Ecco i famosi panini di Heidi, meglio noti come Bretzel Buns o Laugenbrötchen



Era da tanto che volevo provare a farli! La reclusione è stato un ottimo motivo per cucinarli. Non si tratta di un lavoro veloce, ci vuole attenzione e precisione, ma vi assicuro che non c'è niente di difficile, basta seguire tutti i passaggi. E lo sforzo verrà ripagato, eccome! Credetemi!




La ricetta l'ho trovata sul sito di Lucake, ma in rete ne trovate tante. Questa secondo me è fatntastica!

Dose per 10/12 panini:

PER L’IMPASTO:

400 g di farina tipo 00 (avevo in casa solo questa, ma sarebbe meglio usare 200 g di farina 0 e 200 g di farina tipo 1)
150/160 g acqua (a seconda di quanto assorbe la vostra farina)
70 g latte
6 g lievito di birra fresco
1 cucchiaino di miele
25 g burro morbido
7-8 g sale

PER LA PRECOTTURA:
1,5 l di acqua
25 g bicarbonato

PER LA SUPERFICIE:
q.b. sale Maldon

In una planetaria con il gancio, oppure a mano in una ciotola, impastare la farina, il latte, il lievito, il miele e l’acqua, avendo cura di non metterla tutta subito, ma tenerne da parte 10-20 g da aggiungere solo se necessario, in base a quanto assorbono i liquidi la farina che state utilizzando.
Quando l’impasto inizia leggermente ad amalgamarsi, aggiungere il burro morbido e il sale.
Continuate a impastare per qualche minuto fino a che l’impasto non risulterà liscio e omogeneo.
Formare un panetto e disporlo in una ciotola precedentemente unta con olio. Coprire con un panno e lasciare lievitare per circa 2½ – 3 ore, fino a che avrà raddoppiato il suo volume.
Prendere l’impasto e dividerlo in pezzature da circa 60 g l’uno.
Prendere ogni pezzetto d’impasto e con le mani piegare le estremità verso il centro per 3-4 volte (vi invito a vedere il sito di Lucake per questi passaggi, da lui spiegati molto bene) questo passaggio serve per dar forza all’impasto e far si che cresca meglio nella seconda lievitazione.
Una volta fatte le pieghe, capovolgere il pezzetto di pasta, di modo che le pieghe rimangano sotto. Pirlare l’impasto, in modo tale che la pallina diventi perfettamente sferica e abbia la chiusura alla base. Disporre i panini su una teglia rivestita con carta da forno, ben distanziati tra loro e coprire con un panno.
Lasciare lievitare i panini per circa un’ora, fino a che raddoppieranno il loro volume.
Mettere l’acqua in una pentola e portare a bollore, quindi aggiungere gradualmente il bicarbonato. Adagiare nell’acqua 2-3 panini alla volta e lasciarli cuocere per circa 15-20 secondi per lato. Estrarli dall’acqua con una schiumarola e adagiarli su una teglia con carta da forno, tenendoli già distanziati tra loro. Proseguire con questo procedimento fino a precuocere tutti i panini.
Con un coltellino molto affilato, incidere sulla superficie una croce o due taglietti paralleli. Adagiare qualche granello di sale sulla superficie dei panini, che, essendo umidi, rimarranno attaccati. Cuocere in forno statico a 185/190° per circa 20-25 minuti. Sfornare, lasciare raffreddare e consumare in giornata.




1 commento

Tomaso
Cara Kiara, questi buoni e morbidi panini sono quelli che piacciono molto a me!!!
Ciao e ti lascio un caloroso saluto con un abbraccio con tutto il cuore.
Tomaso 

Instagram

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli