Tagliatelle alla Santa Giuletta


Buongiorno cari amici affezionati alla cucina tipica regionale. Oggi è il 2 febbraio, quindi giorno di ricette tipiche italiane per noi de L'Italia nel Piatto. In questa nuovissima uscita vi proponiamo "Il piatto del Santo Patrono" ovvero un piatto che viene consumato o preparato in occasione di una festa patronal. Devo dire che non è stata un'impresa così semplice. Se non l'avessi già pubblictata, per la Lombardia vi avrei presentato la ricetta della Büseca (o Trippa), preparata in occasione della festa patronale di San Bassiano (19 gennaio) a Lodi.
Cercando in rete e chiedendo quà e là, ho scoperto invece questo piatto tipico dell'oltrepò pavese, noto come 'Tagliatelle alla Santa Giuletta" dal nome del paese in provincia di Pavia da cui sembra essere originario.
Questo piatto è legato a una leggenda (quanto mi piacciono queste cose): il 19 maggio 1859 il marchese e Ciambellano Imperiale Lorenzo Isimbardi, di ritorno da un giro di perlustrazione nelle sue campagne, si trovò ad avere come inattesi ospiti quattro ufficiali piemontesi e francesi, tra questi anche il conte Corrado Cravetta di Villanovetta dei Cavalleggeri del Monferrato. Mentre il marchese intratteneva gli ospiti, vennero raggiunti da due ufficiali austriaci del reggimento Ulani delle Due Sicilie, anche loro in visita di cortesia. L’atmosfera era molto critica perché gli ufficiali erano di due opposte fazioni, le stesse che, il giorno seguente, avrebbero combattuto la famosa battaglia di Montebello (20 maggio 1859). Il marchese, imbarazzato e preoccupato per la situazione, decise di invitare tutti a gustare i piatti locali e ordinò ai cuochi di cucinare, tra le tante altre specialità, anche questo primo che suscitò apprezzamenti da parte dei commensali che, almeno per quel momento, mise tutti d’accordo. Quando la cucina fa miracoli...
Ma passiamo alla ricetta, la cui realizzazione è molto semplice e veloce.


Ingredienti per 4 persone:
500 g di tagliatelle all’uovo fresche
250 g di lingua salmistrata
150 g di prosciutto crudo a fette
150 g di sedano verde bio BioExpress
100 g di burro
sale
pepe

Tagliare la lingua salmistrata a fettine e poi a listarelle sottili insieme al prosciutto crudo. Tagliare il sedano a fiammifero.
In un tegame antiaderente fondere il burro e rosolare per 10 minuti la lingua salmistrata, il prosciutto e il sedano.
Lessare le tagliatelle in abbondante acqua salata, sgocciolarle al dente, trasferirle nel tegame e spadellatre con il sugo.
Completate con abbondante pepe macinato fresco.




E ora vediamo cos'hanno preparato le regioni restanti...

Friuli Venezia Giulia: Frico di patate
Emilia Romagna: Le scarpette di S. Ilario
Liguria: Pane Martino
Calabria: Lagane e ciciri
Sardegna: Sa Cogone de Pistiddu
 

11 commenti

Tomaso
Nn conoscevo questo, piatto con questo nome, cara Kiara credo che sia veramente buonissimo!!!
Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
Tomaso
Laura - Profumo di Sicilia
Io vivo a pochissimi km da Santa Giuletta e non conoscevo queste deliziose tagliatelle... devo porvi immediatamente rimedio! A presto LA
Kucina di Kiara
Ma veramente Laura??? Allora non abitiamo poi così distanti...io sono di Lodi!!! :-)
L'ho trovata cercando e ricercando qualcosa su internet...io non sapevo nemmeno esistesse una Santa con questo nome! Ehehehehe
Elisa Di Rienzo
Bellissimo leggere le storie che si nascondono dietro preparazioni della tradizione!
Ciao
marina riccitelli
certo è proprio vero che a tavola sono tutti d'accordo! Peccato poi il giorno dopo.... E' proprio un bel piatto, la lingua non la mangio mai ma il piatto è super invitante!
Un'arbanella di basilico
E' proprio vero che la tavola rende tutti uguali! E con queste squisite tagliatelle non poteva essere diverso :) Bacione
Natalia
Che bello questo racconto. Un primo piatto facile e gustoso.
Gaia
Mai mangiata la pasta con la lingua! Da provare!
Marianna Manzi
Che storia interessante Chiara e queste tagliatelle sono veramemte deliziose. Un abbraccio.
Chiara Selenati
Ma che bella leggenda! Mi fanno sempre sorridere i nomi lunghissimi che usavano una volta :)
Il tuo piatto è molto invitante. Ciao!
2 Amiche in Cucina
Un bellissimo piatto con una bella storia alle spalle, complimenti.

Un bacio
Miria

Instagram

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli