sabato 30 aprile 2016

Il Fragolaccio vegano


Tovaglietta, piattino e cucchiaino presenti nelle varie foto sono di Green Gate

Ci sono ricette che ti fanno innamorare solo dal nome. Così è stato per questo Fragolaccio, visto sul magnifico blog di Daniela IdeeRicette.
Forse mi ha fatto tenerezza il suffisso che pare dia un valore peggiorativo al nome. Da buona paladina della legge quale sono, eccomi subito schierata. Scherzi a parte, questo dolce ha solo note positive, anzi, strabilianti! E' stato proprio come me lo aspettavo: di-vi-no!
L'unica variante apportata è stata quella di trasformarlo in un Fragolaccio vegano.
Eccovi la ricetta! Per la versione originale, ovviamente, vi rimando a IdeeRicette!


Ingredienti per una torta per 10 persone circa:
200 ml di latte di avena (prossimamente sul blog posterò la ricetta su come prepararlo in casa, ma potete sostituirlo magari con del latte di mandorla)
250 g di fragole
100 g di olio di semi
100 g di granella di nocciole
150 gr zucchero
8 cucchiai di maizena (che vanno a sostituire le 4 uova presenti nell'impasto)
1 cucchiaio di acqua
100 g di farina di avena Molino Rossetto
zucchero a velo

Procedimento: 
Lavare, pulire e tagliare le fragole a pezzetti.
In una pentola versare il latte e poi le fragole. Portare quasi a bollore, mescolando ogni tanto, quindi spegnere e far intiepidire.


Versare in una ciotola lo zucchero e la maizena, quindi versare l'olio di semi e mescolare. Aggiungere il cucchiaio di acqua, quindi la farina 00.
Nel frattempo frullare nel mixer ((per me il praticissimo Smart Chopper Princess) le fragole con il latte in modo da ottenere una purea densa.


Aggiungere il frullato di fragole all’impasto.
Ora, attenzione, la ricette prevede l'aggiunta di albumi a neve ferma. Servono per rendere il dolce morbido e soffice. Potevo ometterli, sicura comunque del risultato. Ma ho voluto provare a fare come indicato sul blog Golosità Vegane, ovvero usare l'acqua di cottura dei legumi (in particolare dei fagioli) montata a neve! Vi giuro che mi è sembrato di scoprire l'acqua calda! Una genialata!
Ora, amalgamare il tutto, mescolando dal basso verso alto e con delicatezza. Per finire la granella di nocciole. 
Versare il composto in una teglia con lo stampo a cerniera (io ne ho usato uno così, ma con i bordi estraibili in silicone, così non si è nemmeno presentato il "problema" di dover ungere e infarinare la teglia).
Cuocere in forno caldo a 180° per 40 minuti circa o comunque fino a quando, alla prova stecchino, l’impasto sarà asciutto.
Lasciare raffreddare quindi spolverizzare con lo zucchero a velo.

giovedì 28 aprile 2016

Ravioli speck e porcini


So che forse questo piatto non è propriamente primaverile, ma non ho resistito. Ho dovuto assolutamente condividerlo. Solo chi li ha assaggiati può capirne la bontà. E a chi non l'ha fatto, non resta che provare a farseli in casa. Non è poi così difficile. Basta solo armarsi di un po' di pazienza. Il resto verrà da solo...
Complici una busta di funghi porcini congelati, con la partecipazione straordinaria dello Speck Alto Adige igp. Il risultato? Un raviolo dal gusto pazzesco! Un tripudio di sapori che ben si sposano l'un con l'altro.


Ingredienti per 4 persone:

Per la pasta:
300 g di farina bianca tipo 00
Molino Soncini Cesare
3 uova
sale qb

Per il ripieno:
Speck Alto Adige igp tagliato a coltello qb

funghi porcini tagliati a tocchetti
aglio (se piace)
prezzemolo
Grana Padano grattugiato
una noce di burro

Per il condimento:
80 g di burro
6 foglie di salvia

Preparare il ripieno (non ho messo dosi perchè, quando si tratta di pasta ripiena, vado sempre a occhio; assaggio fino a che sono soddisfatta del risultato): in una padella versare una noce di burro, lo spicchio d'aglio e lasciare appassire per qualche minuto. Togliere l'aglio e aggiungere lo speck tagliato a pezzetti. Lasciare rosolare, quindi aggiungere i porcini. 
Cuocere per circa 10 minuti. Cospargere di prezzemolo. 
Lasciare raffreddare e aggiungere il grana grattuggiato. Mescolare. 
Assaggiare e, se lo si ritiene necessario, aggiustare di sale.
Con la farina, poco sale e le uova preparare la sfoglia.
Stendere una sfoglia sottile e dividerla in due parti uguali.
Su una parte della sfoglia disporre il ripieno distanziando i mucchietti circa 5 cm l'uno dall'altro e con l'altra parte coprire il tutto chiudendo per bene i bordi con le mani dopo averli leggermente inumiditi con un pennellino intinto nell'acqua.
Ritagliare quindi i tortelli in quadrati, aiutandosi con l'apposita rotellina dentellata e fateli riposare su una superficie infarinata fino al momento della cottura girandoli ogni tanto per far si che non si attacchino.
Cuocere in abbondante acqua salata e condire con burro fuso appena biondo, aromatizzato con delle foglie di salvia.


Stampa e PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...