martedì 18 ottobre 2016

Lo scarpariello, ricetta semplice campana


Oggi su Kucina di Kiara abbiamo come protagonista una ricetta semplice e veloce di origine campana: la Pasta allo Scarpariello. 
Si tratta di un primo piatto antico, nato nei Quartieri Spagnoli di Napoli.
La parola scarpariello deriva da “scarparo” ossia calzolaio in napoletano, un mestiere solito in questa zona di Napoli.
Questa pasta fondamentalmente era nata per permettere ai calzolai di prepararsi un piatto di pasta anche con poco tempo a disposizione. I due ingredienti principali sono il sugo al pomodoro e il formaggio. Il primo di solito era il sugo della domenica avanzato, che per non essere buttato veniva “riutilizzato” nella pasta allo scarpariello.
Il formaggio invece veniva utilizzato perché sovente, alcuni clienti dei calzolai erano contadini, ed essendo impossibilitati a pagare con il denaro, barattavano il lavoro eseguito con i prodotti che producevano, quindi gli “scarpari” si trovavano ad averne molto da dover consumare.
Questa ricetta antica quindi nacque per recuperare gli avanzi e non perdere tempo. 
Un classico formato di pasta utilizzato per questa ricetta sono i paccheri o schiaffoni.
Io ho utilizzato gli anelli (o mezzi paccheri). Nulla vi vieta di utilizzare il formato di pasta che più vi aggrada.

Ingredienti per 4 persone:

320 g di Anelli (o mezzi paccheri) Grano Armando
Strutto o Olio Extra Vergine d'Oliva
Aglio
Pomodorini o pelati (per me pomodorini ramati BioExpress)
Parmigiano Reggiano e Pecorino Romano
Peperoncino
Procedimento:

La ricetta antica prevede di far soffriggere dell’aglio tritato nell’olio o nello strutto. Poi si aggiunge il sugo, che ai tempi degli “scarpari” non era altro che il ragù della domenica che era avanzato, ma che oggi molto spesso viene sostituito dai pomodorini o dai pelati.
Dopo aver preparato il sugo, lessiamo la pasta in una pentola di acqua bollente salata, scolandola molto al dente.
Questo passaggio è fondamentale perché la pasta deve ultimare la sua cottura insieme al sugo, in modo da poter far amalgamare gli altri due ingredienti, il parmigiano e il pecorino.
Dopo aver completato la cottura della pasta con il sugo e con l’aggiunta poco alla volta le due tipologie di formaggio grattugiato, aggiungiamo qualche foglia di basilico ed il peperoncino.

PS - difficilmente troverete le dosi del formaggio, poichè in questa ricetta dovrete abbondare ed essere generosi...buon appetito!



1 commento:

  1. Cara Kiara, mi dici che è una ricetta semplice, a me piacciono da morire certe semplice ricette,
    il risultato è un piatto buonissimo.
    Ciao e buona giornata, con un abbraccio e un sorriso:) sorridere fa bene!
    Tomaso

    RispondiElimina

Stampa e PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...