venerdì 24 marzo 2017

Girandole alla crema di cacao con la Brioche Suisse di Paoletta

Piatti e tovaglietta Green Gate

Queste brioche svizzere trovate sullo splendido blog di Paoletta, Anice e Cannella, hanno fatto la felicità di tutta la mia famiglia. Purtroppo ho deciso di prepararle un giorno in cui in casa scarseggiavano le uova. Le uniche superstiti nel frigorifero sono andate a finire nell'impasto, quindi ho dovuto trovare un'alternativa alla crema pasticcera. Ho optato per la classica crema di cacao e nocciole...un successo!

Ora vi riporto la ricetta, rimandandovi al blog della Sersante per la versione originale, modifiche e note.


Ingredienti (per 10 brioches):
420 g di farina forte (per me la Molino Rossetto W330)
60 g di zucchero
35 g di latte
15 g di lievito di birra fresco
5 uova
240 g di burro morbido
7 g di sale


Aromi:
Scorza grattugiata di un'arancia biologica BioExpress

una stessa di vaniglia

1 tuorlo e poco latte per la spennellatura finale
zucchero a granella


Preparazione:
Sciogliere il lievito nel latte e mescolarlo con 35 g di farina. Coprire con pellicola e lasciar lievitare fino a quando è bello gonfio, circa 40/45 minuti (poolish).
Versare il poolish nella planetaria con un cucchiaio di farina e avviare la macchina. 

Aggiungere un uovo e far assorbire, poi 20 g di zucchero, amalgamare e unire poca farina per volta.
Aggiungere un altro uovo, 40 g di zucchero, e poca farina, lavorando l'impasto come indicato sopra.
Continuare così, alternando uova e farina fino ad esaurimento, ma lasciando un cucchiaio di farina per lo spolvero finale.
Aggiungere il sale. 

Incordare l'impasto lavorando con il gancio a foglia, poi aggiungere gli aromi.
Unire il burro morbido a pezzetti poco per volta. Incordare molto bene, ci vorranno circa 30 minuti. Aggiungere l'ultimo spolvero di farina, e a incordatura completa, inserire il gancio ad uncino. Lavorare ancora l'impasto qualche minuto e farlo lievitare in una ciotola coperto per 1 ora circa.
Poi rovesciarlo su un piano leggermente imburrato e fare le pieghe del tipo 1

Porre l'impasto così ottenuto in un vassoio coperto da pellicola, coprire a sua volta anche l'impasto e metterlo in frigo per 2 ore.
Tirare fuori dal frigo e, sulla spianatoia leggermente infarinata, stendere l'impasto in un rettangolo da cui ricavare 10 quadrati. Poi formate le girandole come spiegato qui.
Porle in due leccarde coperte da carta forno, e coprire con pellicola. Far lievitare per 1 ora e 1/2.
Spennellare col tuorlo sbattuto con poco latte, decorare al centro con un cucchiaio di Nocciolata Rigoni di Asiago, spolverare con zucchero a granella e infornare a 180° per circa 20 minuti, o fino a che saranno di un bel colore bronzo dorato.






martedì 21 marzo 2017

Crostata di frutta


La crostata di frutta, insieme alla sorella con marmellata, credo sia uno dei dolci più semplici e buoni al mondo. La sua realizzazione, mi rendo conto, non è così scontata o almeno non per tutti. Ma seguendo i passaggi alla lettera, vedrete che niente vi fermerà!
Per questo tipo di dolce è necessario realizzare una base che supporti la crema. Io vi lascio questa ricetta poi, sicuramente, ognuno avrà la sua di fiducia.
Per la frutta, vi consiglio sempre di usare frutta di stagione e, possibilmente, biologica. Io mi affido ormai alla freschezza e qualità della frutta e verdura biologica BioEspress.

Dosi per la base di pasta frolla (stampo diametro 26 cm):

300 g di farina 00
120 g di burro
1 uovo
100 g di zucchero
la scorza grattugiata di un limone biologico BioExpress

Versate la farina a fontana sulla spianatoia. 
Prendete il burro dal frigorifero e tagliatelo a pezzetti, quindi unitelo alla farina, al centro del cratere.
 
Versate quindi lo zucchero e l'uovo e iniziate a impastare a mano, velocemente. A questo punto aromatizzatela con la scorza di limone.
Una volta ottenuta una pasta omogenea, schiacciatela in un disco e avvolgetela nella carta forno.
 

Riponete la pasta frolla in frigorifero per almeno 30 minuti prima di utilizzarla. 
A questo punto, riprendete la frolla dal frigorifero e stendetela con il mattarello su di un piano leggermente infarinato.
 

Prendete uno stampo per crostate, imburratelo e infarinatelo. 
Adagiate il disco di pasta frolla nello stampo e ritagliatene le eccedenze.
 

Bucherellate il fondo della frolla con i rebbi di una forchetta e procedete con la cottura in bianco: coprite la frolla con un foglio di carta forno e riempitela con dei legumi secchi o gli appositi pesetti.

Infornate il guscio per 15 minuti a 190°C.

Estraete il guscio di frolla, togliete la carta forno con i pesi ed infornatela nuovamente per altri 10 minuti o fino a doratura.
 
 Togliete il guscio dallo stampo, fatelo freddare e farcitelo.

Per la crema pasticcera, io da anni mi affido a due versioni, quella di Knam e quella di Paoletta. Per questa crostata, nello specifico, ho utilizzato quella della mitica food-blogger. Vi riporto di seguito la ricetta che potete trovare anche qui:

Ingredienti:

400 ml di panna fresca
600 ml di latte fresco
1 baccello di vaniglia
4 uova intere
80 g di farina
300 g di zucchero
1 pizzico di sale

Mettere in un pentolino il latte, la panna e il baccello di vaniglia aperto e portare quasi a bollore.
Nel frattempo, in un altro pentolino, sbattere bene le uova con lo zucchero e il pizzico di sale. Aggiungere la farina setacciata e mescolare ancora un po', poi aggiungere il latte tutto in un colpo versandolo da un colino a maglie fitte.
Mettere a fuoco bassissimo, mescolando sempre con una frusta a mano. Spegnere quando la crema si è addensata bene.


Ovviamente ve ne avanzerà un po' per addolcirvi il palato la sera, davanti alla tv...


Ora viene la fase creativa!
Una volta riempito il vostro guscio di pasta frolla con questa crema meravigliosa, decoratelo con la frutta che più vi piace! Io ho usato mandarini, kiwi, banane, fragole e mirtilli, tutto rigorosamente BioExpress!
Per non far annerire la frutta, ho ricoperto il tutto con della gelatina.


Stampa e PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...