Yogurt Gelato variegato

Yogurt Gelato variegato
Che sia la regina indiscussa delle ricette furbe lo sappiamo. Ma ogni volta ha la capacità di stupirmi, come accaduto per questa, ennessima, furbissima ricetta. Araba Felice un monumento a te! E' difficile, anzi, impossibile che io sostituisca un pasto con del gelato. Ma questa ricetta veloce, semplice e genuina me lo ha permesso, con la calura di questi giorni. Poi richiede l'utilizzo di soli 2 ingredienti...più semplice di così! Ragazze, non vi resta che provare.  La prossima volta voglio provare a fare una versione golosa variegata alla Nutella... La ricetta che ho trovato da Stefania proviene da Martha Stewart Kids e originariamente prende il nome di Frozen Yogurt Pops . Ingredienti: 250 g circa di yogurt greco 120 g di confettura che preferite (per me Fiordifrutta Rigoni di Asiago Fragole e Fragoline di Bosco ) Unire la confettura allo yogurt senza mescolare troppo, lasciando un effetto variegato. Mettere negli stampi per ghiaccioli e tenere in freezer

Pavlova al pepe rosa con fragole

Pavlova al pepe rosa con fragole
La pavlova è una dolce meringato tipico della Nuova Zelanda e dell'Australia. Alcune ricerche fanno risalire la nascita di questogolosissimo dolce al lontano 1926, da un pasticcere di un Hotel a Wllington in Nuova Zelanda. Quando ho un esubero di albumi da smaltire, la pavlova è assicurata. Se come me adorate questo dolce, non lasciatevi sfuggire la versione al cappuccino e quella al limone e mandorle . Ingredienti: 250 g di zucchero semolato 4 albumi freschi o pastorizzati 2 cucchiai di succo di fragole 2 cucchiaini di amido di mais 1 cucchiaino di aceto bianco un pizzico di sale 1 cucchiaino di pepe rosa 200 ml di panna fresca 250 g di fragole il succo di un limone due cucchiai di zucchero semolato (per le fragole) Preriscaldare il forno a 180°C e foderare una placca da forno con carta forno (disegnate un cerchio aiutandovi con una teglia tonda dal diametro di 23 cm, sul lato opposto rispetto a quello su cui appoggerete la pavlova). Montare gli al

Panzanella finger food in guscio di pane croccante

Panzanella finger food in guscio di pane croccante
La Panzanella è conosciuta con svariati nomi: pansanella, panmolle, panmòllo e tutti stanno a indicare un piatto povero e del riciclo, dove si recupera pane raffermo. E' di origine toscana, diffusa poi nelle Marche e Lazio. La ricetta originale prevede il pane tipico toscano senza sale, conosciuto anche come pane "sciocco". In Umbria, Lazio e Marche le fette di pane vengono bagnate ma non spezzettate e gli ingredienti sono disposti direttamente sopra le fette, come una bruschetta. Io vi propongo una versione finger food, dove la panzanella è servita all'interno di scrigni di pane croccante. Ingredienti per 4 persone: 4 fette di pancarrè senza crosta 3 fette di pane tipo toscano raffermo 1 cetriolo biologico BioExpress 2 cipollotti rossi 400 g di pomodorini datterini BioExpress Basilico qb Aceto qb Olio extra vergine di oliva qb Con un mattarello appiattite le fette di pane e con l'aiuto di un coppapasta rotondo ricavate 8 cerchi. Dispon

Forno a microonde multifunzione Severin MW 9722 #loveseverin

Forno a microonde multifunzione Severin MW 9722 #loveseverin
Buongiorno a tutti, oggi parliamo di un alleato per la nostra cucina: il forno a microonde. Si tratta di un vero e proprio aiuto nelle preparazioni cilinarie e non solo. In molti usano il microonde solo per scaldare i cibi, il latte per la colazione oppure scongelare qualche alimento all’ultimo minuto. Invece si può utilizzare questo elettrodomestico per tantissime altre cose. Per il progetto #loveseverin ho avuto modo di testate per voi il forno a microonde di ultima generazione Severin multifunzione MW 9722, con il quale è possibile creare qualsiasi ricetta e non solo. Ma facciamo qualche pratico esempio.  Lievitare   Il forno a microonde è un’ottima camera di lievitazione: se vi piace impastare e fare in casa pane o pizza, mettete l’impasto a lievitare in una ciotola di plastica o altro materiale adatto al microonde, coprite con l’apposito coperchio e infornate a media potenza per una decina di minuti. Spegnete e lasciate l’impasto dentro il forno fino al termine della lie

Insalata di Melone e Feta

Insalata di Melone e Feta
Care amiche, vi presento la regina delle insalate estive. Anzi la cugina della più famosa che prevede l'uso dell'anguria, al posto del melone. All'inizio ero scettica, ve lo confesso, poichè temevo che il melone non avrebbe legato con gli altri sapori. La sua dolcezza, però, é perfettamente bilanciata dal formaggio salato, dando vita a un piatto deliziosamente fresco ed equilibrato. Potete sbizzarrirvi e aggiungere foglioline di menta al posto del basilico, oppure arricchire con olive, cipolla rossa ecc... In questo caso io l'ho proposta come antipasto veloce, in una cena dove ti arrivano ospiti inattesi.  Ingredienti per 4 persone: 200 g di feta 4 fette di melone biologico BioExpress sale qb pep qb olio extra vergine di oliva qualche fogliolina di basilico Preparazione: Tagliare le fette di melone a cubetti.  Tagliare a cubetti anche la feta e mescolarla al melone.  Aggiustare di sale.  Tagliare a striscioline il basilico.  Cond

Riso integrale con pesto, pomodorini e noci

Riso integrale con pesto, pomodorini e noci
Oggi vi propongo l'ennesimo piatto estivo. Quando il caldo ci fa passare la voglia di stare ai fornelli (parlo per voi, non per me...eheheheh) sono ben graditi i piatti veloci o che comunque si possono preparare in anticipo, per poi essere consumati freddi il giorno dopo o la sera. Questa ricetta me la passò mia nipote Denise. Lei usò del farro, io l'ho sostituito a del riso integrale ma siete liberi di usare quello che vi suggerisce la fantasia, quindi riso classico, orzo, miglio, cous cous...il risultato sarà comunque gustoso, leggero e vegano. L'esecuzione è semplicissima. Mettete a bollire in acqua bollente salata il riso integrale per circa 50' (per 4 personevi occorreranno circa 250 g), scolatelo e fatelo raffreddare sotto il getto dell'acqua fredda. Versate il riso in una ciotola capiente, aggiungete qualche cucchiaio di pesto (io uso sempre questo ), circa 100 g di noci sgusciate ridotte a pezzettini e 5-6 pomodorini secchi Citres ridotti a tocchet

Cheesecake fredda, senza cottura, alla Nutella

Cheesecake fredda, senza cottura, alla Nutella
La Cheesecake è uno dei dolci più amati della tradizione americana, ma lo sapevate che affonda le sue origini all’epoca degli antichi greci? Il primo antenato della moderna cheesecake risale infatti al 776 a.c. nell’isola di Delos, in Grecia, dove veniva servito agli atleti, durante i primi giochi olimpici, un dolce a base di formaggio di pecora e miele, per caricarli di forze ed energie. Ma la versione più moderna della cheesecake prende spunto dagli USA. Il New York cheesecake è infatti un dolce tipico della tradizione americana, preparato con crema fresca di formaggio. I biscotti generalmente usati per la cheesecake fredda, di cui esistono infinite varianti , sono i digestive ma, avendo provato anche altri biscotti o frollini, ottenendo sempre un ottimo risultato, vi consiglio di utilizzare quelli che più preferite e che avete in casa. Il tradizionale dolce newyorkese è molto alto. Io personalmente faccio fatica a finirne una fetta (quando sono andata a New York però mi son

Insalata di pasta con salsa di uova sode e basilico

Insalata di pasta con salsa di uova sode e basilico
Questa insalata di pasta con salsa di uova sode e basilico è un piatto estivo, fresco e sfizioso; una pasta fredda facilissima da realizzare e molto gustosa. E' un piatto economico, condito con ingredienti tipicamente mediterranei come i pomodorini, i capperi, il basilico e olive; a legare il tutto ci pensano le uova, che donano una piacevole consistanza cremosa al condimento. La ricetta l'ho trovata sul Cucchiao d'Argento. 250 g di pasta Grano Armando (io ho usato il Cannerone) 100 g di pomodori datterini BioExpress 2 uova 1 mazzetto di basilico 6 olive verdi e nere Citres 4 capperi sotto sale Citres olio extravergine di oliva Dante sale Lavate le uova, trasferitele in una casseruola con acqua fredda e cuocetele per 8 minuti dall’inizio del bollore. Scolatele e lasciatele raffreddare. Sciacquate i capperi sotto l’acqua corrente per togliere il sale e trasferiteli in un mixer (per me Smart Chopper Princess ). Lavate le foglie di basilico, asciugate

Cous Cous con salsa Tzatziki

Cous Cous con salsa Tzatziki
Ed è subito estate! Non so voi, ma io associo inevitabilmente il cous cous e la salsa tzatziki al mare, al sole, alle cene all'aperto. E quando queste due prelibatezza s'incontrano scoppia l'amore! Li avete mai provati insieme? Da leccarsi i baffi e poi si preparano in un attimo. Ricetta veloce, gusto appagante. Cosa volere di più? Ingredienti per 4 persone: 250 g di cous cous 300 ml di acqua olio qb sale qb 1 cucchiaio di paprika dolce (oppure piccante se la preferite) Per la salsa tzaztiki: 1 cetriolo biologico BioExpress 170 g di yogurt greco sale qb 1 cucchiaino di succo di limone biologico BioExpress 1 cucchiaino di aceto bianco Per completare: 2 pomodori ramati biologici BioExpress 10 olive nere denocciolate Citres 2 cipollotti rossi di Tropea 200 g di feta Procedimento: Far rinvenire il cous cous in acqua bollente, con olio, sale e paprika. Io solitamente metto tutto in un contenitore con coperchio, in questo caso uso la Ciotola

Ciambella soffice alla panna con ciliegie

Ciambella soffice alla panna con ciliegie
Estate tempo di ciliegie. Sono tra i frutti meno calorici, lo sapevate? Io personalmente no.  Inoltre sono un frutto ricco di vitamine: contengono vitamina A, vitamina C e vitamine del gruppo B. Sono anche una fonte non indifferente di sali minerali, come ferro, calcio, magnesio, potassio e zolfo. Hanno però una pecca: devono essere snocciolate. Esiste in commercio l'attrezzo apposito che consiglio vivamente. Non essendone personalmente in possesso, testona come, ho voluto provare a snocciolarle come visto fare in un video che circola in rete, dove pare basti armarsi di una bottiglia di vetro e bacchetta da sushi. Nel fatidico video è sufficiente riporre la ciliegia matura sull'apertura della bottiglia e, con l'aiuto della bacchetta, infilzarla con un colpo deciso in modo da far fuoriuscire il nocciolo in fondo alla bottiglia. Bene. Ho sporcato di succo di ciliegie TUTTA la cucina (pavimento e mobili compresi) insieme al mio viso-collo-braccia-canottiera-pantalon

Pulitore a vapore #loveseverin

Pulitore a vapore #loveseverin
Adoro la mia casa e mi piace prendermi cura di lei personalmente, anche se il tempo è tiranno. Lavorando a tempo pieno poi è davvero difficile. E rendere accogliente il proprio nido significa anche e, soprattutto, dedicarsi alle pulizie. Per questo motivo sono sempre alla ricerca di elettrodomestici che mi facilitino il compito, facendomi risparmiare tempo e fatica (per avere poi più energie da dedicare al food). Per il progetto #loveseverin ho potuto testare, con grandissima soddisfazione , il pulitore a vapore ST 7181 Hygenius Delight di Severin .  Innanzitutto è estremamente maneggevole, dotato di due panni lavabili in lavatrice, si scalda in pochi attimi . Il serbatoio d'acqua si può riempire senza doverlo spegnere ed è molto utile anche per pulire i tappeti. Non so voi, io ne ho uno gigante in salotto che necessita di continue pulizie, soprattutto da quando c'è Piccola Peste. Un altro motivo per cui vi consiglio l'acquisto di questo magnifico elettrodome

Gelo d'Anguria

Gelo d'Anguria
Il Gelo d'Anguria è un dolce tipico di Palermo ma, in base alla zona o alle tradizioni familiari, può contemplare l’aggiunta di diversi ingredienti, oltre a quelli indicati in questa ricetta, tra i quali si elencano le mandorle, i chiodi di garofano, l’acqua di gelsomino, l’acqua di fiori di arancio, la vaniglia e frutta candita di vario genere. Anch'io contribuisco con l'ennesima versione, omettendo la granella di pistacchio, sostituendola a granella di nocciole. Il gelo di anguria viene infine utilizzato anche come farcitura per crostate. E' un ottimo dolce adatto anche per vegani. Ingredienti per 4 persone : 750 ml di succo di anguria Aspirandi 70 g di maizena 40 g di zucchero di canna integrale 1 cucchiaino di estratto di vaniglia 100 g di gocce di cioccolato fondente cannella qb granella di pistacchi qb (io non l'avevo e l'ho sostituita con granella di nocciole) Procedimento: Frullare l'anguria per ottenerne il succo. Stemperar

Insalata di patate con fagiolini e gamberi

Insalata di patate con fagiolini e gamberi
Ciotola e tovaglietta Green Gate In estate le insalate diventano le nostre migliori amiche. Facili da preparare, si possono anche conservare in frigo fino al momento di servire e preparare quindi in anticipo.  Così oggi vi propongo la ricetta dell’insalata di patate con fagiolini e gamberi, una ricetta estiva, facilissima che vi appagherà. Inoltre il condimento è davvero goloso, una salsina frullata che piacerà a tutti.  Ingredienti per 4 persone: 3 patate biologiche BioExpress 250 g di fagiolini biologici BioExpress 50 g di mandorle pelate sale qb pepe qb mezzo limone biologico BioExpress 30 g di basilico 50 g di olio di oliva 300 g di gamberi olio extra vergine di oliva qb Preparazione L essiamo le patate in abbondante acqua salata, sbucciamole e facciamo raffreddare. Puliamo i fagiolini, spuntiamoli e lessiamoli in acqua bollente poco salata per 15 minuti circa (devono restare croccanti). Scoliamo e facciamo raffreddare. Rosoliamo i gamberi puliti in una pade

Polpette della nonna irresistibili

Polpette della nonna irresistibili
Ah, le polpette. A chi non piacciono? A nessuno credo, tranne Piccola peste che non fa testo. Falle come vuoi, di carne, di salsiccia, di verdure, vegetariane, vegane, sta di fatto che sono semplicemente irresistibili e risolvono spesso tanti pranzi, pic-nic, cene, permettendo di utilizzare gli avanzi che abbiamo nel frigo. Ne esistono versioni infinite con ricette tramandate di generazione in generazione. Ognuno ha la sua. Io vi propongo la mia! Ingredienti per 6 persone: 400 g di carne trita di vitello 1 patata 1 melanzana 1 uovo 40 g di Parmigiano Reggiano una fetta di pane raffermo pangrattato qb qualche foglia di basilico timo sale pepe noce moscata olio di semi di arachidi per friggere Lavate la melanzana, tagliatela a metà incidetela con un coltello praticando dei tagli incrociati e cuocetela nel microonde per circa 10' alla massima potenza (regolatevi poi con i vostri forni; potete anche bollirla o cuocerla nel forno tradizionale fino a che la polpa diventa tene

Torta soffice di albicocche, ricotta e yogurt

Torta soffice di albicocche, ricotta e yogurt
Potremmo chiamarla anche torta del riciclo. E' ottima d'estate poichè leggera. Ci permette di consumare gli albumi in esubero e si può fare con tutta la frutta che vogliamo e preferiamo (pesche, prugne, ciliegie, fragole...). Cosa state aspettando? Correte a prepararlaaaaaa!!!! Ingredienti per 8-10 persone: 150 g di farina 00 200 g di albicocche (o altra frutta di stagione) 400 g di ricotta vaccina 100 g di yogurt greco 4 albumi 100 g di zucchero 1 pizzico di lievito per dolci 30 g di miele Mielbio Rigoni di Asiago Procedimento: Lavare le albicocche, dividerle a metà e privarle del nocciolo. Tritate quattro mezze albicocche tenendo le altre da parte. Montare gli albumi con lo zucchero. Incorporarvi la farina con il lievito, la ricotta, lo yogurt e il trito di albicocca. Versare il composto in uno stampo foderato con carta forno. Infornare per 45' a 180°C. Fare raffreddare la torta, anche per diverse ore, in frigorifero. Cuocere le albicocche restanti con

Caesar Salad a modo mio

Caesar Salad a modo mio
Questa insalata fredda è l'ideale da preparare in queste giornate afose. Se avete a disposizione pollo già cotto, lessato o arrosto, eliminate pelle e ossa, tagliatelo a tocchetti e utilizzatelo per preparare questa ricetta inventata da uno chef italiano, Cesare Cardini, negli Stati Uniti nel lontano 1946.  Potete sostituire l’insalata romana (presente nella versione originale) con un’altra a foglia croccante tipo lattuga iceberg e unire qualche filetto di acciuga sott’olio. Preparate gli ingredienti dell’insalata in anticipo, ma conditela solo all’ultimo minuto prima di servire. Ne esistono svariate versioni, io vi propongo la mia che prevede cacioricotta al posto del Parmigiano. Ingredienti: 1 cespo di insalata riccia Bioexpress 400 g di petto di pollo   50 g di cacioricotta 3 fette di pane tipo filone   1 spicchio d’aglio BioExpress 1 cucchiaino di senape dolce   1/2 limone biologico BioExpress olio extravergine di oliva   sale Una confezione di pasta

Risotto con le tinche

Risotto con le tinche
Oggi, in occasione del consueto appuntamento mensile con la cucina tipica regionale de L'Italia nel Piatto, propongo un piatto semplice e delizioso. Il tema è Piatti a base di pesce di mare o d'acqua dolce, crostacei e molluschi. Questo che propongo è un piatto conteso tra bresciani e veronesi, ma presente con poche varianti, in tutta la fascia dei laghi prealpini. Fuori dalla Lombardia, la tinca si ritrova in Piemonte e in Veneto, e nei laghi umbro-laziali del Trasimeno e di Bolsena. Per togliere il caratteristico sapore di fango ai p esci già morti, è necessario tenerli a bagno per almeno 24 ore in acqua pulita per poi immergerli rapidamente alcune volte in acqua bollente, prima di procedere a un’accurata squamatura e alla sventratura. Altri consigliano di rovesciare sulle branchie dei pesci un bicchiere di aceto. Io mi sono affidata al mio pescivendolo di fiducia... Preparazione per 6 porzioni Ingredienti:  350 g di riso Carnaroli 100 g di burro 2 tinche di la

Instagram

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli