Vellutata di zucca alla birra e yogurt

Piatti e ciotola Green Gate
In questo periodo dell'anno, la zucca è spesso protanista indiscussa di molti piatti, siano essi antipasti, primi, secondi o dolci. Personalmente lo trovo un ortaggio fantastico. Talmente versatile da poter essere utilizzato in innumerevoli ricette insolite. Complice il numero di novembre di Sale&Pepe, vi presento una ricetta rivisitata trovata sulla rivista.


Ingredienti per 4 persone:
800 g di zucca Butternut BioExpress pulita (ho scelto questa varietà, per il suo piacevole retrogusto di nocciola fresca, che si sposa bene con il resto degli ingredienti)
1/2 cipolla tritata finemente Bioexpress
1/2 costola di sedano tritata finemente Bioexpress
1/2 carota tritata finemente BioExpress
4 bacche di ginepro
250 ml di birra artigianale rossa La Marchesa
300 ml di brodo vegetale
150 g di yogurt greco
50 ml di panna fresca
qualche goccia di limone
un rametto di rosmarino
qualche fetta di pane bianco
una fetta di pane raffermo
olio extra vergine di oliva
sale

Tagliate la zucca a tocchetti e fatela cuocere al microonde per 5' a 650W, avendo cura di chiudere il contenitore apposito per micro con il suo coperchio o con della pellicola trasparente bucherellata.
In una pentola fate soffriggere la cipolla, il sedano e la carota in un paio di cucchiai di olio evo, a fiamma dolce, quindi aggiungete le bacche di ginepro. Unite la zucca, lasciatela insaporire qualche minuto e sfumate con la birra. Fatela sfumare e aggiungete il brodo caldo. Cuocete coperto per 20'.
Nel frattempo tostate il pane bianco in padella con un filo d'olio extra vergine di oliva e tenete da parte.
Spezzettate il pane raffermo e inseritelo in un cutter con gli aghi di rosmarino; avviate per ottenere delle briciole. Fatele tostare in una padella con un filo d'olio evo fino a che non saranno dorate e croccanti.
Frullate la zuppa con un frullatore a immersione. Se risultasse troppo liquida usate un trucchetto! Sciogliete un cucchiaino di maizena in un goccio d'acqua, stemperate bene e aggiungete alla zuppa (che nel frattempo avrete riposto sul fuoco); mescolate fino a che non si addenserà. Se invece la vellutata risultasse troppo densa, vi basterà aggiungere dell'altro brodo.
Aggiustate di sale.
Unite allo yogurt greco la panna e un goccio di limone. Mescolate bene.
Assemblate il piatto versando la vellutata e completando con le briciole di pane croccante al rosmarino, una fetta di pane bianco tostato e lo yogurt. Completate con un filo d'olio se vi va.


Note:
Per questa ricetta ho scelto di proposito la Birra Artigianale Rossa la Marchesa. Ho già avuto modo di parlarvi di questo marchio eccezionale. Anche stavolta le mie aspettative non sono state deluse. Si tratta di una birra dal colore rubino a bassa fermentazione, dai sentori di malto e dall'amaro deciso. Essendo alla ricerca di aromi e sapori più intensi e decisi, questa birra è stata la scelta ideale.

1 commento

Mila
Pensa che l'ho sempre chiamata zucca violino....ma poi le zucche mi piacciono tutte!!!
Buona giornata

Instagram

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli