Confettura di ciliegie

Piatto, cucchiaio, tazza e tovaglietta Green Gate

Oggi su Kucina di Kiara la confettura di ciliegie, fatta con tanta pazienza dalla mia mamma, la Gianna.
Purtroppo, avendo un lavoro full-time, non ho molto tempo per queste lunghe preparazioni.
Quando non sono io comunque a realizzare le ricette, mi sembra giusto e doveroso citare l'autore, in questo caso mia madre.
Non essendo provviste di uno snocciolatore per ciliegie, vi descrivo di seguito il procedimento adottato.


Ingredienti
Ciliegie
1 mela sbucciata e ridotta a tocchetti
zucchero (noi abbiamo usato 300 g circa per ogni chilogrammo di ciliegie pesate poi senza nocciolo)
Procedimento
Lavare le ciliegie, togliere il gambo e lasciarle sgocciolare.
Quando sono ben sgocciolate metterle con il nocciolo, quindi intere, in una pentola di acciaio (possibilmente con il doppio fondo) e quindi sul gas a cuocere, a fuoco moderato.
Farle cuocere così senza mescolarle, e senza aggiungere nulla, per circa un'ora o finchè non si disfano un pochino.
A questo punto spegnere il fuoco, prendere le ciliege e farle passare attraverso uno scolapasta a maglia larga facendo passare, in questo modo, solo la polpa delle ciliege e lasciando dentro allo scolopasta i noccioli (guardate in fondo alla ricetta come riutilizzarli).
Ora pesare la polpa della frutta e calcolare 300 g di zucchero per ogni chilogrammo di frutta.
Riprendere la pentola dove, precedentemente, avevano bollito le ciliege e mettere sul fondo tutto lo zucchero. Sopra aggiungere la frutta passata, la mela a pezzettini e, SENZA MESCOLARE, mettere a bollire sul fuoco moderato.
Da quando inizia a bollire calcolare circa 1 ora, o anche di più, senza mescolare mai, soprattutto non mescolare sul fondo. Vi garantisco che non si attacca al fondo.
Se avete dubbi sulla cottura, fate come sempre la prova piattino.
Invasare quindi la confettura bollente nei barattoli e chiudere subito con il tappo. Sistemare a testa giù e lasciar raffreddare.
Se preferite sentire la polpa della frutta procedete così. Se volete una versione più liscia e cremosa come la mia, prima di invasare, passate il frullatore ad immersione nella pentola per qualche minuto.

La mela è un addensante naturale della frutta. Questo è un segreto della Gianna rubato in chissà quale trasmissione di cucina.

Un consiglio su come riutilizzare i noccioli: lavateli, fateli asciugare bene al sole e riutizzateli riscaldati o raffreddati in un sacchetto per riscaldare o raffreddare una parte del corpo. Ottimi per piccoli doloretti.


2 commenti

consuelo tognetti
Hai ragione queste preparazioni richiedono tempo e soprattutto pazienza. Complimenti alla mamma e buone colazioni ^_^
Rosy
Adoro questa versione liscia e facile da spalmare,particolarmente adatta a me che nn amo la confettura tutta a pezzi...ti faccio i miei migliori complimenti in quanto la tua confettura ha uno splendido colore ed è sicuramente buonissima:))assolutamente da provare:)).
Un bacione e grazie mille per la ricetta:)).
Rosy

Instagram

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli