Minestra mariconda


La Minestra mariconda (o di mariconde) è un piatto di cui i Bresciani si contendono la paternità con i Mantovani, ma una cosa è certa: appartiene alla tradizione culinaria contadina settentrionale.
La mariconda ricorda gli knödel (o canederli) della cucina trentina e altoatesina, nella loro preparazione di base. In alcune ricette recenti si aggiunge poca farina bianca e un goccio di latte per legare. Tra le spezie ricorre la noce moscata. 
Le Meliconde sarebbero le palline gialle di cui è composta la minestra, che ricordano le cariossidi del granturco (analogamente alla meridionale cicerchiata = piatto di ceci, composto di palline di pasta fritte).
Questa è la ricetta che ho deciso di presentare per l'uscita di aprile de L'Italia Nel Piatto. Il tema? Un piatto del passato / la cucina povera del passato.
Ma scopriamo insieme come realizzare la ricetta. Io ho scelto di proporvi questa versione (ovviamente ce ne sono a centinaia) estrapolata da "Nuovo codice della cucina lombarda".



Ingredienti per 4 persone:

250 g di mollica di pane o pane raffermo
500 ml di latte intero
1,5 lt di brodo di carne
100 g di burro
80 g di Grana Padano dop grattugiato
4 uova
Sale
Pepe
Noce moscata

Ammorbidire il pane nel latte lasciandolo macerare per almeno mezz’ora.
Strizzare il pane ammollato e incorporarvi il burro appena sciolto in un tegame tiepido.
Lasciare assorbire bene, poi aggiungere le uova e il Grana.
Regolare di sale e pepe, impastare bene il tutto e lasciare riposare per almeno un’ora.
Con l’impasto ottenuto formare delle polpettine.
Farle cuocere per 5 minuti nel brodo bollente.
Servire caldo.

Note:

È bene che la mollica di pane non sia molto rafferma (due giorni al massimo), perché in tal caso perderebbe peso e sarebbe necessario usarne di più a discapito dell'equilibrio dei sapori. 

Il composto, preparato con qualche ora di anticipo guadagna in compattezza e matura un gusto più pieno. 

Le palline possono essere ottenute facilmente arrotolando l’impasto con le mani in un lungo cilindro e tagliandolo in piccole porzioni di circa 1 cm che, passate sotto la mano aperta, prenderanno la forma giusta.



E ora vediamo che cosa hanno preparato le altre regioni:
 
Friuli-Venezia Giulia:
Emilia-Romagna: Le zavardone
Marche:

8 commenti

Unknown
Amo queste ricette con il pane raffermo! Bella proposta.
2 Amiche in Cucina
Sono sempre in cerca di ricetta per riciclare il pane raffermo, e questa mi piace veramente tanto.
Tantissimi Auguri di Buona Pasqua
Un'arbanella di basilico
Avevo sentito parlare di questa minestra ma mi immaginavo tutt'altro. Mi sembra molto buona :) Auguri!
elena
il pane raffermo è un ingrediente tipico di queste ricette "semplici" e contadine... mi ricorda tanto i canederli! un abbraccio e tanti auguri!
Sabrina
Un'ottima ricetta di recupero del pane, calda e confortevole. Mi piacerebbe molto gustarne un buon piatto!
Antro Alchimista
Hai ragione un piatto che richiama i canederli o i gnocchetti di pane da fare in brodo della cucina austriaca. Mi segno la ricetta perchè la vorrei provare. Buona Pasquetta
Manu
Hai ragione è un piatto che si avvicina molto ai canederli trentini, ma penso che in ogni casa contadina si cercasse sempre di preparare un pasto con ciò che era disponibile, questo ha permesso tanti piatti di assamiglirsi pur mantenendo le proprie caratteristiche
Grazie lo assaggerei volentieri
marina riccitelli
Ha un bellissimo aspetto questa minestra e un nome proprio carino! ciao, un abbraccio

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli