Dolce morbido con albicocche e biscotto savoiardo


Questa ricetta ce l'ho in archivio da diversi anni; mi aveva colpito fin da subito per questa particolare consistenza e non vedevo l'ora di provarla, solo che poi l'ho rimossa completamente fino a ieri. Avevo in casa un cestino di albicocche splendide e biologiche arrivate da Bioexpress e non sapevo come impiegarle, dato che non amo consumarle da sole ed ecco riaprirsi il cassettino della memoria.

La ricetta è della Cassata Celiaca, che la propone in veste gluten-free.

Io l'ho solo modificata parzialmente.

Che dirvi se non che le aspettative sono state ampiamente appagate? Questo dolce è meraviglioso, da rifare al più presto con altri frutti come prugne, fragole, ciliegie...



Ingredienti per una teglia rettangolare di 40 x 25 cm:

Per la base:

100 g zucchero bianco semolato
180 g burro a temperatura ambiente
180 g farina 00
100 g fecola
1 bustina di lievito per dolci vanigliato
3 uova a temperatura ambiente
1 kg di albicocche biologiche Bioexpress private del nocciolo, lavate e tagliate a metà
250 g di Fiordifrutta Rigoni di Asiago alle albicocche

per la copertura di biscotto savoiardo:

2 uova a temperatura ambiente
100 g zucchero bianco semolato
5 cucchiai di zucchero a velo
70 g fecola

Scaldate il forno a 200°C e foderate una teglia rettangolare con carta da forno.
In una terrina ponete il burro e lo zucchero e montate con le fruste elettriche fino a ottenere un composto spumoso.
Incorporate le polveri e il lievito e montate sempre con le fruste.
Aggiungete un uovo alla volta, continuando a mescolare, e aspettate che sia completamente incorporato prima di aggiungere il successivo.
Versate il composto ottenuto nella teglia, livellandolo in modo da avere uno strato uniforme e omogeneo.
Versate la Fiordifrutta sulla superficie, avendo cura di spalmarla per bene.
Disponete sulla superficie le albicocche, con la parte bombata verso l'alto, distribuendole per bene.
Infornate per 25′. Fate attenzione che la composta non si bruci, altrimenti coprite con della carta stagnola.
Nel frattempo preparate la copertura di biscotto savoiardo.
Separate i tuorli dagli albumi.
Disponete gli albumi in una terrina e montateli con le fruste elettriche.
Quando iniziano a gonfiare unite un cucchiaio di zucchero semolato, prelevato dal totale.
Continuate a montare gli albumi fino ad ottenere una meringa soda.
Incorporate i tuorli, lavorando il composto con una spatola, dal basso verso l'alto, facendo attenzione a non smontare il tutto.
Unite il restante zucchero e lo zucchero a velo, infine incorporate allo stesso modo la fecola setacciata.
Tirate fuori dal forno la base cotta (dovrà avere un bel colore dorato in superficie).
Versate il composto di biscotto savoiardo e lisciatelo con una spatola in modo da ricoprire uniformemente tutta la superficie.
Infornate di nuovo per  altri 15′.
Sfornate il dolce, aspettate che sia completamente freddo e spolveratelo con zucchero a velo.




2 commenti

lea
waw! copio la ricetta di questo dolce strepitoso! Complimenti!
Kucina di Kiara
Lea è davvero buonissimo! La Cassata Celiaca non sbaglia un colpo! Fammi sapere se lo farai! Un abbraccio!

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli