Cornetti allo yogurt soffici come nuvole


Oggi vi posto una ricetta stracollaudata negli anni. Sempre ottima da proporre a colazione. Sto parlando dei Cornetti allo yogurt supersoffici, una ricetta della meravigliosa Paoletta di Anice e Cannella. Vogliamo vedere come prepararli?
Per la ricetta originale di Paoletta o Adriano, cliccate sul link soprastante.

Tovaglietta, piatto, tazzina e cucchiaino Green Gate
Ingredienti:
 
500 g farin di cui 250 g di Manitoba e 250 g di farina 00
100 g di latte intero
150 g di yogurt intero
2 uova intere + 1 tuorlo
60 g di burro fuso
70 g di zucchero bianco semolato
1 cucchiaio di miele biologico Mielbio Rigoni di Asiago
12 g lievito di birra fresco (metà di quello in panetti per intenderci)
7 g di sale
2 cucchiai limoncello (io non l'avevo e l'ho sostituiti con cherry)
zeste grattugiata di 1 limone e ½ biologico BioExpress
1 uovo per spennellare

Al mattino presto, prima di andare a lavorare, sciogliamo 1 cucchiaino di miele, il lievito e le zeste di 1/2 limone nel latte intiepidito, poi uniamo 90 g di farina, mescoliamo e lasciamo al caldo fino a che gonfia. Tenete d'occhio perchè i tempi variano in base alla temperatura. Il poolish è pronto quando al centro inizia a fare un leggero affossamento.
Non appena pronto, mescolare bene e riporlo in frigo.
Possiamo andare a lavorare... :-)

Alla sera,  rientrate dal lavoro, mescolate il resto delle zeste allo yogurt.
Unite al polish, che nel frattempo dovrà essere ben lievitato in frigo (in caso contrario tenerlo un po' a temperatura ambiente), le uova, il tuorlo, 35 g di zucchero e tanta farina quanta ne basta per incordare con la foglia (ovviamente dovete mettere tutto in planetaria). Aggiungiamo lo yogurt in 3 volte insieme al rimanente zucchero e alla restante farina, che inseriremo pian piano.
Incordiamo un poco, aggiungiamo il miele, il sale e da ultimo il burro, sempre tutto molto lentamente.
Impastiamo bene, capovolgendo un paio di volte nell'impastatrice, fino a che non otterremo una massa lucida, elastica e, soprattutto, bene incordata.
Da ultimo aggiungiamo il liquore a filo e impastiamo ancora qualche minuto.
Se fosse necessario, aggiungere qualche cucchiaio di farina.
Copriamo con pellicola, teniamo mezz'oretta a temperatura ambiente e trasferiamo in frigo fino al mattino successivo.

Al mattino, estraiamo fuori dal frigo, aspettiamo 15/30 minuti secondo la stagione... in inverno 30' in estate 15') rovesciamo sulla spianatoia infarinata, sgonfiamo e diamo un giro di pieghe del tipo 2, e copriamo a campana.
Dopo un quarto d'ora stendiamo due rettangoli di circa 6/7 mm di spessore e formiamo i cornetti.



Lucidiamo con l'uovo sbattuto e lasciamo raddoppiare il volume a una temperatura di 28°C.
In inverno ci vorrà circa un'ora e mezza, in estate molto meno...



Lucidiamo ancora, cospargiamo con granella di zucchero, ed inforniamo a 170°C per circa 12’ o fino a che i cornetti saranno belli dorati. Paoletta raccomanda di "prestare molta attenzione a non superare il punto di cottura ideale, che dovrà essere lasciato giovane, per non pregiudicare la sofficità".



Appena tiepidi, mettete i cornetti in un sacchetto di nylon per alimenti e si manterranno sofficissimi per 3 giorni. Oppure congelateli immediatamente.


3 commenti

Tomaso
Cara Kiara, vedendo le foto, mi son0o detto! ecco qualcosa che va bene a noi anziani!!!
Ciao e buona settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
Tomaso
andreea manoliu
Si nota la sofficità, che belli e buoni, soprattutto anche con un pò di farcia, sono ottimi per iniziare la giornata !
Antro Alchimista
Quanta morbidezza! Si gustano con gli occhi. Buona serata :)

Instagram

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli