Chisulin mantovano


Buona Festa della Repubblica a tutti! Noi de L'Italia nel Piatto festeggiamo con un tema davvero sfizioso: Street food - Ogni angolo della nostra bella Italia ha un cibo di strada amatissimo!
Per la Lombardia ho pensato di proporvi la ricetta dello Gnocco fritto Mantovano, che è leggermente diversa da quella originale di Modena.
Le origini del buonissimo gnocco fritto sono da ricercarsi sicuramente nella tradizione culinaria dei Longobardi che, sembra abbiano tramandato questa ricetta agli Emiliani.
Lo gnocco fritto ha assunto, in Emilia Romagna e in altre Regioni, nomi diversi a seconda delle varie zone. A Bologna si chiama “crescentina”, nella provincia di  Parma  “torta fritta”, a Reggio Emilia e Modena “il gnocco fritto”, mentre nella provincia di Piacenza e Mantova le varianti sono gnocco fritto o “Chisulin”.
Ma vediamo subito come si prepara. La fonte di questa pietanza appetitosa è da attribuirsi a Carlo Chierici.



Ingredienti:

circa mezzo bicchiere d’acqua
un giro d’olio
un pizzico di sale
farina quanto basta per ricavarne un impasto morbido

Si lavora la pasta amalgamando bene tutti gli ingredienti, quindi la si stende ottenendo una sfoglia non troppo sottile in quanto lo spessore della pasta ne determina le caratteristiche finali (più o meno croccanti, più o meno gonfi): lo spessore ottimale pare sia di circa 3-4 mm.
La pasta viene poi tagliata con la rotellina in losanghe o quadrati, che si friggono in abbondante olio di arachide (o strutto, per i puristi delle ricette di una volta e per chi non ha problemi di colesterolo) finché risultano leggermente dorati. Si mangiano tassativamente caldi, da soli o accompagnati da salumi, come il salame mantovano e magari un bel bicchiere di vino bianco un po' frizzante.


E ora vediamo cosa succede nel resto d'Italia: 

Lombardia: Chisulin mantovano
Trentino- Alto-Adige: Strauben
Friuli-Venezia-Giulia: Polenta fritta
Emilia Romagna: I Cassoni romagnoli
Molise: La pampanella
Puglia: Pizzi leccesi
Sicilia: Scacce ragusane

10 commenti

marina riccitelli
Una sola volta in vita mia ho mangiato lo gnocco fritto accompagnato da salumi fantastici, ero a Parma, mi pare. Un sapore fantastico, non l'ho più dimenticato! Bellissimi questi tuoi cartocci, questo è un cibo imperdibile, ne mangerei a bizzeffe! Complimenti!
Federica Simoni
Che buoni li mangiavo tanti anni fa a casa di amici in provincia di Mantova 😋😋😍😍grazie per la ricetta 😘
elena
sempre deliziosi questi frittini, noto che non c'è lievito, immagino che l'olio caldo sia il responsabile di quel bel gonfiore! ne prenoto uno scodellino!
Natalia
Ne ho sentito parlare ma non li ho mai provati!!! Devono essere proprio buoni!!!
Mary
Bellissimi i tuoi cartocci Chiara...questi fritti devono essere strepitosi!
Baci,
Mary
Sabrina
Pochi ingredienti per un risultato che fa venire l'acquolina alla bocca alla sola vista!
Manu
Un bocconcino fritto a cui è difficile rinunciare
Che mese interessante questo dello street food
bravissima
Tartetatina.it
Buonissimi e sfiziosi ad ogni ora del giorno.
2 Amiche in Cucina
Di questi potrei mangiarne all'infinito, che buoni che sono.

baci

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli