La mia TORTA PASQUALINA


Prima di tutto BUONA PASQUA e BUONA PASQUETTA!!! Spero che ognuno di voi l'abbia passata nel migliore dei modi: in famiglia, da soli, al mare, in montagna o semplicemente a casa (come ho fatto io). 
Oggi voglio postarvi la torta pasqualina a modo mio...niente di sorprendente, ingredienti tipici di questa torta con l'aggiunta di un formaggio tipico del Lodigiano: la raspadüra Bella Lodi. La raspadüra è un modo di servire il formaggio grana presentandolo come sottilissime sfoglie, raschiate con un particolare coltello da una forma di grana lodigiano. Bella Lodi è prodotto da un solo antico caseificio che ha più di 100 anni, in un comune del Parco Adda Sud. Colore bianco, con variazioni molto contenute anche in estate; profumo intenso, fragrante; sapore pieno ma non piccante né troppo salato: Bella Lodi, formaggio stagionato dalla crosta nera, nasce dalla grande e radicata tradizione casearia del grana lodigiano. Il latte proviene da stalle concentrate nel lodigiano, dove viene lavorato rispettando le antiche regole di produzione. Solo una lunga e paziente stagionatura può garantire il formarsi di quegli aromi che si sprigionano caldi e vigorosi al taglio di ogni pezzo di Bella Lodi. Solo dopo aver appurato che i requisiti di colore, pasta, profumo e sapore sono quelli richiesti, potrà diventare una forma di Bella Lodi dalla tipica crosta nera.


E ora eccovi la ricetta:

Per la pasta:
500 g di farina 00
3 cucchiai di olio extra vergine di oliva
150 ml di acqua
1 cucchiaino di sale

Per il ripieno:
4 uova sode tagliate a fettine sottili
1 uovo intero
raspadüra
100 g di grana grattugiato
500 g di ricotta vaccina
500 g di erbette (il peso si riferisce al prodotto già mondato e cotto in padella con una noce di burro)
sale e pepe
--> Mescolate tutti gli ingredienti per la pasta e spiana tela ottenendo 2 fogli sottilissimi. Disponete su di una teglia un foglio di carta forno leggermente unto e stendetevi sopra un disco di pasta. In una terrina mescolate le erbette, la ricotta, il grana e l'uovo intero; mescolate e aggiustate di sale e pepe. Adagiate il composto sulla pasta. Distribuitevi sopra le uova sode e la raspadüra. Ricoprite con l'altro disco di pasta. Bucherellate la superficie e ungetela con dell'olio extra vergine di oliva. Infornate a 180°C per 40 minuti circa.

9 commenti

Elisaltea
Bellissima ricetta con un prodotto che non conoscevo, non si finisce mai di scoprire nuove cose!! :) Tanti cari auguri, un abbraccio!
Maria
ciao kiara ,molto invitante la tua ricetta... mi piace bravissima come sempre un abbraccio e felice pasquetta.
ஃPROVARE PER GUSTAREஃ di ஜиαтαℓια e ριиαஓ
CIAO E BUONA PASQUETTA KIARA..
non l ho mai realizzata la torta pasqualina mi ci cimenterò per l anno prossimo..
by da lia
Ennio
Complimenti Chiara!!! Ti è venuta benissimo! :)
Luca and Sabrina
Una magnifica rivisitazione, fresca, ma soprattutto molto invitante. Non aspetteremo certo l'anno prossimo per prepararla, dal momento che è uno di quei piatti che si fanno apprezzare sempre e comunque.
Un bacione e buona Pasquetta anche a te
Sabrina&Luca
Manuela e Silvia
Ciao, eh la pasqualina ci vuole in questi giorni! La raspadura è una vera chicca per questa torta! Una rivisitazione a dir poco azzeccata e ricercata! Bravissima.
baci baci
raffy
la divorerei anche ora..mi fa proprio gola!!!
Cinzia Tamburo
Complimenti, questa rivisitazione sembra ottima!
Giulia Possanzini
che buona!!! anche a quest'ora , ne prendere un pezzo!! ^_^ baci

Instagram

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli