giovedì 14 marzo 2013

TARTUFINI di PANDORO



CIAO ANDREA, COM’E’ ANDATA LA GIORNATA OGGI?

Agitato

PERCHE’ SEI AGITATO?

Stanco di non controllare andrea. Crisi fuori controllo. Chiedo scusa a tutti andrea sta male di non controllo capace. Ciao papà

ASPETTA ANDRE. DOBBIAMO LAVORARE SUL CONTROLLO LO SAI. PROVA A DIRMI PERCHE’ SCHIACCI LA PANCIA A TUTTI.

Sento la pancia di persone per conoscere chi mi sta vicino. Mi presento alle persone toccandole e sto tranquillo.

PERO’ LO SAI CHE ALLA GENTE DA’ FASTIDIO.

Sono cosciente ma se andrea non tocca vedo confusione e KO per andrea che si agita.

MA NON PUOI TOCCARE LA SPALLA ANZICHE’ LA PANCIA?

Mi piace pancia.

LO CAPISCI O NO CHE DAI FASTIDIO?

Lo capisci che non posso controllarmi?

NON DEVI MAI SMETTERE DI PROVARCI

Faccio le prove di controllarmi ogni giorno

RIESCI A DIRMI CHE PROVE FAI?

Devo mettere in ordine tante cose e aspetto finchè non resisto più e sto male. Prolungo i tempi e miglioro.

VUOI CHIEDERMI QUALCOSA?

Andrea chiede aiuto testa confusa male sto

CHE AIUTO VUOI?

A guarire mia condizione di autismo. Sono stanco di stare così.
Lo so Andre, lo so.

Questo è uno dei tanti dialoghi originali scritti a computer tra Franco e Andrea. E’ straordinario e allo stesso tempo straziante, come tutto il libro “Se ti abbraccio non aver paura” di Fulvio Ervas. Ho scorto questo libro tra gli scaffali della biblioteca e subito mi ha incuriosita. Ma non credevo di versare lacrime ad ogni capitolo. La storia è vera, sicuramente ne avrete sentito parlare. Qualche anno fa tutti i telegiornali hanno parlato di questo viaggio pazzo di padre e figlio, uniti nel tempo sospeso della strada. Tagliano l’America in moto, si perdono nelle foreste del Guatemala. Per tre mesi la normalità è abolita, e non si sa più chi è diverso. Un’avventura grandiosa, difficile e imprevedibile. Come Andrea. Una storia vera.

Volevo condividere con voi questo libro, se ne avete la possibilità leggetelo, va dritto dritto al cuore.
 
TARTUFINI di PANDORO

Ingredienti per 18 tartufini circa:

400 g di pandoro (va bene anche il panettone)

1 bicchierino di limoncello

2 cucchiai di ricotta (potete metterci anche la panna se non desiderate una versione un po' più light)

1 cucchiaino di buccia d’arancia grattugiata (con la speciale grattugia Microplane)

cacao amaro in polvere Debondt

Sbriciolate il pandoro direttamente nel mixer, versateci il limoncello e la ricotta, aggiungete la buccia dell’arancia e tritate grossolanamente. Formate con le mani dei piccoli tartufi e rotolateli nel cacao. Disponeteli su di un vassoio, ponete in frigorifero un paio d’ore prima di servire.

(Ricetta tratta - e lievemente modificata - dal ricettario Esselunga)
 

22 commenti:

  1. Conosco quel libro, amica mia.. avevano fatto un servizio alla tv, non molto tempo fa.. e avevo conosciuto Andrea e il suo papà proprio in quell'occasione. Straordinari. Grazie e complimenti per questi tartufini davvero eccezionali! Che bontà! :D Buona giornata di cuore, tesoro!

    RispondiElimina
  2. Conosco il libro e arriva dritto al cuore alle emozioni... E ti senti impotente a non poter aiutare queste persone ad essere se stessi in modo semplice invece di avere tanti di quei codici da dover decodificare..... Che perdi pure la strada maestra e ti ritrovi tu in un labirinto.
    Questi tartufini sono meravigliosi ed è bellissima l'idea di usare il pandoro :) feloce giornata :*

    RispondiElimina
  3. il libro non lo conosco, ma sarà l'occasione per leggerlo.
    i pandorini sono golosissimi ;)
    mi trovi tra le tue follower, ti va di passare dalla mia cucina? a presto

    RispondiElimina
  4. Conosco la storia, non ho letto il libro,sono due persone straordinarie!
    Buoni i tuoi tartufini!

    RispondiElimina
  5. una storia emozionante anche se non ho letto il libro...
    ho ancora 1 panettone e un pandoro e le ricette per riciclare mi piacciono e i tuoi tartufi mi piacciono..
    lia

    RispondiElimina
  6. Non conoscevo questo libro e non so se sarei capace di leggerlo, ormai anche i cartoni animati mi fanno piangere figuriamoci le storie vere intrise di emozioni. Bellissima ricetta, complimenti!

    RispondiElimina
  7. woooooooooow!!! un dolcino pazzesco e stra goloso!!!

    RispondiElimina
  8. Bellissimo il dialogo del libro e splendidi i tuoi tartufini...complimenti e un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Questi tartufi sono molto golosi a quest'ora con una tazza di caffè sono l'ideale. Compilmenti per il tuo blog, ti seguirò volentieri! A presto

    RispondiElimina
  10. Non conoscevo questo libro. Grazie per la segnalazione! :))

    Belli i tartufini! SLURP! :))

    RispondiElimina
  11. ciao Kiara, anch'io non conoscevo quel libro... quante cose non riusciamo ancora a capire sugli esseri umani!
    I tuoi tartufini sono fantastici, ideali per una pausa, magari proprio consumati in poltrona con il libro in questione fra le mani...
    Ecco, così mi immagino di assaporarli.
    Come sta la piccola Iris?
    Un bacione particolare anche per lei :))
    Ciao

    RispondiElimina
  12. questo sono uno tira l'altro...
    bacio

    RispondiElimina
  13. Ciao Kiara, ti ringrazio di essere passata da me e di avermi dato la possibilità di conoscerti. Il tuo blog è veramente interessante, complimenti. A presto!

    RispondiElimina
  14. Non l'ho ancora letto è nella pila dei da leggere...
    Ho giusto un pandoro sul groppone mi sembra un buon modo per consumarlo!

    RispondiElimina
  15. Già solo queste poche righe fanno venire la pelle d'oca. Deve essere davvero un libro "impegnativo". In casa mia il pandoro non rimane mai :D quindi rubo due dei tuoi tartufini

    RispondiElimina
  16. ho visto un servizio alle iene dove ne parlavano e solo il servizio mi aveva molto commosso...grazie per aver condiviso una pagina del libro.
    M rubo uno dei tuoi tartufini e ti lascio un saluto.
    Baci

    RispondiElimina
  17. mi ispira moltissimo! proverò a cercarlo ! un bacione

    RispondiElimina
  18. you'll be able to choose out your funny image as per your want and interest. o To make sure that the funny element remains intact inside your text message, keep that short and simple. The videos relax, they make people smile and as they say, laughter is the best medicine.

    Also visit my web site very funny pictures and cartoons

    RispondiElimina
  19. Kiara sono favolosi be prendo uno baci ISA

    RispondiElimina
  20. Mi hai messo curiosità...lo cercherò in libreria...intanto mi rubo un tartufino!! Ciao ciao

    RispondiElimina
  21. Che belli questi tartufini... e che buoni!
    Bello tutto il blog... ti seguo volentieri!

    RispondiElimina

Stampa e PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...