PANE di MAGGIO

Tovaglietta Green Gate
Ciao  tutti...oggi non voglio tediarvi con i miei pensieri...sono troppo accartocciati ultimamente...vi lascio alla ricetta, quella di un pane speciale, fragrante e profumato. Si chiama "Pane di maggio", ma ciò non toglie che possiate prepararlo anche nei restanti mesi dell'anno!
Ingredienti per un pane di ca. 800 g:
350 g di farina 0
50 g di farina di grano duro
50 g di farina di riso
50 g  di strutto
20 g di lievito di birra
12 g di sale
farina di mais fine (fioretto)
Setacciate 250 g di farina 0 in una ciotola, aggiungete il lievito sbriciolato e versate 150 g di acqua tiepida. Impastate per ca. 5’, poi trasferite il composto sulla spianatoia e lavoratelo fino ad ottenere un impasto morbido ed omogeneo.
Modellate l’impasto a sfera, mettetelo in una ciotola e copritelo con un telo inumidito con acqua tiepida e ben strizzato. Lasciatelo lievitare a 28°C per ca. 50’, fino a quando triplica il volume. Unite all’impato lievitato la faina 0 rimasta, quelle di grano duro e di riso, lo strutto, il sale e 80 g di acqua. Sulla spianatoia impastate fino ad ottenere un composto più morbido ed elastico della classica pasta da pane. Rimettete l’impasto a lievitare in una ciotola, per altri 45’ a 28°C*.
Cospargete la spianatoia con la farina di mais, allargatevi l’impasto con le mani, piegatelo in tre su se stesso: aiutatevi sollevando i lembi alle estremità con un raschietto. Trasferite la pasta su una teglia ricoperta con carta da forno, spolverizzatene la superficie con altra farina di mais e appiatti tela allo spessore di ca. 1 cm. infine, segnatela con le dita come se fosse una focaccia.
Lasciate lievitare ancora per 50’ fino a quando la pasta raddoppierà di volume. Con un raschietto largo 10 cm praticate delle incisione irregolari. Cuocete in forno preriscaldato per 25’ a 200°C.
*La pasta da pane non aumenta di volume se si trova in un ambiente particolarmente freddo o percorso da correnti d’aria. In questi casi conviene sempre usare il forno come camera di lievitazione. Mentre si prepara il primo impasto si accende il forno a 50°C. Successivamente si spegne e si verifica la temperatura con l’aiuto di un termometro (deve essere intorno ai 28°C-30°C), quindi si inserisce la ciotola contenente l’impasto, coperta dal canovaccio inumidito.
Ricetta tratta da La Cucina Italiana – maggio 2008

11 commenti

Licia
E' vero è talmente bello e buono che si può mangiare sempre.Lo proverò!
veronica
bellissimo kiara da provare un bacione ad iris
Donatella Clementi
ma è fantastico questo pane! il nome poi è troppo bello, mi piace moltissimo :) ♥
Giulietta | Alterkitchen
Leggendo il titolo mi è venuto in mente Concato e la sua bellissima canzone. Vabbè, stamattina va così ;)

Bellissimo pane!
Giulia Possanzini
che buono!!! questo pane e mica solo a maggio me lo mangio ihihihi un abbraccio!
patatina
che bello leggerti tesoro... e qlsiasi pensiero ricorda che sono qui :*
raffy
è bellissimo... sarà sicuramente soffice e profumatissimo...
Annalisa
Bello e buono!!!originale con queste 3 farine...da mangiare sempre!!
Mari - Rose di Burro
Dalle foto si immagina un pane delicato e fragrante.
Che bontà in accompagnamento ad un tagliere di formaggi e salumi!
E mica solo a maggio!!! :-)
Zonzo Lando
Sembra sofficissima e sicuramente è una delizia! Complimenti cara :-)
conunpocodizucchero Elena
potremmo aggarbigliarli insieme i nostri pensieri :-)
e magari poi mangiarci un bel pezzetto di questo tuo splendido pane! che dici?

Instagram

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli