martedì 5 gennaio 2016

La ribollita toscana, ricetta della Gianna



Non me ne vogliano i toscani, ma questa versione è della Gianna, mia madre, e non potevo non elogiarla pubblicandone la ricetta. Siamo lombarde, quindi sicuramente restiamo all'oscuro di tutti i trucchetti tipici per la perfetta realizzazione del piatto. Anzi, a tal proposito si accettano consigli. Ma mia madre ci ha messo il cuore qui...e tutto il cavolo nero portato a casa da mia nipote!

Ingredienti

250g fagioli (noi abbiamo usato i cannellini)
250g cavolo verza

250g cavolo nero

100g di coste di bietole
1 patata 

1 cipolla

1 carota

1 sedano

1 porro

50 g di olio extravergine d’oliva (per noi Dante)
qualche cucchiaiata di passata di pomodoro
Timo qb
Rosmarino qb

Sale qb
pepe qb
grana padano grattugiato qb

Preparazione
Mettete a bagno i fagioli cannellini secchi per una notte intera. Una volta che i fagioli si saranno ammorbiditi, cuoceteli in abbondante acqua a fuoco lento per almeno un'ora. Una volta lessati, tenete da parte la loro acqua di cottura (che servirà per cuocere la ribollita). Nel frattempo mondate e tagliate la verdura precedentemente lavata.
In una pentola capiente iniziate a soffriggere con l’olio la carota, la cipolla, il porro, il sedano; unite quindi la passata di pomodoro. Nel frattempo preparate un mazzetto di timo e rosmarino e aggiungetelo nella pentola. Unite quindi il resto delle verdure, aggiustate di sale e lasciate cuocere il tutto, aggiungendo, quando serve, l’acqua di cottura dei fagioli.
Quando la verdura sarà tenera, togliete dalla pentola il mazzetto di rosmarino e passate al passaverdure 1/3 della verdura. Rimettete la purea di verdura così ottenuta di nuovo nella pentola, mescolate e aggiungete i fagioli interi. Fate cuocere ancora per 5 minuti.

La Gianna ha deciso di tenerla abbastanza asciutta e di incorporare al piatto del pane toscano tagliato a tocchetti. Ha versato il tutto in una teglia, spolverizzando la superficie con del grana grattugiato. Ha messo il tutto in forno a 200°C per circa 15'.



6 commenti:

  1. Da buona toscana quale sono ti dico che non sei andata molto lontano dall'originale! ;-)
    Un trucchetto per rendere il piatto ancora più saporito? Aggiungere qualche cotica o delle ossa di prosciutto durante la cottura delle verdure!

    RispondiElimina
  2. Ti dirò, da brava toscana non esiterei a fare un assaggio :-)
    Grazie x aver condiviso questa ricetta di famiglia e ancora tantissimi auguri di sereno 2016 <3

    RispondiElimina
  3. mia nonna era fiorentina (e trapiantata in Sicilia per avere sposato, appunto, un siciliano) quindi amo molto anche i piatti toscani, purtroppo lei è mancata quando io ero bambina e non ho potuto imparare da lei ricette toscane (le tento io di mio, seguendo i libri ma non è la stessa cosa..) per fortuna le mie zie nate e vissute in Sicilia mi hanno insegnato i piatti dell'isola. Per cui questa parte mi manca, verrei immediatamente a fiondarmi sul tuo piatto ecco. (e ad imparare a cucinarla)

    RispondiElimina
  4. Non ho mai avuto modo di assaggiare questo piatto pur avendone sempre sentito parlare:)l'aspetto è veramente invitante e ti confesso che mi piacerebbe assaggiarlo:))grazie mille per la ricetta:))
    Un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  5. Un piatto ricco di gusto, gnam.... !

    RispondiElimina
  6. Quando non sai cosa scegliere... compra il meglio e non te ne pentirai. Scopri i ceci e rosmarino. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ2NTk3OTQ0MCwwMTAwMDA0OCxjZWNpLWUtcm9zbWFyaW5vLTE4MGcuaHRtbCwyMDE2MDcxMyxvaw==

    RispondiElimina

Stampa e PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...