Riso venere con verdure, mazzancolle e salsa allo zafferano


Il riso Venere è il primo riso nero europeo che, pur essendo nato nella Pianura Padana, ha un'origine esotica. Grazie al lavoro di un ibridatore cinese da alcuni anni giunto in lomellina, questa varietà di riso integrale ha il pericarpo nero, mentre l'interno del granello è bianco come i nostri risi. Questo tipo di riso è anche molto aromatico. Il suo aroma, soprattutto durante la cottura, ricorda il pane appena sfornato e l'odore tipico del sandalo. Ricco di proteine, fibre e minerali come il calcio, il selenio, il manganese e lo zinco.

Per la realizzazione di questo riso ho utilizzato verdure particolari che non sempre riesco a trovare durante l'anno. Parlo dei peperoni laziali, dalla caratteristica forma stretta e allungata; delle melanzane nane che non mi era mai capitato di trovare nei supermercati e della zucchina trombetta, tipica della zona ligure.

La ricetta l'ho scovata su un numero vecchissimo di Cucina Italiana.

Ingredienti per 4 persone:
500 g di mazzancolle
320 g di riso Venere
2 peperoni rossi tipo laziali
2 melanzane nane
1 zucchina di media grandezza tipo trombetta
1/2 cipolla di Tropea
350 g di panna fresca
40 g di burro
2 spicchi d'aglio
1 bustina di zafferano
vino bianco secco
prezzemolo
sale
pepe


Mettere il riso in ammollo per almeno 4 ore.
Portare a bollore una pentola capace, salare moderatamente e versare il riso che dovrà cuocere per 40'.
Nel frattempo lavare e mondare le verdure; tagliarle a tocchetti piccoli.
Tritare la cipolla e farla rosolare in una capente padella antiaderente. Versare le verdure e lasciare cuocere per 15'.
Sciogliere il burro in un tegamino, aggiungere lo spicchio d'aglio sbucciato e lasciarlo rosolare dolcemente, versare la panna, condire con un pizzico di sale, pepe proseguendo la cottura per 2' sempre a fuoco molto dolce. Stemperare nella panna la bustina di zafferano, mescolare e spegnere (eliminando lo spicchio d'aglio). Completare con un abbondante manciata di prezzemolo tritato e tenere in caldo.
Lavare accuratamente le mazzancolle e pulirle togliendo la testa, il carpace e con molta delicatezza il budellino nero, incidendo piano lungo l'addome con un coltellino affilato. Tenerne da parte 4 intere per la decorazione finale del piatto. Scaldate uno spicchio d'aglio sbucciato in due cucchiai d'olio in una padella antiaderente. Toglierlo e aggiungere tutte le mazzancolle. Far rosolare 1' poi sfumare con un goccio di vino bianco. Proseguite la cottura per pochi minuti poi spegnere e togliere dal fuoco.
Scolare il riso cotto e unirlo alle verdure; unire anche le mazzancolle. Mescolare bene per insaporire il tutto. Versare una cucchiaiata di salsa in ogni piatto, aggiungere il riso e decorare con le mazzancolle intere.


5 commenti

andreea manoliu
Un bellissimo piatto con un mix di sapori e colori, immagino che buono !
Mila
Molto invitante questo piatto con dei bei colori decisi. Effettivamente come hai detto te gli ingredienti sono particolari.
Buona giornata
Giuliana Manca
Un bellissimo modo di preparare il riso venere, diverso dal solito!
rei
questa me l'ero persa. bella ricetta :)
Daniela Stefania Dumas
Stasera ho organizzato una cena tra amici tutta senza glutine, (tre di loro sono celiaci), questo sarà il mio piatto di punta, speriamo mi riesca ;)

Instagram

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli