Il Fragolaccio vegano


Tovaglietta, piattino e cucchiaino presenti nelle varie foto sono di Green Gate

Ci sono ricette che ti fanno innamorare solo dal nome. Così è stato per questo Fragolaccio, visto sul magnifico blog di Daniela IdeeRicette.
Forse mi ha fatto tenerezza il suffisso che pare dia un valore peggiorativo al nome. Da buona paladina della legge quale sono, eccomi subito schierata. Scherzi a parte, questo dolce ha solo note positive, anzi, strabilianti! E' stato proprio come me lo aspettavo: di-vi-no!
L'unica variante apportata è stata quella di trasformarlo in un Fragolaccio vegano.
Eccovi la ricetta! Per la versione originale, ovviamente, vi rimando a IdeeRicette!


Ingredienti per una torta per 10 persone circa:
200 ml di latte di avena (prossimamente sul blog posterò la ricetta su come prepararlo in casa, ma potete sostituirlo magari con del latte di mandorla)
250 g di fragole
100 g di olio di semi
100 g di granella di nocciole
150 g di zucchero integrale di canna
8 cucchiai di maizena (che vanno a sostituire le 4 uova presenti nell'impasto)
1 cucchiaio di acqua
100 g di farina di avena Molino Rossetto
zucchero a velo

Procedimento: 
Lavare, pulire e tagliare le fragole a pezzetti.
In una pentola versare il latte e poi le fragole. Portare quasi a bollore, mescolando ogni tanto, quindi spegnere e far intiepidire.


Versare in una ciotola lo zucchero e la maizena, quindi versare l'olio di semi e mescolare. Aggiungere il cucchiaio di acqua, quindi la farina 00.
Nel frattempo frullare nel mixer ((per me il praticissimo Smart Chopper Princess) le fragole con il latte in modo da ottenere una purea densa.


Aggiungere il frullato di fragole all’impasto.
Ora, attenzione, la ricette prevede l'aggiunta di albumi a neve ferma. Servono per rendere il dolce morbido e soffice. Potevo ometterli, sicura comunque del risultato. Ma ho voluto provare a fare come indicato sul blog Golosità Vegane, ovvero usare l'acqua di cottura dei legumi (in particolare dei fagioli) montata a neve! Vi giuro che mi è sembrato di scoprire l'acqua calda! Una genialata!
Ora, amalgamare il tutto, mescolando dal basso verso alto e con delicatezza. Per finire la granella di nocciole. 
Versare il composto in una teglia con lo stampo a cerniera (io ne ho usato uno così, ma con i bordi estraibili in silicone, così non si è nemmeno presentato il "problema" di dover ungere e infarinare la teglia).
Cuocere in forno caldo a 180° per 40 minuti circa o comunque fino a quando, alla prova stecchino, l’impasto sarà asciutto.
Lasciare raffreddare quindi spolverizzare con lo zucchero a velo.

5 commenti

consuelo tognetti
Amo questo tipo di torte :-) non mi resta che provare con le belle fragole che ho in frigo :-)
Buon we Kiara <3
Cipensiamo Noi
Che buono è proprio invitante, adoro tutto quello che contiene fragola e questo sarà l'apoteosi!! Complimentissimi!! Bacione buon week end! :-D
andreea manoliu
Una torta umidiccia ma profumata per via delle fragole ma anche delle nocciole, buona per ogni momento della giornata !
Anonimo
GNAM! sembra proprio buona questa tortina! Molto umida, deve essere morbidissima!
Dany - Ideericette
Ah ah ah.. la paladina degli indifesi!! Battute a parte, il tuo fragolaccio è strepitoso! Il nome può suonare strano ma... quando ho assaggiato la mia versione della torta umida alle fragole della Giulia, cui avevo aggiunto la granella di nocciole, ho avuto l'impressione (per altezza, consistenza e sapore) che fosse la versione estiva del castagnaccio toscano... e così ho coniato questo nome! Ecco svelato il motivo del nome!

Instagram

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli