venerdì 2 maggio 2014

Crostata agli amaretti della Gianna

Oggi voglio condividere con voi una torta che mi riporta indietro nel tempo. Questa crostata infatti, mia mamma la prepara fin da quando ero bambina. E che mi ricordi, è sempre piaciuta a tutti, di generazione in generazione. Provatela, poi mi direte!
Ah, quasi dimenticavo...mercoledì si è concluso il Contest "Ricette Regionali", realizzato in collaborazione con Magnaitalia. Volevo ringraziare tutte le persone che hanno partecipato e l'entusiasmo che avete messo in ogni piatto! Mi avete fatto conoscere piatti che non avevo mai nemmeno sentito nominare! E' stata un'esperienza splendida, che ci ha unito tutti quanti. Un grazie particolare a Magnaitalia per avermi affiancato in questo viaggio.
La prossima settimana verranno decretati i finalisti...che vinca il migliore!!!
E ora la ricetta...
Per la frolla:
400 g di farina 00 per Dolci e Sfoglie Molini Rosignoli
200 g di burro morbido a temperatura ambiente
200 g di zucchero Zefiro Eridania
1 uovo intero
2 tuorli
la buccia grattugiata di un limone non trattato
un pizzico di lievito
un pizzico di sale
Per il ripieno:
150 g di amaretti 
Preparate velocemente la frolla, come di consueto, con gli ingredienti sopra indicati. Lasciatela riposare in frigorifero per almeno mezz’ora. Nel frattempo preparate il ripieno, stemperando la marmellata in una terrina e sbricolandovi dentro gli amaretti. Amalgamate bene il tutto. Stendete quindi la frolla, dividendola in due dischi, di cui uno più grande. Imburrate e infarinate uno stampo da crostata (per me Guardini), adagiatevi sopra il disco di frolla più grande e bucherellatene il fondo. Ritagliate la pasta in eccesso sui bordi. Versatevi il composto di marmellata e amaretti e ricoprite il tutto con l’altro disco di pasta. Sigillate i bordi e bucherellate qua e là la superficie. Infornate a 180°C per circa 30’. Sfornate, lasciate raffreddare e spolverizzate a piacere la superficie con zucchero a velo.


20 commenti:

  1. Cugina ho appena stampato la ricetta perché io adoro follemente le torte agli amaretti! Domenica la preparerò :))))))
    Un bacione a te e alla principessina
    Lara

    RispondiElimina
  2. Dove c'è una crostata ci sono io, favolosa!

    RispondiElimina
  3. Semplicemente wow!! Deliziosa. L'aggiunta degli amaretti la rende irresistibile. Complimenti Chiara!!

    RispondiElimina
  4. FANTASTICA, CHE RICETTINA, LE INSORMONTABILI CROSTATE, EH???? ME NE DAI UNA FETTA DA ASSAGGIARE, SAI ULTIMAMENTE SONO UN PO' PIGRA!!! BACIOTTI SABRY

    RispondiElimina
  5. mm che delizia!Una fetta di crostata la gusterei molto volentieri visto che sono chiusa in casa a sentire il forte temporale che si sta scatenando fuori!
    Baci e buon weekend!

    RispondiElimina
  6. Mi spiace non aver trovato il tempo di partecipare al contest, Chiara. Aspetto la prossima occasione e spero di avere un attimo di respiro :)
    Meravigliosa questa crostata con gli amaretti che adoro! Mi aveva già incantata su Fb e sono felice di essere riuscita a leggerne le indicazioni.
    Un abbraccio e buon weekend!
    MG

    RispondiElimina
  7. Anche mia mamma prepara una torta con gli amaretti da sempre, e pure io ormai da anni la faccio e piace parecchio, splendide le ricette che si tramandano da mamma a figlia e poi nipote, ecc....la tua Kiara, squisita io poi amo gli amaretti!

    RispondiElimina
  8. Che meravigliosa crostata è di sicuro buonissima e gli amaretti le conferiscono una nota in più a livello di sapore, inoltre si tratta di una ricetta speciale in quanto riveste per te un valore affettivo perchè appartenente alla tua mamma:))grazie mille per averla condivisa, la salvo nel pc, mi piacerebbe davvero provarla:))
    un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  9. Grazie ragazze! Riferiró i complimenti alla mente! Ne sarà estasiata! ♥
    Cuginetta, se adori gli amaretti, a breve pubblicherò la ricetta di una crostata con robiola e gli adorati biscotti. ...da svenimento!

    RispondiElimina
  10. semplice e meravigliosa, da rifare

    RispondiElimina
  11. I sapori e i profumi dell'infanzia sono quelli che ci accompagnano per sempre. Questo dolce deve essere veramente delizioso :))
    A presto, Patrizia

    RispondiElimina
  12. Ho degli amaretti minuscoli (non so se ne hai mai sentito parlare, si chiamano Nocciolini di Chivasso) che vorrei giusto impiegare per preparare un dolce.
    Essendo così piccoli li potrei distribuire lasciandoli interisopra a uno strato di marmellata o meglio comunque mescolarli? Che ne dici?
    Questa crostata mi ispira davvero tanto quindi la devo assolutamente preparare :) poi la crostata è la mia torta preferita in assoluto!
    Un abbarccio e grazie!!

    RispondiElimina
  13. che bellezza!!
    Amo gli amaretti e per me è perfetta.
    Buona notte.
    Inco

    RispondiElimina
  14. bellissima torta !
    scusami tanto chiara guardavo l'elenco delle ricette partecipanti, ma hai messo la mia torta mantovana fra le ricette della Lombardia, ma come specificato anche nel post stesso è una torta di origini toscane, nonostante il nome
    scusa e grazie

    RispondiElimina
  15. La crostata deve essere buonissima, ma...per favore... per favore... usate il verbo giusto!!! Perché da quando "sono" bambina??? E' ancora bambina? Non sarebbe meglio dire da quando "ERO" bambina??? Altrimenti si pensa ad un arresto della crescita. Scusi e grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incasso la "bacchettata" a testa bassa e corro a correggere la svista. Posso offrirle un'altra fetta per avere il suo perdono? Sono io a dovermi scusare...

      Elimina
  16. Che diametro deve avere la teglia?

    RispondiElimina
  17. Che diametro deve avere la teglia?

    RispondiElimina

Stampa e PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...