Treccine di carnevale

Tovaglietta e piattino Green Gate
E anche per questo martedì grasso, non potevo di certo esimermi dal friggere. E allora eccovi queste particolari treccine, a base di formaggio fresco spalmabile (che potete tranquillamente sostituire anche con della ricotta di pecora). Morbidissime e golosissime, anche per me che non amo particolarmente i dolci fritti di carnevale. Notare che sono piaciute tantissimo anche a Iris! Capita raramente. La piccola mi ha aiutata a impastare e una volta pronte le treccine preparate da lei, ha voluto assaggiarle, ha chiesto il bis e addirittura il tris!
Ingredienti:
500 g di farina + quella per la spianatoia
25 g di lievito di birra (per me 12 g)
120 g di formaggio fresco spalmabile
25 g di burro
3 tuorli
150 ml di latte
30 g di zucchero semolato
zucchero a velo
olio per friggere
sale
setacciate la farina nella ciotola della planetaria (o in una ciotola se impastate a mano), unite il formaggio fresco spalmabile, il burro sciolto, il lievito sbriciolato, lo zucchero semolato e un pizzico di sale. Versate il latte intiepidito e impastare tutti gli ingredienti con la frusta a gancio per almeno 5 minuti. Coprite e lasciate lievitare per 2 ore in luogo tiepido (avendo dimezzato le dosi del lievito, ho raddoppiato i tempi di lievitazione).
Sgonfiate l’impasto, infarinate il piano di lavoro, stendete la pasta in una sfoglia rettangolare dallo spessore di 0,5 cm e ricavate tanti bastoncini (lunghi circa 10 cm). intrecciateli 2 a 2 e fissate le estremità (se no in fase di cottura vi si apriranno).
Scaldate abbondante olio in una padella e friggete le vostre treccine, poche per volta, rigirandole sui due lati, fino a che risultano dorate. Disponetele su carta assorbente ad asciugarsi e cospargetele con abbondante zucchero a velo. 


8 commenti

andreea manoliu
Io li mangerei non solo al carnevale, visto che questa festa non mi piace, come anche tante altre, ma vorrei mangiarli durante tutto l'anno per non rimanere male che poi, sono messi in disparte per un anno intero. Buone, buone ! Buona giornata !
SABRINA RABBIA
chissa' quanto saranno buone!!!!Baci Sabry
paola
fantastiche,belle e buone,felice martedì grasso
Michela Sassi
Sono favolose!!!!!!
Bravissima!
Luisa Piva
Chiara sono favolose!! a parte belle.. ma mi fanno una gola!! brava
Barbara Baccarini
ma sembrano sofficissime!
chissà che buone...io ho già archiviato tutta l'attrezzatura per friggere ma dopo averle viste quasi quasi la tiro fuori e mi metto al lavoro!
brava
laura flore
Kiara, sono meravigliose mi ricordano le fritelle della mia infanzia!
In Sardegna a Carnevale il martedì grasso si per tradizione si fanno queste treccine, la differenza sta nel fatto che le tue sono di pasta briosche, quelle che faceva la mia mamma sono tipo la pasta frolla fatte con la farina di semola rimacinata! Adoro le tue treccine, grazie per avermi fatto tornare bambina! Sei bravissima, complimenti!
Un abbraccio Laura :-):-):-)
Rosy
che meraviglia, non le conoscevo:))l'aspetto è magnifico e la consistenza interna sofficissima, mi piacciono troppo, di sicuro sono golosissime, complimenti:)).
Un bacione:))
Rosy

Instagram

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli