Danubio salato

Danubio salato
  Eccovi una ricetta che proviene da Napoli il cui nome, forse, si deve alla terra d'origine di alcuni cuochi che operarono al servizio dei Borboni. Da quando l'ho scoperta, l'ho fatta e rifatta, riscuotendo ogni volta un successo straordinario. Qui trovate anche la versione dolce! Ma tra le due, la mia preferita è questa rustica! Versatile, la potete farcire come più vi piace! Io vi lascio questa versione, trovata su La Cucina Italiana. INGREDIENTI Pasta:  farina g 500 00 burro g 100 lievito di birra g 15 zucchero g 10 un uovo sale burro e farina per lo stampo un tuorlo leggermente sbattuto con due cucchiaini di latte Farcia: 2 fette di prosciutto cotto g 200 fontina g 100 brie g 100 speck g 200 Preparazione: Pasta: lavorate nell'impastatrice, munita di frusta a gancio, la farina, l'uovo, lo zucchero, il burro morbido, un pizzico di sale e il lievito sciolto in circa g 200 di acqua tiepida; appena la pasta sarà omogenea ed elastica, sten

Quadratini al cacao ripieni

Quadratini al cacao ripieni
Buongiorno a tutti e buon lunedì! Gennaio ormai è agli sgoccioli… è passato portandosi dietro tutte le ultime feste rimaste ed io, sinceramente, ne sono sollevata. Volevo condividere con voi ciò che è successo qualche giorno fa, all’ospedale di Lodi. Un bimbo di soli 5 anni ha perso 4 dita del piedino. Gli è rimasta incastrata la scarpina nelle scale mobili, all’ultimo scalino. Io non oso immaginare il dolore che il piccolo possa aver provato, e con lui, sua madre. Poi penso inevitabilmente a tutte quelle volte che, all’ospedale o in qualche centro commerciale, ho portato Iris con me sulle scale mobili, costringendola a restare in piedi standomi accanto, anziché prenderla in braccio, “perché deve imparare”. Dio, Dio, Dio ma dove sei quando capitano queste cose? A un bambino poi!   So che sono casi, chiamiamola sfortuna, ma ora che sono madre non posso che angosciarmi. Ora auguro al piccolo, con tutto il cuore, che possa condurre un’esistenza normale con meno dolore possibile.

CAKE alle CAROTE di Luca Montersino

CAKE alle CAROTE di Luca Montersino
--> Eccomi di nuovo qui…è passata una settimana dall’ultima volta che ho scritto. Ormai, tenere un blog, è equivale a scrivere un diario, con la sola differenza che non è propriamente segreto. Ma questo è il bello! Condividere! Offrire del proprio agli altri…avere qualcosa in comune a tutti voi. Bene, oggi voglio condividere questo splendido dolce. E’ una ricetta del Maestro, che io riporto pari pari con le mie modifiche tra parentesi. Ingredienti: 125 g di tuorli 50 g di fruttosio (per me 70 g di zucchero semolato) 25 g di miele di fiori d’acacia (per me un cucchiaino di miele biologico d’acacia Mielbio Rigoni di Asiago ) 325 g di albumi 100 g di fruttosio (per me 100 g di zucchero semolato) 300 g di mandorle non pelate 50 g di mandorle a filetti 200 g di carote 125 g di farina 00 10 g di baking (lievito chimico) sale buccia di arancia grattugiata burro e farina per lo stampo Per la finitura: 150 g di cioccolato fondente al fruttosio

Orecchiette con broccoli e peperoncino

Orecchiette con broccoli e peperoncino
Piatto e tovaglietta Green Gate Questa per me sarà una settimana un po’ particolare…non mi sentirete per qualche giorno ma spero di tornare attiva già dalla prossima settimana. Non vi svelerò niente, per scaramanzia, ma ci risentiremo prestissimo, promesso! Vi anticipo solo che non sono incinta…. ehehehehe! Vi lascio con questo primo piatto semplicissimo ma buono e salutare! E dopo i bagordi delle feste, direi che ci sta…. Ingredienti per 4 persone: 300 g di orecchiette 200 g di broccoli 4-6 filetti d’acciuga aglio peperoncino olio extra vergine di oliva sale Portate a bollore una capace pentola di acqua salata e cuocetevi per 5’ i broccoli (precedentemente lavati e mondati). Scolateli con la schiumarola e nella stessa acqua cuocete le orecchiette. Saltate i broccoli in una padella con 5-6 cucchiai d’olio, uno spicchio d’aglio, i filetti di acciuga e una manciata abbondante di peperoncino (a seconda dei gusti). Scolate le orecchiette, salt

Torta rustica con tonno e patate

Torta rustica con tonno e patate
Questo è uno degli antipasti che più mi piace! Tonno e patate per me è lo sposalizio per eccellenza! Stanno bene sempre insieme! La ricetta l’ho trovata su uno dei blog più accreditati che conosco, quello di Paola : Le ricette in cucina di patatina . Fateci un giro se ancora non lo conoscete, e ditemi se non ho ragione! Riporto di seguito la sua ricetta, con le mie modifiche tra parentesi: Ingredienti: 1 rotolo di pasta sfoglia 2 patate lesse  2 scatolette di tonno da 80 gr weight watchers mareblu   1 uovo un cucchiaio di concentrato di pomodoro pangrattato q.b.   origano   sale olio extra vergine di oliva Preparazione: Schiacciare le patate lesse, unire il concentrato di pomodoro, aggiungere il tonno, incorporare l'uovo, aggiungere un pizzico di sale e mescolare bene. Bucherellare la sfoglia, aggiungere il ripieno livellandolo bene, spolverizzare in superificie un pò di pangrattato, l'origano e versare un filo d'ol

Angel Food Cake di Luca Montersino

Angel Food Cake di Luca Montersino
Ricetta vista e stravista in rete, ma da quando l'ho scoperta, gli albumi per me hanno i giorni contati! Oltre ad essere di facile realizzazione, questo dolce si presta ad essere farcito con ciò che avete in casa, senza pretese. E’ buonissimo mangiato da solo, figuriamoci se accompagnato da una crema chantilly o al cioccolato! Le ho provate entrambe, ma la farcitura che vi propongo io è costituita da una banalissima crema al pistacchio (che trovate al supermercato o su internet…giusto per alternare l’uso della Nutella….eheheheh). La colata che vedete sopra, è una ganache al cioccolato bianco e mandorle Per una versione non alcolica ho sostituito l'Amaretto, presente nella ricetta originale, con aroma di mandorle amare. La dose indicata è per uno stampo a cerniera da 23cm.   Ingredienti: 360g albume a temperatura ambiente   350g zucchero semolato 5g cremor tartaro (lo trovate ormai in ogni supermercato)   150g farina 00 10g aroma di mandorle amar

Simil baguette

Simil baguette
  Le chiamo “Simil” perché si differenziano dall’originale solo per la forma. Non le ho arrotolate in diagonale a sufficienza. Ma per il resto, il procedimento è quello segnalato dallo chef Walter Pedrazzi sul numero di ottobre 2012 de La Cucina Italiana . Un pane fragrante e profumato che ha tempi piuttosto lunghi nella preparazione, ma vi assicuro che ne vale la pena! Prima di tutto preparate la biga: impastate 500 g di farina 0 con 275 g di acqua e 5 g di lievito di birra fresco sbriciolato. Coprite con la pellicola e lasciate lievitare in frigo per circa 20 ore.   Raccogliete nella ciotola dell’impastatrice la biga lievitata, 250 g di farina per pizza croccante (che favorirà la formazione di una bella crosta) e 125 g di acqua, nella quale avrete sciolto 8 g di lievito di birra fresco. Avviate l’impasto quindi unite 15 g di sale. Dopo circa 5’ di lavorazione otterrete un impasto omogeneo, consistente e asciutto. Lavoratelo ancora a mano su un piano, tirandolo e

Torta profumata all’arancia con carciofi e ricotta

Torta profumata all’arancia con carciofi e ricotta
  Buongiorno a tutti e….BUON ANNO!!! Come avete passato le feste? Spero in maniera splendida! E l’augurio che posso fare ad ognuno di voi è che quest’anno sia davvero speciale, che i vostri sogni si possano finalmente realizzare, perché in fondo, ce lo meritiamo… Io non ho fatto nulla di particolare, se non stare con la mia famiglia e fare ciò che amo di più: cucinare! Poi è arrivato un regalo inaspettato…quanti di voi ascoltano Radio DeeJai? Beh, io purtroppo no…ma ho saputo (dai vicini di casa e da un’email inaspettata…) che nella trasmissione della Litizzetto sono stata “nominata”…all’inizio credevo si trattasse di uno sbaglio, di uno scambio (ci sono diversi blog che si chiamano come il mio, che si differenzia solo dall’uso delle Kappa). Ma poi, dato che si parlava della sezione “Il Dosario”, ho capito di essere proprio io! Non immaginate lo stupore e la gioia! Io! Proprio io! Non sono abituata a queste cose, soprattutto ultimamente, periodo in cui la mia autostima pare

Instagram

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli