Torta ubriaca...


...ovvero Vanilla Rum Cake, se vogliamo chiamarla col suo nome originale. Si tratta di un dolce tipico della cucina americana. La ricetta l'ho trovata sul libro American Bakery, che vi consiglio vivamente se vi piace questo tipo di cucina. Questa torta in particolare mi ha colpito prima di tutto per il nome, poi per l'aspetto ricco e invitante e il profumo voluttuoso che sprigiona. Potete sostituire il rum al liquore che più vi piace. Io ho provato a farla anche con l'Amaretto di Saronno...golosità allo stato puro!


Per l'impasto:
250 g di farina 00
1 cucchiaio di bicarbonato di sodio
sale
1 cucchiaio di noce moscata grattugiata
250 g di zucchero
100 g di olio di semi
3 uova
120 g di latte
60 ml di rum scuro
1 baccello di vaniglia


Per lo sciroppo:
100 g di burro
50 g di zucchero
120 ml di rum scuro


Preriscaldate il forno a 150°C. Imburrate e infarinate uno stampo da plumcake (o, se lo avete, il classico stampo americano col tubo). In una terrina setacciate la farina, il bicarbonato, una presa di sale e la noce moscata. Mettete da parte. In un'altra terrina, con la frusta elettrica (per me la praticissima di Russel Hobbs) lavorate lo zucchero, l'olio, le uova, il latte e il rum fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. Aprite il baccello di vaniglia con la lama di un coltello, estraete i semi, aggiungeteli all'impasto, tenendo da parte il baccello vuoto, e unite lentamente il tutto al composto con la farina, mescolando con una frusta. Versate l'impasto nello stampo. Infornate per 60' o fino a che uno stuzzicadenti infilato al centro della torta non ne uscirà perfettamente pulito. Sfornate, lasciate la torta dentro lo stampo e bucate con uno stuzzicadenti tutta la superficie (per far assorbire lo sciroppo al rum).

Nel frattempo preparate lo sciroppo: in una casseruola versate 30 ml di acqua, il burro e il baccello di vaniglia tenuto da parte. Portate a ebollizione. Unite lo zucchero e cuocete a fuoco lento per 5', mescolando sempre. Lasciate raffreddare per qualche minuto poi aggiungete il rum.
Lasciate raffreddare lo sciroppo altri 10' poi versatene un po' sulla torta, aiutandovi con un cucchiaio. Quando la parte superiore è ben inzuppata, capovolgete lo stampo su un piatto da portata, sfilatelo delicatamente, e ripetete l'operazione (bucate la superficie e irroratela con altro sciroppo). Lasciate riposare il dolce finchè il liquido non sarà stato assorbito, poi ripetete il tutto dall'inizio, avendo cura di ricominciare dalla parte superiore. Questo processo di assorbimento può durare fino a 24 ore.

La Gianna, mia mamma, ormai 80enne, non smette ancora adesso di dirmi quant'era buona questa torta e di rifarla al più presto. La versione al rum, decisamente più alcolica, le è piaciuta di più della versione all'Amaretto di Saronno...un pochino più light...hai capito la mammina? 


8 commenti

Lidia - The Spicy Note
Mi ricorda la rum cake delle Isole Cayman... e sì che ce l'ho quel libro, ma non l'avevo più di tanto notata si vede... Grazie per avermela "evidenziata"!
Ciao,
Lidia
Rosalba Lombardi
Mi piace il nome di questa torta e mi piace anche l'aspetto direi una fetta please :)
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Paola Sabino
Ho questo libro e questa torta la corteggio da un po'. Intanto che mi decido a farla, ammiro la tua. Quella foto della fetta mette voglia di afferrarla dallo schermo :)
Manu
Che fantastico abbinamento!
Buona serata
andreea manoliu
Sicuramente molto soffice e profumata, ma immagino anche con l'amaretto che è ancora più profumata e gustosa !
Leena Sacco
il rum è eccezionale nei dolci! Ti è riuscito proprio bene!
lucy
woh! mi immagino il profumo di questa torta.davvero molto invitante

Instagram

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli