosa! Adoro preparare questo genere di portata, forse perché si tratta della tipica ricetta conviviale. E' buona, versatile, ottima sia calda che fredda, anche da portare nel cestino del pic- nic in occasione di una gita fuori porta (tempo birichino permettendo). Con il polpettone non si sbaglia mai perché è un piatto che mette sempre tutti d’accordo. La parola "polpettone" non è niente di meno che l'accrescitivo della parola polpetta e, in effetti, è la sua variante proposta in un unico pezzo. Gli ingredienti sono grossomodo sempre gli stessi, ciò che cambia è la forma finale della pietanza portata a tavola. Se le polpette sono molto piccole, il polpettone è costituito da un unico grande

Panbrioche capriccioso con water roux

Panbrioche capriccioso con water roux
Teglia circolare a pois Green Gate Ho visto la ricetta del Panbrioche capriccioso con water roux in una delle puntate de La prova del Cuoco. Trattasi di una ricetta dello chef Andrea Mainardi. Mi ha subito incuriosita questa tecnica che, personalmente, ancora non conoscevo. Devo dire che il risultato è sorprendente! Un Panbrioche morbido, profumato con un impasto dalla consistenza stratosferica, simile allo zucchero filato! Ingredienti: 380 g di farina 0 70 g di zucchero di canna 50 g di burro morbido 2 uova 130 ml di latte 8 g di sale 6 g di lievito di birra fresco Per il water roux: 20 g di farina manitoba 100 ml di acqua Per la farcitura: 200 g di carciofi sott’olio sgocciolati Citres 100 g di pomodorini secchi sott’olio a filetti Citres 100 g di funghi sott’olio Citres 100 g di olive nere denocciolate Citres 200 g di prosciutto cotto a dadini 200 g di scamorza dolce  50 g di olio evo per spennellare Si parte con il roux all’acqua, grazie al quale avr

Orecchiette con carciofi, pancetta e mandorle

Orecchiette con carciofi, pancetta e mandorle
Piatto, tovaglietta e tazza Green Gate Dopo l'ondata di neve, apriamo le porte alla primavera, sperando si sbrighi ad arrivare, perchè, detto tra noi, di freddo non se ne può più. Solo il fatto di cucinare piatti con carciofi, mi fa pensare alla pasqua e al bel tempo, quindi, detto fatto. Eccovi qui un goloso piatto di orecchiette con carciofi, pancetta e mandorle. Ingredienti per 4 persone: 320 g di Orecchiette Pasta Armando 4 carciofi BioExpress 50 g di pancetta affumicata a dadini 250 g di ricotta vaccina 1 scalogno BioExpress una manciata di mandorle pelate e tostate 50 g di Grana lodigiano grattugiato 150 ml di vino bianco 4 cucchiai di olio extravergine d'oliva sale e pepe q.b. Per i carciofi: il succo di un limone   Pulite i carciofi, eliminate il fieno, tagliateli a fettine sottili ed immergeteli in acqua con il succo di un limone per 10 minuti.  In una padella saltapasta fate rosolare con 3 cucchiai di olio un trito finissimo di scalogno, aggi

Risotto alla milanese con Ossobuco

Risotto alla milanese con Ossobuco
Eccoci finalmente al consueto appuntamento mensile con le ricette tipiche della nostra tradizione. Grazie a " L'Italia nel Piatto ", a marzo si parla di Riso e Tradizione . A tale proposito, è d'obbligo ricordare, in occasione dell'imminente Festa della Donna, insieme al riso il duro lavoro delle mondine, ovvero quelle lavoratrici stagionali delle risaie. Il lavoro si svolgeva durante il periodo di allagamento dei campi, effettuato dalla fine di aprile agli inizi di giugno per proteggere le delicate piantine del riso dallo sbalzo termico tra il giorno e la notte. Si trattava di un lavoro molto faticoso, praticato da persone di bassa estrazione sociale, provenienti in genere da regioni quali l'Emilia-Romagna, il Veneto e la Lombardia, che prestavano la propria opera soprattutto nelle risaie delle province di Vercelli, Novara e Pavia. Legandoci alla ricetta, p er la Lombardia è stato d'obbligo pensare al Risotto alla Milanese . Molti lo chiamano anc

Instagram

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli