Frollini farciti

Frollini farciti
Una merenda golosa ma sana, fatta in casa con ingredienti semplici e genuini. Niente di più facile per questi biscotti, ideali anche da sgranocchiare la sera davanti alla tv! Per la frolla ho utilizzato ormai la collaudatissima ricetta di Knam. Per la crema alle nocciole, niente di più sano della Nocciolata Rigoni di Asiago ! Ingredienti per la pasta frolla (circa 900 g): 250 g di burro morbido 250 g di zucchero semolato 2 uova intere 4 g di sale 1 stecca di vaniglia 10 g di lievito in polvere 480 g di farina 00 In una planetaria con il gancio (oppure a mano), impastate il burro con lo zucchero e la vaniglia. Quando gli ingredienti saranno amalgamati, unite lentamente le uova, quindi la farina 00, il lievito e il sale. Appena la farina è incorporata, smettete di impastare. Formate una palla, avvolgetela nella pellicola e riponetela in frigorifero per almeno 3 ore. Con queste dosi otterrete 900 g ca di frolla. Una volta pronta la pasta frolla, con un mattarello

Torta al cioccolato: Moelleux au Chocolate

Torta al cioccolato: Moelleux au Chocolate
Quando vidi la ricetta di questa magnifica torta da Chiara , fu amore a prima vista! La postò più di un anno e mezzo fa ma io la ripropongo oggi, dopo averla fatta assaggiare a parenti, amici e genitori dell'asilo! Sempre un successo! Se, come me, siete "chocoholic", questa non potete perdervela! Nella foto si vede il mio primo esperimento, fatto con del comunissimo sale fino. Ad oggi posso consigliarvi di procurarvi il sale Maldon. La differenza è evidente. Otterrete una dolce leggero, cremoso, se posso permettermi "quasi light" (per via dell'assenza di grassi), adatto anche per gli intolleranti al glutine. Riporto la ricetta presa dalla pancia del Lupo, con le mie modifiche tra parentesi. Ingredienti per uno stampo di 20 cm   (io ho usato uno stampo da 28 cm perchè non ne ho uno da 20, aumentando le dosi in maniera proporzionale, del 50%) 200 g di ricotta vaccina di ottima qualità 30 g di amido di riso 75 g di zucchero bianco semolato 40

"Patatine" di polenta al forno

"Patatine" di polenta al forno
Questa semplicissima ricetta l'ho trovata sul bellissimo libro "Non ho tempo per cucinare" di Donna Hay. A parte che è un libro stupendo da guardare, per come è realizzato a livello grafico, contiene tanti spunti per ricette interessanti e veloci. Nella sezione contoni ho trovato questa furbata, adatta anche per i bambini! Eccovi la ricetta: Portate a ebollizione 750 ml di brodo di pollo (io ho usato del brodo vegetale) con 375 ml di acqua. Versate lentamente 255 g di polenta istantanea e cuocete, mescolando, finchè il composto è morbido. Incorporate 40 g di parmigiano. Versate in una teglia foderata di carta da forno e lasciate solidificare. Sformatela e tagliatela a bastoncini. Spennellate le patatine con del burro fuso e infornatele a 200°C, girandole una volta, per 35' o fino a che saranno dorate e croccanti.

Ancora più buoni delle Gocciole

Ancora più buoni delle Gocciole
Da tempo sono iscritta al gruppo Facebook di Paoletta e Adriano . Le ricette che vengono postate, prese dai loro blog come spunto o copiate pari pari, non si contano. E' bello vedere quante cose si possono fare nel rispetto dei veri autori. Qualche tempo fa ho visto postate foto riguardante questa ricetta di Paoletta " Per favore non chiamatele Gocciole ". Dirvi che è stato subito amore sarebbe scontato. Provate a farli questi biscotti. Provate ad assaggiarli questi biscotti. Chi si ferma più?! La ricetta originalissima parte dai CHOCOLATE CHIP COOKIES del Maestro Santin. Io riporto quella trovata da Paoletta! Ingredienti: 185 g di burro pomata 185 g di zucchero semolato 370 g di farina 00 (per me Molino Rossetto ) 200 g di cioccolato fondente in gocce oppure tritato 1 uovo intero + 1 tuorlo 5 g di lievito in polvere 2 g di bicarbonato 1 pizzico di sale 1 cucchiaino di essenza di vaniglia Procedimento: In una ciotola capiente lavorare il burro a pomata tirato fuo

Composta di zucca senapata

Composta di zucca senapata
Ho avuto modo di conoscere questa ricetta nel libro "La cena delle meraviglie", scritto a quattro mani da Camilla Baresani e Allan Bay. Nel mio frigo non manca mai! Ecco la ricetta tratta dal libro: Ingredienti per 1 kg di composta: 1 kg di polpa di zucca 250 g di scalogni 250 g di zucchero di canna 2,5 dl di aceto di mele 1 limone essenza di senape sale Tagliate a dadini la polpa di zucca e gli scalogni. Metteteli in una casseruola antiaderente e unite lo zucchero di canna, l'aceto di mele, il succo filtrato di un limone e un pizzico di sale. Portate a bollore e lasciate sobbollire per circa un'ora o fino a quando il composto avrà la densità di una marmellata. Spegnete, lasciate intiepidire, profumate con essenza di senape a piacere, ma abbiate l'accortezza di usarne poca poichè è fortissima (la si trova facilmente in farmacia, io ne ho messe 4 gocce come suggerito nel libro e non sono poche, credetemi), versate nei barattoli di vetro puliti e st

Lo scarpariello, ricetta semplice campana

Lo scarpariello, ricetta semplice campana
Oggi su Kucina di Kiara abbiamo come protagonista una ricetta semplice e veloce di origine campana: la Pasta allo Scarpariello.  Si tratta di un primo piatto antico, nato nei Quartieri Spagnoli di Napoli. La parola scarpariello deriva da “scarparo” ossia calzolaio in napoletano, un mestiere solito in questa zona di Napoli. Questa pasta fondamentalmente era nata per permettere ai calzolai di prepararsi un piatto di pasta anche con poco tempo a disposizione. I due ingredienti principali sono il sugo al pomodoro e il formaggio. Il primo di solito era il sugo della domenica avanzato, che per non essere buttato veniva “riutilizzato” nella pasta allo scarpariello. Il formaggio invece veniva utilizzato perché sovente, alcuni clienti dei calzolai erano contadini, ed essendo impossibilitati a pagare con il denaro, barattavano il lavoro eseguito con i prodotti che producevano, quindi gli “scarpari” si trovavano ad averne molto da dover consumare. Questa ricetta antica quindi nacque p

Cous cous allo zafferano con pollo e verdure

Cous cous allo zafferano con pollo e verdure
Oggi Kucina di Kiara vi propone la ricetta del Cous cous aromatizzato allo zafferano, con pollo e verdure. Adoro questo piatto sia freddo in estate che caldo nelle stagioni più fredde. E' ricco, colorato, mi ricorda tanto la paella spagnola. La prossima volta vorrei infatti aggiungere una parte di pesce. Eccovi la ricetta. Tovaglietta, piatti, ciotola e cucchiaio Green Gate Ingredienti per 4 persone: 200 g di cous cous precotto 1 bustina di zafferano 1 petto di pollo 200 g di acqua 1 peperone rosso BioExpress 2 zucchine BioExpress 500 g dirca di broccoli BioExpress 1 cipollotto una manciata di pinoli tostati olio extra vergine di oliva qb sale qb Per realizzare la ricetta del cous cous allo zafferano di pollo e verdure innanzitutto taglia a tocchetti il petto di pollo (di circa 500 g) eliminando l'osso e la cartilagine centrale. Lava tutti gli ortaggi. Spunta le zucchine, tagliale a metà, nel senso della larghezza, e quindi a fettine, nel senso della lu

I tortelli con la coda piacentini

I tortelli con la coda piacentini
Anche i tortelli appartengono alla tradizione padana, ma quelli con la coda sono ritenuti piacentini, con vanto e un certo sussiego per la difficoltà nella realizzazione che richiede una certa manualità. Ho cercato diversi video in rete per studiarne i passaggi d'esecuzione. Molti mi sono stati di grande aiuto, come quello di Ornella Pasquariello. Il mio risultato è molto lontano da quelli visti, ma non posso negare di essermi divertita come una bambina. Confezionare il tortello in questo modo è davvero difficile perchè lo si impara come gesto famigliare e lo si trasmette come tale: la tecnica si coniuga con abitudine e rapidità. I tortelli con la coda si preparano in genere con un ripieno a base di ricotta, grana, spinaci scottati e tritati, uovo e noce moscata. La pasta deve essere soda e sottile ma non deve prevaricare il ripieno. Il condimento dev'essere semplice: burro fuso spesso profumato di salvia. Nel piacentino capita spesso che li servano anche con sugo ai funghi

Torta di mele cremosa mou

Torta di mele cremosa mou
Oggi voglio presentarvi quella che per me è LA Torta di Mele per eccellenza. L'avevo proposta come una delle primissime ricette all'apertura del blog. Parlo del lontano 2010 e il nome era Gateaux aux Pommes . Un nome elegantissimo per una torta dalla semplicità estrema ma dal gusto unico. Da allora l'ho riproposta più e più volte, senza mai cambiarla, senza mai stancarmene. Oggi ve la presento con un nome italianizzato, abbinata a una salsa mou semplicissima che la rende solo più golosa. Ingredienti: 4 mele BioExpress 4 uova 180 g di zucchero 100 g di farina 00 120 g di burro fuso una manciata di mandorle a lamelle tostate una manciata di caramelle mou panna fresca Preparazione: Separare gli albumi dai tuorli.  Sbattere i tuorli e lo zucchero con una frusta elettrica fino ad ottenere una crema bianca e spumosa. Aggiungere il burro fuso, poi la farina. Mescolare bene. Montare a neve gli albumi ed incorporarli delicatamente nel composto.  Sbucciare le mele

Pane Polka

Pane Polka
Il pane Polka è un pane tipico francese, soprattutto della valle della Loira e a colpo d'occhio assomiglia molto al nostro pane tartaruga per i tagli incrociati presenti sulla crosta. L'esecuzione non è di certo delle più facili, poichè prevede ben tre tempi di lievitazione, ma il risultato vi appagherà. Ho trovato la ricetta sull'ormai collaudato libro "Il pane fatto in casa". Per la biga 115 g di farina (io ho usato una farina di forza, per lunghe lievitazioni) 120 ml di acqua 7 g di lievito di birra fresco sale Per l’impasto 450 g di farina 0 7 g di lievito di birra fresco 1 cucchiaino di sale 280 ml di acqua tiepida Per la biga impastare gli ingredienti aggiungendo man mano l’acqua finché si sarà assorbita. L’impasto deve risultare appiccicoso. Lasciar riposare in un luogo fresco coperto, a temperatura ambiente, per almeno 4 ore. Trascorso il tempo capovolgere l'impasto su un piano di lavoro infarinato e impastare

Bucatini cremosi con pompelmo, feta e pinoli

Bucatini cremosi con pompelmo, feta e pinoli
Ho provato a fare questa pasta con diversi tipi di agrumi, quali limone (classica e ottima) e arancia (particolare e golosa) e ogni volta mi ha piacevolmente appagata. Questa volta voglio proporla con il pompelmo, un abbinamento certo più azzardato ma, credetemi, unico e delizioso. Il segreto per una buona riuscita sta nella mantecatura: l'effetto finale dev'essere quello di una crema vellutata che avvolge la pasta. Ingredienti: 250 g di bucatini 1 pompelmo biologico BioExpress 5 cucchiai di Grana Padano grattugiato 200 g di feta 2 cucchiai di pinoli tostati olio extra vergine di oliva sale Preparazione: Lessare la pasta. Nel mentre grattugiare la scorza dal pompelmo e spremerne il succo.  Scolare la pasta al dente, lasciando nella pentolaqualche cucchiaio di acqua di cottura.  Rimettere la pasta nella pentola e aggiungere l'olio di oliva (circa 4 cucchiai - uno a testa-), il succo e la scorza del pompelmo, il Grana e tre quarti della feta sbriciola

Zucca fritta alla mantovana

Zucca fritta alla mantovana
La zucca fritta alla mantovana è un piatto davvero sfizioso e semplice da preparare e ve lo voglio proporre in occasione di questa nuova uscita per L'Italia nel Piatto . Il tema per questo mese di ottobre è "Il profumo dell'autunno" e per la Lombardia ho pensato a un piatto a base di zucca. Preferite una zucca come la Mantovana che unisce a una consistenza leggermente tenace un gustodavvero inconfondibile.   Ingredienti per 4 persone: 800 g di zucca mantovana 2 uova 80 g di burro 100 ml di latte circa farina qb pangrattato qb Eliminate la buccia della zucca, togliete i semi e i filamenti della parte centrale. Tagliate la polpa a fette di circa 1 cm di spessore. In una casseruola unite la zucca e sufficiente latte da coprirla completamente. Chiudete con il coperchio e portate a bollore. Fate cuocere a fiamma media per 3 - 4 minuti senza girare: la zucca deve risultare morbida ma non disfarsi. Scolate la zucca con una schiumarola e fatela raffreddare in un piatto da

Instagram

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli