CHIACCHIERE di Carnevale


E’ martedì grasso, posso esimermi dal postare una ricetta in tema carnevalesco? Certo che noooo! Quindi ben vengano i dolci fritti e golosi che, almeno per oggi, non devono pesare sulle nostre coscienze. Io ho preparato le chiacchiere che, in base alla città o alla regione in cui sono preparate, assumono nomi diversi. Non credevo, però, che i termini con i quali questi dolci fritti sono conosciuti, arrivassero quasi fino a 30 diversi! Andate a vedere qui!

E ora la ricetta...

Mettete in una ciotola 350 g di farina setacciata, una punta di cucchiaio di lievito in polvere e vanillina; unite 3 tuorli. Mescolatevi 40 g di burro fuso freddo (la ricetta originale, presa da La Cucina Italiana, ne richiede 70 g ma sono troppi secondo me) e un po’ di grappa (o vino bianco o Marsala). Lavorate l’impasto sulla spianatoia, finchè sarà liscio e uniforme, oppure passatelo più volte con la macchina per stendere la pasta. Con la rotellina dentata, tagliare la pasta a rettangoli. Gettate le chiacchiere nell’olio bollente (di arachide), giratele, sgocciolatele e servitele ben cosparse di zucchero a velo.
Piattino Easy Life Design

18 commenti

  1. Kiaretta! Eh si, hai visto quanti ce ne sono?! Mamma mia, da non crederci! Queste chiacchiere sono veramente bellissime, amica mia! Di certo si distinguono su tutte :D TVTB!

    RispondiElimina
  2. Che buone le chiacchiere (a Genova le chiamiamo anche bugie!). Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Non mi sono mai venute bolle così grosse; bellissima ricetta,grazie.

    RispondiElimina
  4. Accidenti che bolle, sono venute benissimo!

    RispondiElimina
  5. sono splendide le tue frappe, a Roma le chiamiamo così ;), ti sono venute davvero benissimo!! BRAVISSIMA :) felice notte :*

    RispondiElimina
  6. Ciao ... ma quanto stiamo friggendo noi food blogger in questi giorni ???:) Che profumino delizioso arriva dalla tua cucina ... domani anche io vado di chiacchiere :) un dolce abbraccio, Carolina

    RispondiElimina
  7. Chiara che buone devon esser state! ^_^

    RispondiElimina
  8. Un classico sempre delizioso che qui da me a trieste si chiama crostoli! Giusto per nominare uno dei suoi infiniti nomi! :D

    RispondiElimina
  9. O_O bellissime e buonissime Kiara!!

    RispondiElimina
  10. spettacolo, chiare ma belle dorate, copn tutte quelle bolle! davvero uno spettacolo per gli occhi!!! ovvio, buone per forzaaaa... baci!

    RispondiElimina
  11. sono buonissime!!!!!! per fortuna si fanno una volta l'anno, ne divorerei troppe.-)

    RispondiElimina
  12. Che belle che sono, asciutte e dorate come piacciono a me (e a tutti)!!!!

    RispondiElimina
  13. Quante varianti... ma queste tue sembrano davvero buone!

    RispondiElimina
  14. sei stata bravissima, sono perfette!!!

    RispondiElimina
  15. Che brava che sei stata, a me il Carnevale è proprio sfuggito,perso tra le troppe cose da fare...dici che potrei provare la tua ricetta anche se siamo a tempo scaduto??? ;-)
    Camy

    RispondiElimina

Ti ricordo che se commenti con l'account Google+ o Blogger acconsenti a pubblicare il link al tuo profilo tra i commenti. Prima di commentare consulta la PRIVACY POLICY per ulteriori informazioni.