venerdì 18 gennaio 2013

PASTINE PEL TE'

Tazza, portabiscotti e tovaglietta americana Vega - Cucchiaino a pois Green Gate
Foto di Exzio

"Mistress Wood, un'amabile signora inglese, avendomi offerto un the con pastine fatte con le sue proprie mani, ebbe la cortesia, rara nei cuochi pretenzionosi, di darmi la ricetta che vi descrivo, dopo averla messa alla prova"

Vediamo se indovinate...
...
...
avete capito di chi si tratta?
Ma si, è lui, il mitico Pellegrino Artusi, con il suo ormai celeberrimo libro "L'Arte di Mangiar Bene".
Se vi capita, fateli questi biscottini, ne vale davvero la pena. Sono deliziosi e leggeri al tempo stesso. Io ho provato a farne anche una variante aggiungendo all'impasto un cucchiaio di cacao aromatico in polvere Debondt (golosissimi!).

Farina d'Ungheria o finissima, grammi 440.
Farina di patate, grammi 160.
Zucchero a velo, grammi 160
Burro, grammi 160.
Due chiare d'uovo.
Latte tiepido, quanto basta.

Formate un monticello sulla spianatoia con le due farine e lo zucchero mescolati insieme.
Fategli una buca in mezzo, collocateci le chiare e il burro a pezzetti e, colla lama di un coltello prima e con le mani dopo, servendovi del latte, intridetelo e lavoratelo mezz'ora circa per ottenere un pastone piuttosto tenero.
Tiratelo col matterello in una sfoglia della grossezza di uno scudo, tagliatela a dischi rotondi, come quello del n. 7 *, bucherellateli con le punte di una forchetta e cuoceteli al forno o al forno da campagna in una teglia unta col burro. Con sola mezza dose della ricetta se ne ottengono assai.

*Nel libro la ricetta n° 7 è quella dei "Cappelletti all'uso di Romagna" in cui vi è disegnato un cerchio del diametro di 7,5 cm circa.

Tazza, portabiscotti e tovaglietta americana Vega - Cucchiaino a pois Green Gate
Foto di Exzio

31 commenti:

  1. sono fantastiche tesoro... le divorereiiiiiiii!!!

    RispondiElimina
  2. Ottimi biscottini: da provare e riprovare! Bacione

    RispondiElimina
  3. Raffinatissimi i tuoi biscotti mia cara!

    RispondiElimina
  4. Hanno davvero un aspetto invitante e lasciamelo dire quel porta biscotti è molto carino.
    Un bacio!

    RispondiElimina
  5. Kiaretta, una ricetta magnifica e la fonte è una garanzia..! Sono pastine direi 'd'atmosfera' e non provarle sarebbe un delitto! Grazie, grazie e grazie per questa dolcissima visione. p.s. Come va il piccino di cui parlavi..? Non me ne sono dimenticata e porto i pensieri più belli nel cuore per i genitori e per lui. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely... sei tanto cara... per ora non abbiamo notizie, nel senso che stiamo aspettando gli esiti degli esami, poi si vedrà quando iniziare il calvario. Noi possiamo solo dare tutto il conforto e l'amore di cui siamo capaci e stargli vicino vicino...ma lui è forte, bello e speciale, diventerà un ometto in gamba, ne sono certa!

      Elimina
    2. Ne sono certissima anche io.. andrà tutto bene, vedrai. Io spero con te, con loro.. con gli angeli, che di certo gli saranno accanto. Mando un abbraccio a te e uno al piccino.. fammi sapere, amica mia. Ti voglio bene.

      Elimina
  6. Non avrei mai indovinato la citazione ma la ricetta invece l'avevo sbirciata...che dirti Kiara...mi tocca ri-biscottare anche questo weekend!
    un bacione
    simo

    RispondiElimina
  7. Mi hai fatto venire proprio voglia di provarli.. buon w.e.

    RispondiElimina
  8. Si vede e come tesoro che sono una meraviglia. Leggeri e canditi!!! Bacionj, Imma

    RispondiElimina
  9. bellissimi!!! e devono essere proprio adatti alla colazione!!

    RispondiElimina
  10. Ciao c'è un premio per te nel mio blog:) a presto..
    http://ipasticcidiminu.blogspot.it/2013/01/un-nuovo-premietto.html

    RispondiElimina
  11. Ahhhh Pellegrino! Ho comprato il libro tempo fa e ancora devo provare una ricetta. Vergognosa, lo so -.-'
    Mi sa che inizierò da questi biscottini :) Baci :*

    RispondiElimina
  12. Buone e fini, perfette per una pausa relax...posso averne uno?!? Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Ciao, che belle queste ricette..me la ricordo la farina finissima d'Ungheria dell'Artusi!!
    ciao
    Ilaria

    RispondiElimina
  14. Ciao!
    Il Pellegrino è sempre il Pellegrino..non si sbaglia!!
    Bellissima la tazza con porta biscotti!!
    Tamara

    RispondiElimina
  15. Ma che belli questi biscotti! Segno subito la ricetta

    RispondiElimina
  16. Dei biscotti perfetti per la pausa del pomeriggio.. mi immagino già con uno di questi docletti in mano, ben comoda in poltrona!!
    A presto

    RispondiElimina
  17. fatti per il te sono buoni...ma fatti DA TE sono unici:)bacione

    RispondiElimina
  18. Che belli questi "biscotti storici". Bravissima a "pescarli", farli e postarli!

    RispondiElimina
  19. ...una goduria: pochi giorni fa mia cugina mi ha regalato il libro...ora li vado a cercare! baci cri

    RispondiElimina
  20. adoro il pellegrino. anche io ho quel libro! devo provarli. un bacione a te e alla piccola :)

    RispondiElimina
  21. buonissimi e non avendo il libro che cercherò copio la ricetta. :) Rosalba

    RispondiElimina
  22. ciao chiaretta, che simpatica la tazza, prendo un biscottino e ti lascio un bacio.

    RispondiElimina
  23. BUONISSIMI!! LI PROVERO' SICURAMENTE ^_^

    RispondiElimina
  24. Questi biscotti sono una delizia....mi fa impazzire la borsetta porta biscotti attaccata alla tazza!

    Un abbraccio
    Monica

    Dai un abbraccio a quel bimbo protagonista di un tuo post di qualche tempo fa....ho letto quello che hai risposto a Ely...volevo chiederti anch'io...
    Un bacio

    RispondiElimina
  25. Son qui con la tazza fumante in mano... ahhh potessi prenderne uno dallo schermo!! :-) Bacioni cara!

    RispondiElimina
  26. Veramente che il mangiare bene è un'arte, a me piace molto preparare le ricette che trovo in internet,sono afortunata perche c'è l'ho il tempo per farlo;questa ricetta mi la copio subito.

    RispondiElimina

Stampa e PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...