L'erbazzone


L'erbazzone è una torta salata, tipica della cucina reggiana, che avvolge in una pasta sottile, un ghiotto ripieno di erbe.
Di una torta di erbe e formaggio, racchiusa in due strati di pasta di pane non lievitatat si parla già nel "Moretum" un poema di carattere campestre scritto da Virgilio. A conferma che l'erbazzone, conosciuto anche come scarpazzone, è un piatto che trae le sue origini dall'antica cucina romana.
Ma passando dalla storia, alla verace tradizione reggiana, l'erbazzone come lo conosciamo noi, è sicuramente nato nell'800, dalle mani di una rezdora, ovvero donna di casa.
L'erbazzone è divenuto negli anni simbolo della cucina reggiana.



Ingredienti per 6/8 persone:

Per la pasta:
400 g di farina
70 g di burro
1 tuorlo
latte
sale

Per il ripieno:
1,5 kg di foglie di bietole o spinaci Bioexpress
150 g di pancetta
5 cipollotti Bioexpress
1 spicchio d'aglio
4 cucchiai di Parmigiano Reggiano grattugiato
una manciata di prezzemolo Bioexpress
olio extra vergine di oliva
sale
pepe

burro per la tortiera

Preparate la pasta: mescolate alla farina un pizzico di sale, fate la fontana, unite il burro a pezzetti, poca acqua e impastate unendo altra acqua, quanto basta per ottenere una pasta simile a quella del pane (in tutto vi occorrerà circa un bicchiere).
Formate una palla, avvolgetela nella pellicola e lasciatela riposare in frigorifero per almeno mezz'ora.
Intanto lavate le biete o gli spinaci, sgocciolatele in una pentola e cuocetele senza aggiungere altra acqua a quella rimasta aderente alla verdura dopo il lavaggio; scolatele, strizzatele e tagliatele grossolanamente.
Tritate la pancetta e, a parte, il prezzemolo con i cipollotti.
Rosolate l'aglio in una padella con un filo d'olio, eliminatelo, unite il trito di prezzemolo e cipollotti e la pancetta e fate soffriggere il tutto a fiamma dolce.
Aggiungete le verdure lessate, lascitele insaporire per qualche minuto, togliete dal fuoco, fate intiepidire, poi incorporate il parmigiano, regolate di sale e pepe e mescolate bene.
Stendete due terzi della pasta in una sfoglia sottile e rivestite una tortiera imburrata (diam. 24 cm), lasciandola sbordare. Distribuitevi sopra il ripieno e pareggiatelo.
Stendete il resto della pasta in un disco del diametro della tortiera, appoggiatelo sul ripieno e ripiegate verso l'interno la pasta che sborda.
Punzecchiate la superficie, spennellatela con il tuorlo diluito con poco latte e cuocete in forno a 190°C per 35-40 minuti.


2 commenti

Tomaso
Al solo guardarla la senti già in bocca.
Ciao e buona domenica, con un abbraccio e un sorriso:-)
Tomaso

Instagram

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli