Rigatoni con fonduta di crescenza al liquore di pistacchio e radicchio rosso

 

Questa la definirei una pasta di spirito, ovvero una pasta dove il liquore regala un aroma speciale a un delizioso condimento. Radicchio e pistacchio si sposano alla perfezione e allora, perchè non osare? Ne rimarrete stupiti...

Ecco come preparare i Rigatoni con fonduta di crescenza al liquore di pistacchio e radicchio di Verona.


 

Ingredienti per 4 persone:

360 g di Rigatoni Pasta Armando

250 g di crescenza

50 g di Grana Padano grattugiato

2 cucchiaini di fecola di patate

400 ml di latte

Liquore al Pistacchio Sciara - La Terra del Pistacchio

1 cespo grande di Radicchio rosso Bioexpress

1 spicchio d'aglio Bioexpress

4 cucchiai di olio extra vergine di oliva

1 fetta di pane in cassetta senza crosta

sale qb

pepe nero di mulinello qb

Per prima cosa pulite il radicchio, lavatelo e tagliatelo a pezzetti. Scaldate l'olio con l'aglio sbucciato in una padella antiaderente e saltatevi il radicchio per qualche minuto; conditelo con sale e pepe, sfumatelo con un goccio di liquore al pistacchio (mi raccomando, solo un goccio; in alternativa potete usare la grappa) e togliete dal fuoco. Eliminate l'aglio.

Lessate la pasta in abbondante acqua salata. Nel frattempo, in un pentolino, sciogliete la fecola in 4 cucchiai di latte, aggiungete il latte rimasto e scaldate unendo la crescenza, il grana grattugiato e un goccio di liquore di pistacchio (sempre un goccio). Salate, pepate e mescolate fino a quando la crema non si sarà addensata.

Riducete a dadini molto piccoli il pane in cassetta. Prendete una padella antiaderente e scaldate il pane irrorandolo con un filo d'olio evo. Girate spesso i crostini per evitare che si brucino. Quando vedete che hanno formato una bella crosticina dorata, toglieteli dal fuoco e teneteli da parte.

Scolate la pasta al dente, conservando un mestolino di acqua di cottura, e saltatela per pochi istanti nella padella del radicchio. Aggiungete metà fonduta e il mestolino di acqua di cottura della pasta e mescolate bene.

Distribuite la pasta nei piatti, nappatela con la rimanente fonduta, spolverizzate con i crostini tostati e una macinata di pepe.

Nessun commento

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli