Vulp

 

Eccoci ritrovati con il consueto appuntamento mensile de L'Italia nel Piatto. Tema di ottobre: Mangiamo frutta o verdura di stagione? Per la Lombardia, vi riporto una ricetta antica, tipica di Mortara, il Vulp.

Si tratta di un piatto povero della più antica tradizione culinaria e contadina locale. Lo preparavano i contadini nel periodo autunnale, durante il quale procedevano alla macellazione delle oche. Si utilizzavano i ritagli d’oca derivanti dalla macellazione, che si definiva “furbo”: da qui il nome di questo piatto “vulp” (volpe), l’animale simbolo per eccellenza.

Degna di nota è la zona dove nasce questo piatto, La Lomellina, caratterizzata da un paesaggio fatto di campi, risaie, cascine e piccoli paesi. La capitale di quest'area è appunto Mortara, una bellissima cittadina che vale la pena visitare se vi capita di passare in quella zona. La sua fama rimane legata ad un prodotto gastronomico molto prelibato, il famoso salame d'oca. Infatti il simbolo di Mortara è proprio l'oca. Degna di nota una delle più amate feste folcloristiche della zona: la Sagra del Salame d'Oca, che si svolge l'ultima domenica di settembre.

Per la fonte e i cenni storici, ho fatto riferimento a questo sito

Ma passiamo alla ricetta del Vulp d'oca di Mortara, che vede come protanisti la pasta di salame d'oca e la verza, ortaggio tipico di questa stagione.

Dalla pasta di salame, ricavate dei filoncini lunghi circa 5 cm e disponeteli in una teglia rivestita da carta da forno. Spennellateli con olio d'oliva e infornate a 220°C per 10 minuti.

Nel frattempo, staccate dalla verza, le foglie più tenere che trovate, quelle con la costa centrale più sottile. Lavatele, asciugatele delicatamente e friggettele in abbondante olio di oliva.

Disponete le foglie fritte in un piatto da portata, adagiatevi sopra i filoncini di pasta di salame d'oca e servite.


 

E ora vediamo cos'hanno preparato le altre Regioni...

Liguria: Erbùn
Lombardia: Vulp

8 commenti

Natalia
Curiosissima di provare questo salame d'oca. Una bella ricetta, che ci porta alla riscoperta delle tradizioni gastronomiche di un tempo.
Un'arbanella di basilico
Ero curiosissima di vedere cosa fosse il vulp. Un piatto molto saporito e stuzzicante! Buona domenica :)
Jeggy
Piatto fantastico! Sarei curiosa di assaggiarlo!
Antro Alchimista
Una ricetta che mi intriga proprio tanto! Quanto vorrei assaggiarla :) Un bacio
marina riccitelli
Simpatico il nome e il suo significato! Una ricetta proprio originale! ciao!!
Mary
Anch'io ero curiosissima di vedere cosa fosse il Vulp...Dev'essere una vera leccornia!
Baci,
Mary
Sabrina
Un piatto davvero invitante e dev'esser davevro molto squisito!

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli