Flan di spinaci, ricotta e raspadura


Buongiono a tutti e ben trovati per la nuova uscita de L'Italia nel Piatto. Per questo 2 maggio vi proponiamo “LA RICETTA PERFETTA” INGREDIENTI: territorio, tradizione, creatività.
Per la Lombardia ho pensato al Flan di spinaci, ricotta e raspadura per svariati motivi. Gli spinaci sono di stagione, inoltre questo flan è perfetto come ricetta poichè infallibile e versatile (potete usare, al posto degli spinaci, erbette, ortiche, o quello che vi suggerisce la fantasia). Io l'ho presentato come antipasto nel mio menù di Pasqua ed è stato un successo. Tocco finale, la Raspadura. Forse non tutti di voi la conoscono. Chiamata volgarmente raspa, si tratta di sfoglie di grana raschiate con un apposito coltello dalla forma del Granone Lodigiano. Sul mio profilo IG, se fate scorrere le immagini, troverete a un certo punto un video sulla realizzazione della Raspadura, cavallo di battaglia lodigiano.


Ma passiamo alla ricetta:

Ingredienti per 4 persone
300 g di spinaci biologici BioExpress
60 g di grana grattugiato
1 uovo
250 g di ricotta vaccina
noce moscata q.b.
sale q.b.
olio extravergine di oliva q.b.
60 g di raspadura per decorare

Per la salsa
150 g di latte intero
200 g di raspadura
pepe nero macinato q.b.

Inoltre vi serviranno
burro ammorbidito q.b.
farina 00 q.b.

Lava gli spinaci con cura sotto l’acqua corrente, quindi falli bollire una decina di minuti. Una volta pronti, scolali e strizzali per eliminare l’acqua in eccesso.
Metti la ricotta in un robot da cucina, poi sminuzza grossolanamente gli spinaci e uniscili alla ricotta, insieme al grana grattugiato e all’uovo.
Aziona il robot fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea, quindi condisci con sale e una grattugiata di noce moscata.
Prepara gli stampini per i flan (io ho usato i classici stampini di carta stagnola che si trovano al supermercato): imburrali, quindi ritaglia dei cerchietti di carta forno da collocare sul fondo dello stampino. Infine, cospargili di farina eliminando l’eccesso.
Riempi gli stampini con l’impasto di ricotta e spinaci, arrivando all’orlo. È necessario cuocere i flan a bagnomaria per far si che non si brucino e rimangano morbidi e umidi: riempi con due dita d’acqua bollente una pirofila, quindi immergi gli stampini distanziandoli bene tra loro e inforna in forno statico preriscaldato a 180° per 30 minuti circa.
Nel frattempo, prepara la salsa d’accompagnamento. In un tegame scalda il latte e, sfiorato il bollore, aggiungi la raspadura e il pepe nero. Mescola con una frusta fino ad ottenere una crema corposa e filante.
Sforna i flan. Per estrarli dallo stampino lasciali riposare qualche minuto, quindi capovolgili. Si staccheranno con estrema facilità (ricordati di eliminare il fondo di carta forno!). Servi i flan di ricotta, spinaci e raspadura ricoprendoli con abbondante salsa e decorandoli con sfoglie di raspadura sulla superficie.





E ora vediamo cos'hanno preparato di buono le altre regioni:


Valle d’Aosta:
Trentino:
Abruzzo:
Basilicata:


9 commenti

Tomaso
Cara Kiara, lo sai che un piatto così, non lo avevo mai visto, e credo sia molto buono e fa sicuramente bene.
Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
Tomaso
Un'arbanella di basilico
Ma che bello e appetitoso questo flan! Ciao Chiara, bacio :)
Daniela
Che buono! Poi io adoro la raspadura ^_^
Milena De Palma
Che golosi questi flan e belli anche da portare a tavola!
Un abbraccio
Chiara - That's Amore!
Bellissima proposta! Che gola queste foto :P
elena
Ottima la raspadura e quella cremina che scende dai flan è golosissima! Complimenti!
marina riccitelli
Proprio una ricetta perfetta! E' bellissimo questo piatto, elegante e raffinato ed immagino abbia un sapore meraviglioso! complimenti, ciao!!
2 Amiche in Cucina
Molto bella la presentazione e sicuramente buonissimi.
A presto
Natalia
Non conoscevo il termine raspadura. I flan mi piacciono tantissimo, certo che serviti con quel formaggio e la salsetta devono essere ancora più buoni. Buona giornata.

Instagram

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli