Polpette di pane

Buttare il cibo è un gesto che a casa mia non succede mai e così dovrebbe essere in tutte le case del pianeta. Ma purtroppo si sa, non tutti hanno la pazienza, la fantasia o semplicemente la voglia di tenere da parte gli avanzi per donargli nuova vita. Eppure basta così poco.

Prendete per esempio il pane. E' uno degli alimenti più sprecati al mondo!

Guardate cosa si può fare. Queste polpette, viste sul sito Chiarapassion le ho fatte subito mie! Talmente buone da far paura! Ottime da mangiare in bianco e semplicemente divine tuffate nel sugo di pomodoro!

Con l'impasto avanzato ho preparato anche un'ottima finta pizza...cosa desiderare di più dalla vita?



Ingredienti per le polpette:
300 g di pane raffermo
2 uova
acqua
Grana padano grattugiato
Pecorino romano grattugiato
2 cucchiai di pangrattato
prezzemolo qb
sale
pepe nero
olio extra vergine d'oliva Azienda Agricola Pernigo

Ingredienti per il sugo di pomodoro:
pomodori ramati Bioexpress
olio extra vergine d'oliva
basilico
un pizzico di zucchero
sale

Preparazione
Per prima cosa preparare le polpette: mettete il pane spezzettato a bagno nell'acqua (o se preferite nel latte). Io l'ho lasciato per circa 2 ore. Una volta ammorbidito, strizzarlo per bene. Aggiungere le uova intere, i formaggi grattugiati, il pangrattato, il prezzemolo tritato, una macinata di pepe nero e aggiustare di sale.
Lavorare bene l'impasto e formare delle polpettine grandi quanto una noce. Sistemarle su una teglia rivestita da carta forno, condire con un filo d'olio extra vergine d'oliva e cuocere in forno caldo a 180° C (modalità ventilato) per circa 20 minuti. In alternativa friggerle in olio di arachide bollente fino a che non sono belle dorate (senza dubbio questa seconda versione è la più golosa, ma io questa volta ho preferito la prima).


Preparare il sugo di pomodoro facendo imbiondire in un tegame l'aglio con l'olio, poi eliminarlo e aggiungere i pomodori precedentemente incisi a croce, sbollentati, pelati e tagliati a pezzetti, aggiustare di sale e aggiungere la punta di un cucchiaino di zucchero per togliere l'acidità. 


Cuocere il sugo per circa 15 minuti.
Aggiungete qualche foglia di basilico fresco alla salsa e tuffare dentro le polpette, facendole insaporire per circa 10 minuti. Servire calde con un filo d'olio extra vergine di oliva a crudo. Mangiare con moderazione. :-)





6 commenti

Laura Soraci Profumo di Sicilia
Io ho una dipendenza per tutto quello che sia a forma di polpetta, con qualunque ingrediente esse siano, e quelle di pane sono tra le mie preferite! Deliziose A presto LA
Cipensiamo Noi
hai ragione mai buttare via ! anche io cerco di riciclare al massimo e queste polpette, sono davvero gustose e invitanti e molto profumate.Complimenti,altro che piatto da riciclo...sono un vero piatto prelibato. un abbraccio buon fine settimana, Mirta. Baci
LaCuochettaeilPiccoloChef
Concordo in pieno, non si dovrebbe mai sprecare nè buttare il cibo. Buonissima la tua idea di riciclo.
Buon week end.
Marina
edvige
I gnocchi di pane è un must della cucina austriaca come anche della cucina triestina probabilmente reminiscenze dell'impero austro-ungarico. Ci sono anche i "serviettenknoedel" fatti sempre con il pane ma non sono tondi li ho sul mio blog cucina anche di casa mia. Inoltre amano tanto i gnocchi di pane che nella ristorazione li trovi sempre perchè usano il pane fresco che viene tagliato, essicato in forno e poi traformato in polpette (knoedel). Ottime l'insieme con il formaggio brava e buona fine settimana.
valentina daminelli
che buone, io le polpette le farei con qualsiasi cosa sono proprio una passione!
Giuliana Manca
Che belle che sono, fanno venire subito fame!

Instagram

Instagram

Disclaimer

L'autore di questo blog non utilizza cookie di profilazione, nè risponde di quelli eventualmente installati da terze parti ai quali non ha accesso. Ai sensi del punto 2 del provvedimento del Garante della privacy "Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie" - 8 maggio 2014 [3118884] Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.


Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Tutti i diritti relativi a fotografie e immagini presenti su questo blog, sono di mia esclusiva proprietà (Chiara Rozza) e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto in siti o in spazi non espressamente autorizzati da me.





>

Login | Privacy & cookie policy | Graphic design Sara Bardelli